Chiara Bertola - Prendersi cura dell'arte. Il mestiere del curatore 3097 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/06/2019
Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva DOCVA - DOCUMENTATION CENTER FOR VISUAL ARTS ​ Via Giulio Cesare Procaccini 4 Milano 20154

Milano - gio 29 gennaio 2009

Chiara Bertola - Prendersi cura dell'arte. Il mestiere del curatore

Chiara Bertola - Prendersi cura dell'arte. Il mestiere del curatore

 [Vedi la foto originale]
DOCVA - DOCUMENTATION CENTER FOR VISUAL ARTS
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Giulio Cesare Procaccini 4 (20154)
+39 023315800
info@docva.org
www.docva.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

In occasione dell'uscita del volume di Chiara Bertola "Curare l'arte" (Electa 2008) intervengono l'autore, Francesca Pasini e Marco Tagliafierro. Introduce Martin Angioni.
vernissage: 29 gennaio 2009. ore 18.30
editore: ELECTA
curatori: Chiara Bertola
genere: presentazione, incontro - conferenza

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Figura complessa e relativamente nuova nel sistema dell’arte, talvolta dai contorni non del tutto definiti, il curatore è al centro del volume di Chiara Bertola.

Scopo dell’autrice è quello di fornire risposte a domande frequenti: cosa significa veramente avere cura dell’arte? Il curatore è un semplice organizzatore o anche un critico? E le mostre a cui dedica la sua “cura” sono luoghi di scrittura critica e di riflessione o rappresentano soltanto un problema di allestimento, di elenchi di artisti e di botteghino?

Il volume tratta ampiamente dei temi affrontati dalla stessa curatrice durante il ciclo di incontri “Invito al contemporaneo” alla Fondazione Querini Stampalia di Venezia nel 2000.

Per capire quanto e come sia cambiato il lavoro del curatore dal 2000 ad oggi, Chiara Bertola intervista numerosi protagonisti di fama internazionale presenti a Venezia: Achille Bonito Oliva, Giacinto Di Pietrantonio, Massimiliano Gioni, Hou Hanru, Angela Vettese, Roberto Pinto, Harald Szemann, Adelina von Furstenberg…

Ma il libro si arricchisce anche di voci che non avevano partecipato a quegli incontri in Fondazione, ma il cui lavoro e pensiero non potevano non essere testimoniati. Tutti gli intervistati hanno offerto un materiale ricco e vivo, su cui riflettere.

Il risultato è un volume che raccoglie conclusioni diverse e molti spunti di riflessione che aiutano a comprendere e fermare, quella che, per sua natura, è un’attività in continua evoluzione.

Le interviste contenute in Curare l’arte sono di Chiara Bertola a:

Carlos Basualdo, Achille Bonito Oliva, Carolyn Christov-Bakargiev, Paolo Colombo, Emanuela De Cecco, Giacinto Di Pietrantonio, Federico Ferrari, Massimiliano Gioni, Hou Hanru e Surasi Kusolwong, Yuko Hasegawa, Rosa Martínez, Henry Meyric Hughes, Viktor Misiano, Gloria Moure, Federico Nicola, Hans Ulrich Obrist, Francesca Pasini, Roberto Pinto, Anne Pontégnie e Xavier Douroux, Ludovico Pratesi, Harald Szeemann, Pier Luigi Tazzi, Lea Vergine, Angela Vettese, Adelina von Fürstenberg.


Chiara Bertola

Critica e curatrice, è nata a Torino nel 1961 e dal 1990 vive e lavora a Venezia. È responsabile per l'arte contemporanea alla Fondazione Querini Stampalia di Venezia e curatrice della Fondazione Furla di Bologna. Dal 1996 al 1998 è stata Presidente della Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia. Nel 2000 ha ideato il Premio FURLA per artisti italiani, arrivato oggi alla sua settima edizione. È stata curatrice del Padiglione Venezia per la 52° Biennale Internazionale d'Arte di Venezia. È tra i curatori della XV edizione della Quadriennale di Roma del 2008. Insieme a Michelangelo Pistoletto e altri, è socio fondatore di Love Difference, movimento artistico per una politica del Mediterraneo. Dal 1996 è membro del gruppo dei curatori fondatori del Progetto Ars Aevi di Sarajevo. Ha curato diverse mostre in Italia e all’estero tra cui quelle di Joseph Kosuth, Michelangelo Pistoletto, Lothar Baumgarten, Ilya Kabakov, Boris Mikhailov, Giulio Paolini, Remo Salvadori, Maja Bajevic, Elisabetta Di Maggio, Giuseppe Caccavale, Margherita Andreu, Kiki Smith, Stefano Arienti, Georges Adeagbo, Maria Morganti, Mariateresa Sartori. Ha scritto numerosi saggi e presentazioni di artisti tra cui Ilya Kabakov, La cronaca può diventare poesia, Charta, 1999; Davvero ospitale è fino in fondo l'attesa, saggio in Il dono, Charta 2001; Incontri contemporanei, raccolta degli incontri di “Invito al contemporaneo” alla Fondazione Querini Stampalia, Venezia 2003; Ars Aevi: un nuovo concetto di museo, in Creazione contemporanea, Sassella editore, 2004; Il museo contemporaneo ovvero il museo dell’inaspettato, in “Una possibile vocazione”; Il contemporaneo nei musei del Veneto, Gli Ori, 2004; Gli scritti teorici di Vincenzo Agnetti, saggio in Vincenzo Agnetti, Skira, 2008; Uno sguardo intruso su Marguerite Duras in Marguerite Duras son nom de Venise, Il Poligrafo, 2008. Collabora con la rivista d'arte contemporanea Flash Art Italia.










 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram