Katharina Grosse - Un altro uomo che ha fatto sgocciolare il suo pennello 3092 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA CIVICA DI MODENA - PALAZZO SANTA MARGHERITA ​ Corso Canalgrande 103 Modena 41100

Modena - dal 19 settembre 2008 al 6 gennaio 2009

Katharina Grosse - Un altro uomo che ha fatto sgocciolare il suo pennello
[leggi la recensione]

Katharina Grosse - Un altro uomo che ha fatto sgocciolare il suo pennello
[leggi la recensione]
Katharina Grosse, Pigmentos Para Plantas y Globos, 2008
Installazione all'Artium de Àlava, Vitoria-Gasteiz
Courtesy dell'artista, foto Gert Voor in't Holt
 [Vedi la foto originale]
GALLERIA CIVICA DI MODENA - PALAZZO SANTA MARGHERITA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Corso Canalgrande 103 (41100)
+ 39 0592032911 , +39 0592032919 (fax), +39 0592032932
galcivmo@comune.modena.it
www.galleriacivicadimodena.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La Palazzina dei Giardini come non si era mai vista: trionfo del colore, della sua energia e della sua potenza, in un contenitore architettonico che risulta completamente nuovo, trasformato per mano d’artista in dipinto tridimensionale. Dalle tele di grandi dimensioni, agli oggetti, come pietre e palloncini, al terriccio, alle pareti, ai soffitti e ai pavimenti: nuovi e vecchi supporti pittorici per Katharina Grosse, di origine tedesca, fra le pittrici dell’ultima generazione che ha ottenuto maggiori riconoscimenti a livello internazionale
orario: da martedì a venerdì 10.30–13 e 15–18; sabato, domenica e festivi 10.30–18. Lunedì chiuso.
In occasione del festivalfilosofia: venerdì 19 settembre 9–23, sabato 20 settembre 9–20, domenica 21 settembre 9–20.
8 dicembre 2008, 5 e 6 gennaio 2009, 10.30-18; 25 e 26 dicembre 2008, e 1 gennaio 2009 ore 15-18
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 19 settembre 2008. ore 18.00
catalogo: con testi critici di Milovan Farronato e Angela Vettese
ufficio stampa: STUDIO PESCI
curatori: Millovan Farronato, Angela Vettese
autori: Katarina Grosse
note: sabato 4 ottobre, in occasione della Giornata del Contemporaneo 2008, incontro con Milovan Farronato e visita guidata alla mostra
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La Palazzina dei Giardini come non si era mai vista: trionfo del colore, della sua energia e della sua potenza, in un contenitore architettonico che risulta completamente nuovo, trasformato per mano d’artista in dipinto tridimensionale.
Un teatro astratto della sperimentazione, dove ogni dettaglio è trasfigurato dal gesto pittorico.
Come nella tradizione della Galleria Civica di Modena anche Katharina Grosse dopo Ugo Rondinone, Yayoi Kusama, Adrian Paci, Katharina Fritsch ed Heimo Zobernig, allestisce qui la sua prima personale in un museo pubblico italiano.

Dalle tele di grandi dimensioni, agli oggetti, come pietre e palloncini, al terriccio, alle pareti, ai soffitti e ai pavimenti: nuovi e vecchi supporti pittorici per Katharina Grosse, di origine tedesca, fra le pittrici dell’ultima generazione che ha ottenuto maggiori riconoscimenti a livello internazionale.
Dopo un intenso e lungo lavoro avviato all'inizio di agosto e operato ad hoc dalla Grosse all’interno dell’antica serra ducale, sarà inaugurata venerdì 19 settembre alle 18.00 alla Palazzina dei Giardini in Corso Canalgrande a Modena la mostra Un altro uomo che ha fatto sgocciolare il suo pennello. Un titolo ironico che allude sia a una tecnica e a un movimento pittorico
specifico, il dripping, i cui protagonisti comprendono nomi noti che vanno da Max Ernst a Jackson Pollock, sia alla pittura come una pratica per lungo tempo di predominanza maschile.

Organizzata e prodotta dalla Galleria Civica di Modena e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena ,
la mostra è a cura di Milovan Farronato con Angela Vettese e si accompagna alle iniziative del festivalfilosofia , in programma a Modena dal 19 al 21 settembre 2008, dedicato quest’anno al tema della Fantasia. La rassegna è stata realizzata in collaborazione con il Goethe-Institut Mailand .

A Modena saranno presentate tele di grandi dimensioni e una serie di pitture in volume su oggetti diversi, sassi, palloncini, terriccio.
Interessata principalmente al "come" della pittura - e cioè al gesto liberato dal limite circoscritto della tela - Grosse compie gesti pittorici senza interruzioni: lavora con un compressore con cui, idealmente, può fare pennellate senza fine, evitando di utilizzare la tela come unico supporto. Costantemente alla ricerca di nuovi materiali, sperimenta così la resa e la potenza del colore e ottiene un’immagine che risulta continuamente in movimento.

All'interno della Palazzina dei Giardini una serie di tele, già dipinte, verranno collocate e lì ridipinte con un nuovo intervento. La pittura continuerà sul muro, sul pavimento, sullo spazio circostante. Poi l’artista staccherà la tela sulla quale ha lavorato e la trasferirà in un altro spazio, lasciando una traccia in negativo del lavoro che in positivo sarà allestito in un’altra sala.
Il visitatore, all’interno di un mondo astratto e completamente dipinto, si farà guidare dalle suggestioni cromatiche che troverà nel corso della visita, percorrendo lo spazio espositivo come un continuum: le immagini si rincorreranno lungo le sale della Palazzina così che ciascuno, più che vedere quello che avrà davanti in quel momento, si ricorderà di quello che ha appena visto.

“Katharina Grosse - scrive Milovan Farronato - è un’artista che si appropria dello spazio espositivo, talvolta sottolineandone e altre volte trascendendone la struttura architettonica. La sua è una pittura esplosa che contempla espressioni in volume, che diventa ambiente composito, le cui logiche sono definite in base ai rapporti di scala, a incontri/scontri tra pieni e vuoti, tracce in negativo e in positivo, ma mai lasciate al caso. E' un gesto pittorico emancipato, espressione di una continua sperimentazione in atelier di un costante rendez-vous con il proprio mezzo espressivo”.

Ogni lavoro di Katharina Grosse è site specific e contiene sia un collegamento con quello precedente, che un elemento di anticipazione di quello successivo.
“La sua produzione – scrive sempre Farronato – può essere intesa come una saga all’interno della quale ogni tappa è progetto e risultato…E’ come se l’artista inseguisse costantemente il suo lavoro e questo fosse sempre alle sue spalle”.

La mostra, che resterà allestita fino al prossimo 6 gennaio, sarà accompagnata da un catalogo con un ricco repertorio di immagini delle installazioni presentate, e testi critici del curatore Milovan Farronato e della direttrice della Galleria Civica di Modena, Angela Vettese.


Note Biografiche

Katharina Grosse, Freiburg 1961, vive e lavora tra Düsseldorf e Berlino. Professore al Kunsthochschule di Berlino ha esposto nel corso della sua carriera in numerose mostre personali e collettive in Europa e nel mondo.
Fra le personali ricordiamo: FRAC Auverge (2007), Clermont-Ferrand, Renaissance Society, Chicago (2007), Serralves, Museu de Arte Contemporanea, Porto (2007), Contemporary Art Center, Cincinnati (2006), Palais de Tokyo di Parigi (2005), Contemporary Arts Museum di Houston (2004), White Cube di Londra (2002).
Ha partecipato a numerose collettive ospitate da importanti gallerie ed istituzioni fra cui: Biennale di Taipei, (2006), Museion di Bolzano (2006), Mori Art Museum, Tokyo (2006), Kunsthalle Düsseldorf und Kunstverein für die Rheinlande und Westfalen, Düsseldorf (2004), Museum of Contemporary Art di Helsinki (2003), Minibienal do Chile, Santiago de Chile (2002), Musée d’Art Moderne de la Ville de Paris (2002), 25° Biennale di San Paolo, Brasile, (2002), Museum Moderner Kunst Stiftung Ludwig di Vienna (2000).
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram