Paolo Ricci 3071 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
24/07/2019
Una gara da 2 milioni di euro per il risanamento del Museo Archeologico di Aquileia
23/07/2019
Il viaggio dentro e fuori di te, per il prossimo manifesto di Flashback Opera Viva a Torino
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CASTEL NUOVO - MASCHIO ANGIOINO ​ Piazza Municipio Napoli 80133

Napoli - dal 25 giugno al 28 settembre 2008

Paolo Ricci

Paolo Ricci

 [Vedi la foto originale]
CASTEL NUOVO - MASCHIO ANGIOINO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Municipio (80133)
+39 0817955877
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

A circa venti anni dalla scomparsa di Paolo Ricci, la mostra documenta l’opera e i molteplici interessi di un artista e di un intellettuale che ha rappresentato un importante punto di riferimento per la realtà di Napoli sin dagli anni trenta
orario: 9-19, la biglietteria chiude un’ora prima; domenica chiuso; aperta solo domenica 28 settembre
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: intero 5 €; ridotto 4 € gruppi oltre 15 persone; gratuito per minori di 18 e maggiori di 60
vernissage: 25 giugno 2008. ore 18
ufficio stampa: CIVITA GROUP
curatori: Mario Franco, Daniela Riccioli
autori: Paolo Ricci
patrocini: Alto Patronato del Presidente della Repubblica, Regione Campania, Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli
note: A settembre, in occasione delle celebrazioni del centenario della nascita di Paolo Ricci, verra' presentato il volume, pubblicato da Electa, che raccoglie, oltre ai maggiori contributi critici che Paolo Ricci scrisse nella sua pluriennale attivita', anche gli atti del convegno che si tiene il 25 giugno e l'antologia degli scritti di Paolo Ricci
genere: fotografia, arte contemporanea, personale, disegno e grafica

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
A circa venti anni dalla scomparsa di Paolo Ricci, la mostra documenta l’opera e i molteplici interessi di un artista e di un intellettuale che ha rappresentato un importante punto di riferimento per la realtà di Napoli sin dagli anni trenta.


Dalla pittura alla scenografia, dalla fotografia al teatro, Paolo Ricci non si è limitato al fare arte, ma, in quanto artista-critico o critico artista non ha mai separato la teoria dall’arte, occupandosi di teatro, di cinema, di folklore e di canzone. La sua riflessione teorica si è concretizzata, inoltre, in una intensa produzione saggistica ed in un impegno giornalistico costante.


La mostra, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica - a cura di Mario Franco e Daniela Ricci - è promossa dalla Regione Campania e dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli ed organizzata da Civita.


Circa 90 opere esposte in ordine cronologico, partendo dagli anni ’20 alla fine degli anni ’70 documentano l’opera di Paolo Ricci, esponendo i dipinti indicativi delle diverse fasi della sua ricerca: dalla partecipazione ai movimenti d’avanguardia al più accentuato espressionismo del vedutismo e dei ritratti, fino al periodo neorealistico del dopoguerra e a quello iperrealistico e neometafisico tra gli anni ’60 e ’70.

Al percorso pittorico si affiancherà la documentazione della sua esperienza scenografica e fotografica: bozzetti scenografici realizzati in particolare per Raffaele Viviani e per il Teatro San Carlo di Napoli; la sua produzione fotografica, che, tra l’altro, testimonia i suoi rapporti con artisti e letterati di tutto il mondo: da Max Ernst a Pablo Neruda, da Nazim Hikmet a Eduardo De Filippo, da Paul Eluard a Joris Ivens, Stephen Hermlin, Nicolas Guillen, fotografati spesso come ospiti nel suo studio di Villa Lucia.


Il 25 giugno dalle ore 10.00 sempre nella sede di Castel Nuovo, oltre all’apertura della mostra, avrà luogo un convegno, momento di riflessione sulla sua esperienza di artista ed intellettuale meridionale nel contesto storico del Novecento, con l’obiettivo di indagare gli aspetti dei suoi molteplici interessi: critica d’arte, teatrale e cinematografica; attività di studioso del folklore e del mondo popolare napoletano, oltre che conoscitore approfondito della genesi e dell’evoluzione della camorra, che ha anticipato, negli anni Cinquanta, una moderna lettura sociologica del fenomeno.

A settembre, in occasione delle celebrazioni del centenario della nascita di Paolo Ricci, verrà presentato il volume, pubblicato da Electa, che raccoglie, oltre ai maggiori contributi critici che Paolo Ricci scrisse nella sua pluriennale attività, anche gli atti del convegno che si tiene il 25 giugno e l’antologia degli scritti di Paolo Ricci
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram