Faïence. Cento anni del Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza 3073 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
Il Ninfeo degli Specchi torna alla luce, con zampilli e scherzi d'acqua
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CASTELLO SFORZESCO ​ Piazza Castello Milano 20121

Milano - dal 4 luglio al 2 settembre 2008

Faïence. Cento anni del Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

Faïence. Cento anni del Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza
Piatto con "grottesche" e "trofei", Diam. cm 28, Maiolica, Casteldurante, metà del sec. XVI, Faenza, Museo Internazionale delle Ceramiche
 [Vedi la foto originale]
CASTELLO SFORZESCO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Castello (20121)
+39 0288463700
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra intende rappresentare, attraverso la campionatura di oltre cento opere, l'identità di un museo originale quanto potentemente dotato come il Museo Internazionale della Ceramiche in Faenza, nato nel 1908 e istituito nel 1913 per volontà di Gaetano Ballardini che ne fu direttore fino al 1953
vernissage: 4 luglio 2008. ore 18.30
editore: ALLEMANDI
ufficio stampa: ALEPH, CLP
curatori: Jadranka Bentini
genere: collettiva, arti decorative e industriali
email: info@micfaenza.org
web: www.micfaenza.org

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La mostra intende rappresentare, attraverso la campionatura di oltre cento opere, l'identità di un museo originale quanto potentemente dotato come il Museo Internazionale della Ceramiche in Faenza, nato nel 1908 e istituito nel 1913 per volontà di Gaetano Ballardini che ne fu direttore fino al 1953. L'occasione offerta dal suo centenario nel 2008 non e' ovviamente solo celebrativa. Basterebbe il suo carattere unico di grande museo mondiale dedicato alla ceramica, dall'antichità alla contemporaneità fra Occidente e Oriente per costituire materiale di per se' singolare.

Sarà invece una rievocazione della storia della sua origine e dei suoi progressivi arricchimenti fino all'oggi, finalizzata alla valorizzazione della ceramica come linguaggio espressivo dell'arte di tutti i tempi e di tutti i popoli. Se fino al secolo XIX essa e' stata produzione funzionale ad usi disparati, dal decorativo alla pompa, dall'arredo al sacro, dal Novecento si e' fatto sempre piu' intenso il suo carattere di mezzo espressivo al pari di altre materie e materiali tradizionalmente connessi al fare artistico, e cio' con la tecnica e la tecnologia specifiche che le appartengono.

La mostra sarà quindi un viaggio che ripropone, attraverso la scelta di oggetti e opere di grandissima qualità, la produzione dell'arte della terra e del fuoco conosciuta come ceramica, ma declinata in formule specifiche a seconda della loro costituzione e del loro uso: maiolica, terraglia, porcellana, gre's ecc.
Piccoli e grandi capolavori, dal Rinascimento ad oggi, attesteranno la vitalità della ceramica e degli artisti che l'hanno realizzata, nella catena produttiva del loro farsi come nelle aree manifatturiere di appartenenza, in primis quella faentina che ha dato il nome universalmente accolto a definire la maiolica: -faїence-.

Storia di un museo unico, storia di una tradizione che da artigianato artistico si fa arte a tutti gli effetti, storia di un lavoro che da manuale e di gruppo ristretto si fa industriale e allargato ad applicazioni diverse: queste le coordinate della esposizione la cui realizzazione e' un'occasione che viene offerta dal Comune di Milano, dopo l'edizione romana allestita presso la Biblioteca della Camera dei deputati nel Palazzo del Seminario. Essere ospitati con questa mostra antologica nelle Sale Viscontee del Castello Sforzesco e' per il MIC un altro motivo d'orgoglio, un segno di ulteriore riconoscimento di un lungo lavoro sulla salvaguardia di una memoria e di una pratica rilanciate per un secolo in chiavi di persistenza e di attualità.

A Milano la mostra assume poi una valenza diversa, in quanto testimone di un'arte e di un patrimonio storico assai vicino alle raccolte ceramiche medioevali e moderne del Castello Sforzesco, che conta su di uno dei nuclei piu' prestigiosi in tal senso, non solo in Italia, ma in Europa.

Non dimentichiamo che l'allestimento Feltrami del 1904, con quell'allineamento rigoroso e pulito di ceramiche arcaiche e rinascimentali sotto le volte del Castello, gioco' un peso determinante anche per le scelte del faentino Ballardini, dapprima di pura aspirazione indi di emulazione per il -suo- Museo che doveva inaugurare i primi percorsi espositivi. A distanza di un secolo i due musei di arte applicata, ciascuno con la sua propria identità, si rincontrano mettendosi a confronto con l'obiettivo di valorizzare nella reciprocità delle proposte i patrimoni ceramici acquisiti fino ad oggi. E' quindi questa un'opportunità da vivere con particolare attenzione e con gratitudine poiche' si tratta di una proiezione fuori confine e insieme di un riallacciamento fra opere e contesti di analoga natura.

L'iniziativa sarà realizzata grazie al sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna e della SACMI.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram