I falsi nell'arte 3073 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
A settembre, a Roma apriranno le porte di una nuova Fondazione
19/07/2019
Addio a Mattia Torre, raffinato autore di teatro e tv, padre della serie Boris
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva ASSOCIAZIONE CIVITA ​ Piazza Venezia 11 Roma 00187

Roma - gio 20 novembre 2008

I falsi nell'arte

I falsi nell'arte
ASSOCIAZIONE CIVITA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Venezia 11 (00187)
+39 066920501 , +39 0669920563 (fax)
incontra@civita.it
www.associazionecivita.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La contraffazione delle opere costituisce un problema centrale per i beni culturali del nostro Paese, un tema complesso e articolato che verrà affrontato in occasione del Convegno "I falsi nell'arte", organizzato dall'Associazione Civita in collaborazione con AXA Art per il prossimo 20 novembre a Roma.
vernissage: 20 novembre 2008. ore 9.00
ufficio stampa: CIVITA GROUP
genere: incontro - conferenza

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La contraffazione delle opere costituisce un problema centrale per i beni culturali del nostro Paese, un tema complesso e articolato che verrà affrontato in occasione del Convegno "I falsi nell’arte", organizzato dall’Associazione Civita in collaborazione con AXA Art per il prossimo 20 novembre a Roma.


Sono infatti tristemente noti i casi di opere a lungo ritenute autentiche ed esposte in importanti musei, identificate come falsi in tempi successivi, grazie a sofisticate analisi scientifiche.


Si ricordi il caso storico di Hans van Meegeren, noto come “il falsario che truffò i nazisti”, il quale spacciava i suoi dipinti come opere di Vermeer. I suoi falsi non furono mai scoperti da alcun perito, anzi, fu lui stesso ad autodenunciarsi quando nel 1945 fu arrestato ed accusato di collaborazionismo per aver venduto dei quadri al tedesco Goering. O basti pensare al famoso episodio, risalente al 1984, delle due false sculture di Modigliani, ritrovate in un canale nella città di Livorno, opera non del famoso artista, come ritenuto dai più quotati critici d’arte, ma di due goliardici studenti universitari.

E ancora, la scoperta effettuata nel 2007 al Victoria Museum di Melbourne dove, per ben 67 anni, è stata esposta, come un Van Gogh originale, l’opera conosciuta come “Testa di uomo”, che si è rivelata in realtà un falso, realizzato da un contemporaneo dell’artista non meglio identificato.

O da ultimo, tre quadri di Marc Chagall (“Ritratto di donna”, “Famiglia” e “Violinista”), sono stati tolti dall’esposizione al Museo Suntory di Osaka perché si è scoperto che trattarsi di opere contraffatte.





La percentuale di beni non autentici presenti sul mercato è molto alta; secondo il Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale (CCTPC), in Italia, dal 1970 al 2008 (primi 9 mesi) sono stati sequestrati 262.373 Falsi e, in particolare, nel triennio 2005/2008 (primi 9 mesi) sono state poste in sequestro 38.803 opere.


La contraffazione rappresenta un danno enorme, quindi, per il mondo dell’arte e di riflesso per la nostra economia.


Arte antica, arte moderna e arte contemporanea, meritano però approcci differenti in quanto presentano problematiche specifiche e possono avvalersi di analisi e metodologie scientifiche proprie. Prendiamo il caso dei dipinti: nell’immenso serbatoio della pittura antica le opere false sono in numero decisamente minore rispetto all’arte contemporanea e, in questo caso, si tratta per lo più di “errate attribuzioni” per le opere non documentate da inventari, documenti, provenienza.

Del resto, dalle indagini e dai sequestri che si sono verificati nel 2007 e da quelli attualmente in corso, risulta che circa il 75% dei reati d’arte colpiscono l’arte contemporanea. La facilità di riproduzione delle opere contemporanee -soprattutto astratte o concettuali - ed il lievitare dei valori di mercato hanno prodotto vere e proprie fucine di opere contraffatte. Le autentiche delle opere moderne e contemporanee sono diventate dunque fondamentali per il mercato a volte più importanti delle stesse opere. Questo fenomeno, però, genera situazioni paradossali, come nel caso, ad esempio, dell’astrattista Tancredi, le cui opere vengono accettate dal mercato solo se pubblicate nel catalogo generale. Opere effettivamente autentiche, ma non catalogate sono dunque trattate alla stregua di falsi. Di contro, falsi entrati surrettiziamente in cataloghi generali sono opere di grande valore commerciale.

Proprio per questo motivo, nei primi mesi del 2008, il CCTPC in collaborazione con gli esperti della Galleria nazionale d’arte moderna di Roma, ha ideato il “Decalogo per l’acquisto di opere d’arte contemporanea”: 10 semplici regole per mettere in allerta le persone che si muovono in questo delicato mercato.


A discutere del tema della contraffazione delle opere d’arte sono stati invitati al Convegno alcuni tra i più autorevoli esperti del settore che, sulla base delle specifiche competenze, analizzeranno le possibili soluzioni utili a contrastare il fenomeno.


Aprono i lavori:

Gianfranco Imperatori, Segretario Generale Associazione Civita e

Roberto Bargnani, Amministratore Delegato AXA Art.


Ne discutono:

Mercato del falso e aspetti legali

Corrado Catesi, Comandante Sezione Falsificazione e Arte Contemporanea del Reparto Operativo dei Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale

Tema: dimensioni del fenomeno e strumenti investigativi

Giuseppe Calabi, CBM& Partners

Tema: il rischio contrattuale e la validità della documentazione di originalità


Galleristi , case d’asta e sedi espositive a confronto

Alessandro Porro, Amministratore Delegato Porro & Co.

Tema: il mercato dell’arte e la ricerca della certezza

Fabio M. Bertolo, Direttore Generale Bloomsbury Auctions Italia

Tema: antologia e ontologia del falso: oltre la pittura

Anna Coliva, Direttore Galleria Borghese

Tema: falsi o repliche?

Giovanni Pratesi, Presidente Associazione Antiquari d’Italia

Tema: nuove attività dei falsari


Tutela del collezionista

Roberto Bargnani, Amministratore Delegato AXA Art

Tema: strumenti e soluzioni assicurative

Alvise di Canossa, Presidente Arteria

Tema: l’offerta dei servizi a supporto del collezionista dell’arte

Nini Ardemagni Laurini, Presidente Fondazione Lucio Fontana

Tema: il ruolo delle Fondazioni e la certificazione di originalità


Indagine e valutazione scientifica

Barbara Ferriani, Restauratrice e membro INCCA Italia - International Network for the Conservation of Contemporary Art

Tema: esperienze di falsi nell’arte antica, moderna e contemporanea

Sandro Massa, Responsabile Progetto Interdipartimentale Sicurezza CNR - Consiglio Nazionale per le Ricerche

Tema: aspetti tecnologici per l'identificazione dei falsi e la certificazione degli originali


Modera l’incontro

Domenico Filipponi, Responsabile Servizi Art Advisory UniCredit Private Banking

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram