Ennio Morlotti - Fascino della Materia 3064 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA D'ARTE STUDIO ECLEKTICA ​ Via Delle Case Dipinte 17 Pisa 56127

Pisa - dal 30 maggio al 30 giugno 2008

Ennio Morlotti - Fascino della Materia

Ennio Morlotti - Fascino della Materia
GALLERIA D'ARTE STUDIO ECLEKTICA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Delle Case Dipinte 17 (56127)
+39 3471849823
sda-eclektica@yahoo.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Uno dei grandi maestri del critico d'arte Lionello Venturi. Nei suoi paesaggi che sembrano apparentemente uguali emerge la statura del grande artista, i colori su muovono sulla tela come archetipi romantici.
orario: da lunedi a Venerdi ore 10-13 e 16-20
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 30 maggio 2008. ore 18.00
catalogo: in galleria.
editore: SKIRA
curatori: Lisa E. Jako
autori: Ennio Morlotti
patrocini: Comune di Pisa
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Spinto dal lago di Como Ennio Morlotti ha contaminato per sempre
La storia dell’arte contemporanea. Ha studiato Con Felice Carena e ha scritto su Giotto.
Approda a Parigi come tutti i grandi del novecento e conosce Cèzanne e Picasso. Fa amicizia con Lionello Venturi ed espone alla Biennale di Venezia. Negli anni cinquanta nascono le sue più significative opere informali sotto l’influenza di Pollock e De Kooning.
Nei suoi paesaggi che sembrano apparentemente uguali emerge la statura del grande artista, i colori su muovono sulla tela come archetipi romantici. Donne, frutta, alberi, rocce, bagnanti, fanno parte della stessa prosa di uno stesso linguaggio universale che mai è stato così moderno come nelle opere di Morlotti.
Nel 1992 espone per l’ultima volta alla Quadriennale di Arte a Roma. Muore nel 1992 proprio a Milano capitale della cultura europea. Sarà ricordato per sempre come uno dei grandi talenti della storia dell’Arte italiana.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram