Silvio Pasotti - Dipinti degli anni settanta e opere recenti 3085 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/06/2019
Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA ARTE BORGOGNA ​ Via Uberto Visconti Di Modrone 20 Milano 20122

Milano - dal 26 febbraio al 28 marzo 2009

Silvio Pasotti - Dipinti degli anni settanta e opere recenti

Silvio Pasotti - Dipinti degli anni settanta e opere recenti

 [Vedi la foto originale]
GALLERIA ARTE BORGOGNA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Uberto Visconti Di Modrone 20 (20122)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Prosegue a ritmo serrato la serie di mostre presso Arte Borgogna, storica galleria milanese che ha dato voce ai più grandi artisti dagli anni Sessanta a oggi. Il mese di marzo vede protagonista assoluto Silvio Pasotti, con dipinti che ripercorrono la storia della sua pittura, particolarmente attuale nelle suggestioni e nei temi che solleva.
orario: dal lunedì al venerdì, dalle 15.00 alle 19.00 – sabato e mattine feriali su appuntamento
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 26 febbraio 2009. ore 18
catalogo: curato da Luigi Cavallo
editore: SKIRA
ufficio stampa: A AND A - COMUNICAZIONE EVENTI
curatori: Luigi Cavallo
autori: Silvio Pasotti
genere: arte contemporanea, personale
email: sonnino@a-and-a.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
L’artista

Silvio Pasotti (Bergamo 1933, vive a Milano) negli anni Settanta dal suo osservatorio privilegiato nella città di Parigi costruiva con la pittura immagini inquietanti, ritrovando motivi della metafisica e del surrealismo, ma incrinati da una lettura che poneva la modernità nella dimensione dell’ambiguo, dell’ironia drammatica, della sorpresa come spaesamento della presenza umana.

Dipinti che si affermavano sulla ribalta europea facendo riflettere sul senso di una società superficiale e imprendibile nei suoi valori reali, determinata nell’affermazione dell’effimero. Uomini e donne rispecchiavano un’evoluzione esistenziale e insieme profonde nostalgie, come se il passato fosse comunque in agguato, pronto a riprendersi con la storia le equivoche nullità del quotidiano. Colori traslucidi in una meccanica di neri e di bianchi, insieme a un’esibizione decorativa di tanti altri colori servono all’artista per esprimere un affollamento di sensazioni. Una pittura, quella di Pasotti, pronta a rovesciare il senso di ogni descrizione.



Il connubio con Arte Borgogna

Negli anni Settanta è fitta la collaborazione dell’artista con la galleria Arte Borgogna di Milano; oggi, quel periodo è documentato da un’esposizione che intende rifarsi agli interessi formali e alla poetica di allora per mezzo di una mostra allestita nella stessa galleria, a significare una continuità di rapporti.

In questa occasione sarà presentato il Catalogo ragionato della pittura di Silvio Pasotti, curato da Luigi Cavallo, appena edito da Skira; accanto ai lavori degli anni Settanta saranno in mostra opere recentissime che dispiegano il racconto del tutto personale di Pasotti, in cui la figurazione è insieme espressione provocatoria e rivelazione del nostro altrove sconosciuto, linguaggio che si accende nei sensi, nell’osservazione degli oggetti e del paesaggio e si confronta col mistero permanente della contemporaneità.

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram