Ezio Gribaudo - La materia e i simboli 3087 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
Il Ninfeo degli Specchi torna alla luce, con zampilli e scherzi d'acqua
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva ACCADEMIA ALBERTINA DI BELLE ARTI ​ Via Dell'accademia Albertina 6 Torino 10123

Torino - dal 5 maggio al 5 giugno 2008

Ezio Gribaudo - La materia e i simboli
[leggi la recensione]

Ezio Gribaudo - La materia e i simboli
[leggi la recensione]
ACCADEMIA ALBERTINA DI BELLE ARTI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Dell'Accademia Albertina 6 (10123)
+39 011889020 , +39 0118125688 (fax)
info@accademialbertina.torino.it
www.accademialbertina.torino.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra comprende una cinquantina di lavori e prende le mosse dalle giovanili opere informali di Gribaudo, per includere poi alcuni degli esempi più significativi della ricerca successiva, con particolare attenzione alle fondamentali serie dei Flani,Logogrifi,Teatri della memoria e sculture
orario: Dal lunedì al venerdì 15.00-18.30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 5 maggio 2008. ore 18
catalogo: testi di Luigi Cavadini,Silvia Pegoraro e Maria Teresa Roberto
editore: SKIRA
autori: Ezio Gribaudo
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
L’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino conferisce la medaglia di accademico d’onore a Ezio Gribaudo

Lunedì 5 maggio 2008 alle ore 18



Ezio Gribaudo (Torino, 1929), uno dei più interessanti artisti italiani contemporanei, come per la maggior parte degli artisti della sua generazione è stato inizialmente influenzato dal movimento dell’arte informale.

La mostra comprende una cinquantina di lavori e prende le mosse dalle giovanili opere informali di Gribaudo, per includere poi alcuni degli esempi più significativi della ricerca successiva, con particolare attenzione alle fondamentali serie dei Flani,Logogrifi,Teatri della memoria e sculture.

Michel Tapié - il critico francese che coniò la definizione di “art informel” - presentò la personale di Gribaudo alla Galleria del Cavallino di Venezia nel 1961, dove comparvero per la prima volta i famosi “flani”, oggetti tratti dal mondo della tipografia, valorizzati come ready-made. Dall’idea dei “flani” si sviluppa infatti tutta la sua ricerca successiva. A cominciare dai Logogrifi - che gli valsero il premio per la grafica alla Biennale di Venezia del 1966 e lo resero celebre: scritture cifrate esoteriche e “magiche”, impresse e rilevate bianco su bianco su carta buvard, assorbente e porosa. I Bianchi sono levariazioni tridimensionali, realizzate dal 1965 ad oggi, prevalentemente in polistirolo e sabbia, degli originali Logogrifi bidimensionali.

Sempre nel 1966 Pierre Restany, includendo l’artista nel movimento del “Nouveau Réalisme”, aveva scritto che “Il mondo di Ezio Gribaudo è il mondo della tipografia, dell'impressione, dell'edizione”, che egli ha saputo usare “come una fonte inesauribile di immagini poetiche e nuove”. Questo vale specialmente per quella sorta di borgesiana biblioteca di Babele costituita dalla serie dei Teatri della memoria (tecnica mista e collage), iniziata a metà degli anni ’60 e tuttora in progress, dove il fascino dei flani tipografici si sposa a uno straordinario, sapiente e sensuale uso del colore. Qui troviamo cavalli e dinosauri, scarabei e farfalle, la Torre di Tatlin e la Mole Antonelliana, bassorilievi egizi e statue classiche: un sorprendente repertorio-assemblage di immagini, dove la natura si fonde con la cultura e con la storia, la memoria individuale s’intreccia a quella collettiva, e insieme s’incrociano con l’utopia, il sogno, l’immaginazione: un po’ come avveniva nelle antiche Wunderkammer - le “stanze delle meraviglie” - frutto dell’aristocratico e bizzarro collezionismo dell’era pre-moderna, favolose antesignane dei moderni e assai più asettici musei .

In catalogo SKIRA testi di Luigi Cavadini,Silvia Pegoraro e Maria Teresa Roberto

.

Nota biografica. Gribaudo è nato nel 1929 a Torino, dove vive e lavora. Le tappe della sua carriera artistica sono segnate dall’intensa attività espositiva che dal 1953 ad oggi lo hanno reso protagonista della scena culturale con importanti mostre personali e collettive in gallerie e musei in Italia e all’estero. Tra i numerosi riconoscimenti alla sua attività creativa ricordiamo nel 1955 il premio alla Biennale Giovani di Gorizia, quello alla IX Quadriennale d’arte nel 1965, il premio alla XXXIII Biennale di Venezia del 1966 e alla Biennale di San Paolo del Brasile nel 1967. Nel 2003 riceve la medaglia d’oro ai benemeriti della Cultura e dell’Arte dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi e il Premio Torino Libera del Centro Pannunzio.

Nel 2005 è stato nominato presidente dell’Accademia Albertina di Torino.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram