Gianni Caravaggio - Scenario 3087 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/05/2019
Party like an Architect. Gli studi di architettura di Napoli si presentano, con Camparisoda
20/05/2019
Spolverare la memoria. Le scuole di Roma ricordano le vittime del nazismo
20/05/2019
Manifesto per una Bauhaus viva più che mai. La mostra targata RUFA al Pastificio Cerere
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva COLLEZIONE MARAMOTTI - MAX MARA ​ Via Fratelli Cervi 66 Reggio Nell'emilia 42100

Reggio Nell'Emilia - dal 22 novembre 2008 al 22 febbraio 2009

Gianni Caravaggio - Scenario
[leggi la recensione]

Gianni Caravaggio - Scenario
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
COLLEZIONE MARAMOTTI - MAX MARA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Fratelli Cervi 66 (42100)
+39 0522382484 , +39 0522934479 (fax)
info@collezionemaramotti.org
www.collezionemaramotti.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra si costituisce nel fascino dell’immaginazione dell’inizio, inizio come possibilità costante
orario: Giovedì e venerdì 14,30 - 18,30; sabato e domenica 9,30 - 12,30 e 15 –18. Chiusura: 25 e 26 dicembre 2008 e 1° gennaio 2009
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 22 novembre 2008. Ore 17
editore: GLI ORI
ufficio stampa: STUDIO PESCI
autori: Gianni Caravaggio
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Gianni Caravaggio Scenario
23 novembre 2008 – 22 febbraio 2009
Scenario, il progetto di Gianni Caravaggio, consta di sei opere di cui quattro inedite, realizzate specificamente per la Collezione Maramotti. La mostra si costituisce nel fascino dell’immaginazione dell’inizio, iniziocome possibilità costante. Tutte le opere divengono protagoniste di uno Scenario di azioni cosmogoniche che creano lo spazio e possono relazionarsi tra loro invarie costellazioni capaci di creare scenari sempre differenti. Ogni lavoro di per sé è “forma attuata” che, nel contempo, può essere attuata nuovamente. Come sempre nel lavoro di Caravaggio, le mutazioni formali dell’opera silegano all’uso di materiali desueti e inaspettati che generano processi alchemici e illusioni percettive che giocano sul paradosso. Con i lavori presentati in questo progetto prosegue la riflessione teorica di Caravaggio sul mistero della creazione dell’opera e sul gesto artisti cocome generatore di rinnovate relazioni con l’opera stessa e la suapotenziale costante ri-definizione. Su queste direttrici si sviluppa anche il volume a doppia firma di Federico Ferrari e dello stesso Caravaggio dal titolo omonimo, edito da Gli Ori, che uscirà in occasione dell’inaugurazione della mostra, frutto della proficua relazione tra i due autori. Il volume accoglie un contributo teorico del filosofo Ferrari sull’arte come creazione di uno scenario che non si dà mai come già definito e icui confini restano incommensurabili. Nella pratica dello scenario - poiché di pratica si tratta - non si cerca di tratteggiare un nuovo quadro della realtà del tempo, di dare una nuova rappresentazione dell'oggi, di forgiare una nuova figura direttrice, una nuova corrente, di inventare un nuovo -ismo. Lo scenario è oltre ogni scena, non è un dato, ma l'esposizione del possibile: qualcosa è ancora possibile nel punto stesso dell'origine, origine che non è perduta ma sempre in istanza in ogni istante. Lo scenario è un'origine senza fine.
La Collezione Maramotti prosegue con questa mostra l’attività dello spazio progettuale, che ospita opere realizzate da giovani artisti. Gli artisti invitati producono e presentano lavori che divengono poi parte della Collezione con l’obiettivo di fondere pratiche di acquisizione e di accrescimento del patrimonio iconografico con quelle della sua fruizione. Pattern room, così è titolato lo spazio, è il locale dove in passato - quando l’edificio era fabbrica di produzione - venivano realizzati modelli e prototipi. Dimensione progettuale e sperimentazione accomunano la vocazione di questoluogo, dal passato ad oggi.
Gianni Caravaggio (Rocca San Giovanni, CH, 1968) vive e lavora a Milano. Diplomato all’Accademia di Belle Arti di Brera con Luciano Fabro nel 1994, ha in seguito studiato Filosofia presso l’Università di Firenze. Nel 2002 ha ricevuto il premio Fondo Speciale PS1 Italian Studio Program e nel 2005 il premio Castello di Rivoli. Sue personali si sono tenute a Milano, Pesaro, Torino, Amsterdam e Tokyo e ha partecipato a numerose esposizioni collettive a livello nazionale einternazionale. Federico Ferrari (Milano, 1969) è filosofo. Insegna filosofia e fenomenologia delle arti contemporanee presso l’Accademia di Belle Artidi Brera a Milano. Negli ultimi anni il suo campo di ricerca si èconcentrato maggiormente sulla critica dell'immagine e sull'arte. Tra isuoi scritti, La pelle delle immagini (2003), Lo spazio critico (2004), Delcontemporaneo (2007), Sub specie aeternitatis (2008).

Inaugurazione: 22 novembre 2008 ore 17. Saranno presenti GianniCaravaggio e Federico Ferrari
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram