Conflitti 3078 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO D'ARTE SACRA DELLA MARSICA - CASTELLO PICCOLOMINI DI CELANO ​ Largo Cavalieri Di Vittorio Veneto Celano 67043

Celano (AQ) - dal 10 al 18 maggio 2008

Conflitti

Conflitti

 [Vedi la foto originale]
MUSEO D'ARTE SACRA DELLA MARSICA - CASTELLO PICCOLOMINI DI CELANO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Largo Cavalieri Di Vittorio Veneto (67043)
+39 0863793730 , +39 0863792922 (fax)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Dodici artisti abruzzesi, sono presenti in una interessante mostra che intende dare il quadro di una situazione artistica, vivace e polifonica, in un’area sacrificata tra due poli culturali estremamente attivi come Roma e Pescara, che poco guardano a quel territorio
orario: Tutti i giorni ore 9 -12 ; 16 - 19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 10 maggio 2008. ore 17
curatori: Rosella Siligato
autori: Giuseppe Cipollone, Sonia De Michele, Fabio de Santis, Gianpiero Duronio, Roberto Falco, Francesca Faraone, Antonio Graziani, Sergio Maritato, Antonio Massimiani, Raffaella Simone, Franco Sinisi, Pasquale Verdone
genere: arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Dodici artisti abruzzesi, sono presenti in una interessante mostra che intende dare il quadro di una situazione artistica, vivace e polifonica, in un’area sacrificata tra due poli culturali estremamente attivi come Roma e Pescara, che poco guardano a quel territorio.
Giuseppe Cipollone, Sonia De Michele, Fabio De Santis, Gianpiero Duronio, Roberto Falco, Francesca Faraone, Antonio Graziani, Sergio Maritato, Antonio Massimiani, Raffaella Simone, Franco Sinisi e Pasquale Verdone adottano linguaggi tra loro molto diversi, ma dal loro lavoro emerge nel complesso un comune e insistente filo conduttore tematico : il conflitto con i modi e ancor più con i tempi di una modernità che sempre più sta rivelando il suo volto peggiore. Ne scaturisce come conseguenza la rivisitazione di quelle radici con cui per molti anni erano entrati in conflitto e a cui avevano cercato con determinazione di sfuggire. Sentono che per poter competere bisogna prima ritrovare la propria identità culturale, come il Futurismo e la Metafisica, o locale, come la terra di origine.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram