Valerio de Berardinis - Camere oscure 3072 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva AUDITORIUM - PARCO DELLA MUSICA ​ Viale Pietro De Coubertin 34 Roma 00196

Roma - dal 24 novembre al 4 dicembre 2008

Valerio de Berardinis - Camere oscure

Valerio de Berardinis - Camere oscure
AUDITORIUM - PARCO DELLA MUSICA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Viale Pietro De Coubertin 34 (00196)
+39 0680241436
info@musicaperroma.it
www.auditorium.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

L'opera di uno dei più originali fotografi nel panorama nazionale ed europeo: Valerio de Berardinis, ritrattista atipico, autocritico, soprattutto ironico e acuto nell'osservare le "camere oscure" delle debolezze umane.
vernissage: 24 novembre 2008. ore 19 performance presso Teatro Studio
editore: ELECTA
ufficio stampa: NOVELLA MIRRI, MARIA BONMASSAR
autori: Valerio De Berardinis
note: anteprima stampa Lunedì 24 novembre 2008 alle ore 12.00. Mostra presso il Museo Archeologico
genere: fotografia, performance - happening, presentazione, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA
Museo Archeologico
Roma, Viale Pietro de Coubertin

Lunedì 24 novembre 2008, ore 12.00

alla presenza dell'artista

Lunedì 24 novembre 2008 alle ore 12.00 sarà presentata l'opera di uno dei più
originali fotografi nel panorama nazionale ed europeo: Valerio de Berardinis,
ritrattista atipico, autocritico, soprattutto ironico e acuto nell'osservare le
"camere oscure" delle debolezze umane.

Una performance (in programma la sera stessa alle ore 19.00 al Teatro Studio)
una mostra (al Museo Archeologico fino al 4 dicembre) e un libro (edizione
ELECTA) saranno gli strumenti per descrivere il suo originale percorso nella
storia del costume italiano e della comunicazione: la fotografia come "lo spazio
fermo nel tempo", il battito di ciglia dell'esistenza.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram