Teresa Merolla - Guardami allo specchio 3151 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Reading Room
Allons Enfant/5
Lettera Aperta
PREVIEW
Senti chi Parla
La lavagna
Exibart.segnala
 
sondaggio
La nomina a curatore del padiglione Italia di Vincenzo Trione ha suscitato diverse perplessità. Che ne pensate voi?
• C'erano sicuramente addetti ai lavori più qualificati e non è possibile che in Italia tutto passi all'infuori del merito!
• Potrebbe essere una sorpresa, anche se non è "ufficialmente" un curatore
• Farà un bel Padiglione, d'altronde è una voce fuori dal coro del solito di giro di musei, direttori, curatori etc
• Sarà un'altra Biennale in cui l'Italia farà una figuraccia
• Metterà in mostra qualche amico più o meno conosciuto
recensioni
rubriche

Roma - dal 27 novembre al 18 dicembre 2008
Teresa Merolla - Guardami allo specchio


 [Vedi la foto originale]
CASA INTERNAZIONALE DELLE DONNE - LA MAGNOLIA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Della Lungara 19 (00165)
+39 06684017
cciddonne@tiscali.it
www.casainternazionaledelledonne.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Privarsi della vergogna e vestirsi di sete di scoperta, per liberare fino al limite l’indiscrezione nei confronti di sé stessi. Capire che essere significa prima di tutto essere odore, sapore, corpo in ogni sua forma e prospettiva, allora iniziare a scrutarlo, con meticolosa ma tenera distanza.
orario: da martedi a venerdi ore 14-18
(possono variare, verificare sempre via telefono)
prenota il tuo albergo a Roma:
Booking.com
biglietti: free admittance
vernissage: 27 novembre 2008. ore 19
curatori: Maria Palazzesi
autori: Teresa Merolla
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
La Magnolia, spazio espositivo della Casa Internazionale delle Donne ospita le opere della giovane pittrice romana teresa Merolla.

Privarsi della vergogna e vestirsi di sete di scoperta, per liberare fino al limite l’indiscrezione nei confronti di sé stessi. Capire che essere significa prima di tutto essere odore, sapore, corpo in ogni sua forma e prospettiva, allora iniziare a scrutarlo, con meticolosa ma tenera distanza.
Teresa Merolla dipinge quasi ossessivamente corpi. Il proprio, quello di provocanti e ambigui trans, di amiche, modelle e donne incontrate per strada. Ma più diretta e inesorabile l’artista indaga sé stessa, nella forma mutevole e prospettica, nell’essenza celata e fragile.
La pittrice ci provoca, vuole raggiungere il confine del nostro imbarazzo, non accetta di moderare i soggetti, né di astrarre il suo figurativo esplicito e irriverente. Anzi, deliberatamente si spinge quasi fino al pornografico per sfida, per portare all’eccesso l’eterno dualismo femminile carne-spirito.
La sensualità e la nudità sono i mezzi con cui Teresa svela la propria storia, registra la vita data, la vita presa, sperata e risanata, senza nascondere la sua preponderante natura istintiva. Il racconto è un racconto di rottura volontaria degli schemi, di sesso esibito per ascoltare, finalmente, il proprio piacere o vendicarne la profanazione.
Questa ricerca della consapevolezza di sé passa, nella vita dell’artista, attraverso la conoscenza diretta del mondo musulmano, che segna e evolve la sua pittura. La Merolla trascorre un periodo della sua vita in Marocco, dove indossa il velo, estremizza l’esperienza della non libera accettazione del piacere femminile e paradossalmente le sue opere si alleggeriscono, diventano sussurro di veli, mistero e non-corpo. Non è la sua scelta, ma un passaggio che la libera nuovamente.
Nel mondo di Teresa Merolla l’ipocrisia e il timore che nascondono le voglie più istintive sono annullati e, raggiunta questa libertà, lei può affermare con forza disarmante: “Io sono questa…e nei vostri specchi, voi, cosa vedete?”.
Melania Rossi

 
trovamostre