Sguardi incrociati tra Algeria e Svizzera 3071 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/05/2019
Il viaggio di Arca Collective inizia dalla sede di Fondazione Romaeuropa
25/05/2019
Leica celebra il centenario Bauhaus con una fotocamera da collezione
25/05/2019
Massimo Osanna riconfermato alla guida del Parco Archeologico di Pompei
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO REALE ​ Piazza Del Duomo 12 Milano 20122

Milano - dal 24 settembre al 26 ottobre 2003

Sguardi incrociati tra Algeria e Svizzera

Sguardi incrociati tra Algeria e Svizzera
PALAZZO REALE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Del Duomo 12 (20122)
+39 02875672
www.comune.milano.it/palazzoreale/
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Gli sguardi incrociati sono quelli del fotografo algerino Lazhar Mansouri e di tre generazioni della famiglia di fotografi svizzeri Deriaz
orario: tutti i giorni dalle 9.30 alle 18.00. Lunedì chiuso
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 24 settembre 2003. ore 18.30
editore: MAZZOTTA
autori: Armand Deriaz, Alphonse Deriaz, Armand Deriaz junior, Lazhar Mansouri
telefono evento: +39 0276016118
note: 12 ottobre 2003 ore 17.00
Spazio Oberdan, V.le Vittorio Veneto 2
proiezione film “La guerre des images” del regista svizzero algerino Mohammed Soudani.
In collaborazione con Cineteca Italiana.
genere: fotografia, collettiva
email: ccs@ccsmilano.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Gli sguardi incrociati sono quelli del fotografo algerino Lazhar Mansouri e di tre generazioni della famiglia di fotografi svizzeri Deriaz. In mostra sono esposte 198 fotografie.
Mansouri ha fotografato tra il 1950 e il 1985 nel retrobottega di un negozio di parrucchiere donne magrebine tatuate, solitamente velate, giovani, vecchi e intere famiglie che volevano farsi fare una foto ricordo. Le immagini rappresentano uno spaccato dell’Algeria dell’epoca, e solo per puro caso sono giunte fino a noi. Queste fotografie possono essere paragonate al ritrovamento di un gioiello prezioso e unico che, come a volte accade, stava per essere gettato inconsapevolmente. Di Lazhar Mansouri sono presenti in mostra 112 fotografie (bianco e nero formato 40x50) che hanno come soggetto gruppi di persone fotografate in studio e, 26 fotografie (bianco e nero, stampa al nitrato d’argento formato 50x70) che hanno come soggetto le donne tatuate.

Deriaz è il nome di una famiglia di fotografi, da 4 generazioni, originaria di Morges. Sono state selezionate una serie di immagini realizzate tra il 1866 e il 1945 in studio e in esterni tra i villaggi di Morges e Bierre agli abitanti della zona da tre generazioni di Deriaz: Armand, Alphonse e Armand. Della famiglia Deriaz sono presenti in mostra 60 fotografie (bianco e nero formato 40x50) realizzate in studio e in esterni.
Filo conduttore delle due mostre è lo sguardo dei fotografi che ritraendo gli abitanti di un piccolo villaggio, ci tramandano la realtà, le abitudini, la storia di gente comune. Il concetto della mostra è di preservare e far conoscere gli archivi di fotografi di un piccolo villaggio. Ciò è stato possibile grazie all’intervento di Pro Helvetia nell’ambito del progetto “L’autre Méditerranée”. Solitamente vengono conservati solo gli archivi dei fotografi di città e non quelli dei fotografi dei piccoli centri; in questo modo nel tempo viene principalmente raccontata attraverso le immagini, la realtà socio-culturale delle città e si perde quella dei villaggi.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram