Studio Valle (1957-2007). Cinquanta anni di architettura 3069 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/06/2019
Sull’isola di Than Hussein Clark con Catherine David. Talk da KURA
20/06/2019
Le proiezioni sui monumenti di Londra per promuovere il nuovo album di Thom Yorke
20/06/2019
La pistola con cui si uccise Vincent van Gogh è stata venduta all'asta
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva EXPA GALLERIA D'ARCHITETTURA ​ Via Alloro 97 Palermo 90133

Palermo - dal 13 luglio al 19 settembre 2008

Studio Valle (1957-2007). Cinquanta anni di architettura

Studio Valle (1957-2007). Cinquanta anni di architettura
Bruxelles
 [Vedi la foto originale]
EXPA GALLERIA D'ARCHITETTURA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Alloro 97 (90133)
+39 0916170319 , +39 0916170319 (fax)
info@expa.org
www.expa.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra racconta alcuni progetti dello Studio Valle, fondato da Cesare nel 1927 e consolidato dai figli Tommaso Valle (1957) e Gilberto Valle (1960); la storia di un percorso professionale, realizzato grazie ad una grande tradizione familiare e ad un'organizzazione di livello internazionale
orario: dal martedì alla domenica dalle ore 18 alle ore 24
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 13 luglio 2008.
catalogo: A cura di Pippo Ciorra, Alessandro d'Onofrio e Luca
editore: SKIRA
ufficio stampa: PAOLA MAUGINI
curatori: Fabio Speranza, Gianluigi Valle
autori: Cesare Valle, Gilberto Valle, Tommaso Valle
genere: architettura

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La mostra racconta alcuni progetti dello Studio Valle, fondato da Cesare nel 1927 e consolidato dai figli Tommaso Valle (1957) e Gilberto Valle (1960); la storia di un percorso professionale, realizzato grazie ad una grande tradizione familiare e ad un‘organizzazione di livello internazionale.

“I fratelli Valle già a partire dagli anni Settanta (…) intuiscono che uno studio d’architettura dovrà sempre di più offrire servizi integrati oltre che progetti d’autore, dovrà offrire efficienza gestionale e certezze nella gestione dei tempi e delle risorse investite. E non è un caso che (…) lo studio Valle sia uno dei pochi studi italiani a vincere grandi concorsi e incarichi internazionali pubblici dagli anni Sessanta, con i progetti del Monumento per Auschwitz Birkenau ed il Padiglione italiano l’Expo70 di Osaka, fino ai recentissimi progetti per Bari e Bruxelles”. Afferma Luca Molinari nel suo testo critico dedicato allo studio.

Franco Purini, in controtendenza rispetto al resto del mondo accademico, afferma in un’intervista, che “nel lavoro di Tommaso Valle la tecnologia viene depurata dai contenuti più superficiali e dimostrativi e ricondotta a una misura architettonica, a un’armonia proporzionale ed a una efficace semplicità degli apparati costruttivi”.


La mostra, sarà ospitata nella prestigiosa Galleria EXPA di Palermo, già sede di altri importanti eventi di architettura contemporanea.




Il criterio espositivo si baserà su tre elementi: un sistema articolato di video, che raccoglierà immagini e interviste , le inclinazioni grafiche ed artistiche, i plastici di importanti concorsi internazionali vinti ; il padiglione italiano all’Expo di Osaka del 70, il Palazzo della regione Puglia vinto nel 2003, La sede della presidenza del consiglio europeo a Bruxelles vinto nel 2005 e di prossima realizzazione,e la Fiera di Roma inaugurata nel 2007 ed in corso di ultimazione.




Il giorno dell’inaugurazione della mostra si presenterà il libro/catalogo, edito da Skira e curato da Pippo Ciorra, Alessandro d’Onofrio e Luca Molinari, che raccoglie e documenta queste esperienze insieme all’intero svolgersi dell’attività dello studio, a partire da una specifica sezione storiografica dedicata a Cesare Valle fino agli edifici più recenti e quelli in cantiere.

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram