Marcello Mazzella - Cavallo di Troia 3051 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/01/2019
David Bowie è stato nominato dal pubblico del Regno Unito il più grande entertainer del XX secolo
19/01/2019
L’Urlo di Munch in bianco e nero, arriva a Londra
18/01/2019
Daniel Pennac non è gradito a Empoli: polemica per l'invito dello scrittore francese che difese Cesare Battisti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva FONDAZIONE MUDIMA ​ Via Alessandro Tadino 26 Milano 20124

Milano - dal 28 ottobre al 28 novembre 2008

Marcello Mazzella - Cavallo di Troia

Marcello Mazzella - Cavallo di Troia
FONDAZIONE MUDIMA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Alessandro Tadino 26 (20124)
+39 0229409633 , +39 0229401455 (fax)
info@mudima.net
www.mudima.net
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Il tema di ispirazione parte dal Cavallo di Troia fino ad arrivare ai virus informatici dei nostri giorni
orario: lunedì - venerdì 11 / 13 e 16 / 19,30, sabato e festivi chiuso
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 28 ottobre 2008. ore 18.30
autori: Marcello Mazzella
genere: arte contemporanea, personale
email: info@riccardoartivisive.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
La Fondazione Mudima presenta l’ultimo lavoro dell’artista multimediale Marcello Mazzella.
Il tema di ispirazione, tratto dal poema omerico dell’Iliade e l’Odissea, parte dal Cavallo di Troia e la guerra dei dieci anni fino ad arrivare ai virus informatici dei nostri giorni, definiti anch’essi con il termine di cavalli di troia (Trojan Horses).
Con gli elementi che ha raccolto e rielaborato, si è concentrato sulle immagini del cavallo, cercando di rappresentarne la simbologia e il mito che esso ha avuto nella nostra storia, ma nello stesso tempo cercando di superare il riferimento naturale per rappresentare qualcosa di più essenziale ed universale.
Il lavoro consiste in un bassorilievo realizzato in polistirolo espanso sul quale viene proiettato un video. Il completamento dell’opera avviene attraverso l’interazione con il pubblico che può trasformare l’opera stessa in una serie illimitata di varianti.



Marcello Mazzella nasce a Napoli nel 1965. Si diploma in scultura presso l’Accademia di Brera con Alik Cavaliere. Fonda nel 1988 il gruppo multimediale AIEP (Avventure in Elicottero Prodotti).
Nel 1993 si trasferisce a New York; collabora con Nam June Paik e Shigeko Kubota in diversi progetti per mostre e video istallazioni. Nel 1996 registra il suo primo dominio digart.net e lo usa come laboratorio di ricerca artistica e come servizi per internet. Nel 2005 fonda a Napoli l’associazione culturale Digart, con lo scopo di promuovere e produrre arte in simbiosi con scienza e tecnologie avanzate.
Ha esposto in prestigiosi spazi come White Columns, Artists Space e Art in General a New York e in molti altri spazi pubblici e privati negli Stati Uniti, in Brasile e in Europa.
Fra le recenti esposizioni in Italia: Le tribù dell’arte, Roma 2001; XIV Quadriennale di Roma, 2003; E-Xtensioni, 2005; WEBALITY, Galleria Franco Riccardo (Napoli), 2006; IN CHAT, Galleria d’Arte Moderna di Gallarate (Varese), 2007; Galleria Dieci.Due! (Milano), 2007.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram