Map Games: Dynamics of Change 3086 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/07/2019
Banksy è ufficialmente l’artista più amato di tutti i tempi dagli inglesi
18/07/2019
Un uomo ha appiccato un incendio in uno studio di animazione giapponese. Almeno 20 morti
17/07/2019
Per il compleanno di Frida Kahlo, regalati la sua nuova collezione beauty
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CAOS - CENTRO PER LE ARTI OPIFICIO SIRI ​ Viale Luigi Campofregoso 98 Terni 05100

Terni - dal 28 marzo al 10 maggio 2009

Map Games: Dynamics of Change

Map Games: Dynamics of Change
Hugo Tillman
 [Vedi la foto originale]
CAOS - CENTRO PER LE ARTI OPIFICIO SIRI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Viale Luigi Campofregoso 98 (05100)
+39 0744285946
info@caos.museum
www.comune.terni.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

L'esposizione è una delle poche presentate in Italia che mette insieme opere di artisti ed architetti sia internazionali che cinesi. Molte di queste sono state commissionate per l'occasione con l'intento di esplorare il ruolo della Mappa all'interno di una metropoli che si espande e cambia rapidamente come Pechino.
orario: Lunedì chiuso Martedì, mercoledì e giovedì dalle 10.00 alle 19.00
Venerdì e sabato dalle 10.00 alle 00.00 Domenica dalle 10.00 alle 20.00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: Ingresso gratuito. Prezzi della collezione permanente del museo dal 31 marzo intero 5€ / ridotto 3.50€ ingresso gratuito per i residenti nel Comune di Terni
vernissage: 28 marzo 2009. ore 17
ufficio stampa: CIVITA GROUP
curatori: Feng Boyi, Monica Piccioni, Rosario Scarpato
autori: Perino & Vele, Stefano Avesani, Sarah Beddington, Anna Boggon, Marcella Campa, David Cotterrell, Andrea Gotti, Tang Hui, Wang Hui / Urbanus, Wang Jianwei, Li Juchuan, Winy Maas / Mvrdv, Michael Najjar, Ma Qingyun / Mada Spam, Chen Shaoxiong, Varvara Shavrova, Pak Sheung Chuen (Bai Shuangquan), Guan Shi, Hugo Tillman, Wu Wenguang, Ai Wewei, Yin Xiuzhen and Yuan Shun, Ma Yansong / Mad, Lin Yilin
patrocini: patrocinio di sei Ambasciate internazionali in Cina (tedesca, irlandese, italiana, russa, olandese e inglese) e ha ricevuto sostegno dai seguenti enti e soggetti; l’Istituto Italiano di Cultura di Pechino, il Goethe Institute, il British Council e l'Emperor Hotel.
telefono evento: +39 0744461619
note: Conferenza stampa italiana e preview dell'esposizione (saranno presenti artisti e i curatori Feng Boyi, Monica Piccioni, Rosario Scarpato): 28 Marzo 2009, Sabato, ore 11 (ingresso su invito)
genere: architettura, arte contemporanea, inaugurazione, collettiva
email: stampa@indisciplinarte.it
web: www.officinaltd.com

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Il 28 marzo 2009 il panorama dell'arte e della cultura italiana si arricchisce di un nuovissimo spazio, il CAOS “Centro per le Arti Opificio Siri” nella città di Terni, che sta affrontando un importante processo di sviluppo urbano basato sulla cultura e sull'innovazione.

CAOS sarà un luogo unico nel suo genere in Italia, uno spazio di 6000 metri quadri, nato dalla riconversione dell'antica fabbrica chimica ex siri, che ospiterà esposizioni temporanee nazionali ed internazionali, laboratori creativi, il Museo d’arte Moderna e Contemporanea A.De Felice, il museo archeologico cittadino, un teatro da 300 posti ed un cafè bookshop di nuova generazione. In un clima di convivialità, sperimentazione e innovazione come ne preannuncia lo stesso nome.

Per l'occasione Terni sarà la seconda città europea e la terza nel mondo, dopo Birmingham (Regno Unito) e Beijing (Cina), ad ospitare l'esposizione di arte e architettura contemporanea ‘Map Games: Dynamics of Change’ che avvia un percorso di ricerca intorno ai temi della contemporaneità nell'arte e nell'architettura a partire da una riflessione sulle dinamiche di cambiamento delle città.

La città simbolo della mostra Map Games è Pechino il cui volto, da quando ha concorso e vinto per l'ospitalità della 29esima Olimpiade imponendosi all'attenzione internazionale, è cambiato drammaticamente. Così Pechino, la città del 3°millennio, è divenuta un'entità elusiva, entusiasmante e critica allo stesso tempo.

Ventiquattro artisti ed architetti cinesi ed internazionali esplorano le dinamiche di questi cambiamenti e grazie ad interpretazioni multidimensionali ridisegnano la geografia di Pechino passata, presente e futura.

L'esposizione è una delle poche presentate in Italia che mette insieme opere di artisti ed architetti sia internazionali che cinesi. Molte di queste sono state commissionate per l'occasione con l'intento di esplorare il ruolo della Mappa all'interno di una metropoli che si espande e cambia rapidamente come Pechino.

Per Map Games Ai Weiwei - consulente artistico per il design del famoso stadio olimpico Bird Nest – ha contribuito con un video dal titolo ‘Beijing: The Second Ring’ che documenta le due visioni opposte dei flussi di traffico sui 33 ponti lungo il secondo anello stradale di Pechino.

Alcune delle opere presentate chiedono al visitatore di guardare oltre, come l'intervento dell’artista inglese Anna Boggon o dell’architetto Ma Qingyun (la sua ‘From Eclipse to Olympics’ è un loop video ispirato alla eclissi solare totale che si e’ verificata in Cina il 1° Agosto dello scorso anno in concomitanza con i giochi olimpici).

Un aspetto interessante è l'osservazione dello spazio cittadino come set teatrale che rivela gli aspetti surreali dell'esistenza. Questo accade spesso nei non-luoghi come un'autostrada (nel caso del lavoro fotografico ‘They’ del famoso artista concettuale cinese Wang Jianwei) o un bancomat (Sarah Beddington) o attraverso un gioco di ruolo che porta all'attenzione le questione del vero e del falso dell'artificiale e del reale (Lin Yilin).

Uno spazio deserto con il pavimento coperto di polvere di cemento definisce la Mappa di Yin Xiuzhen. Questa mappa di vuoto e cemento provoca un sentimento di desolazione associato non solo con Pechino, ma con una qualsiasi periferia abbandonata del Pianeta. Il tema ambientale e’ un focus importante anche per altri artisti invitati. Il fondatore di MAD Architecture practice, Ma Yansong sostiene il “pensiero verde” e propone l'installazione di una arteria verde nel bel mezzo di Pechino, liberando così virtualmente i cittadini dall'inquinamento e mettendo a disposizione una via d'uscita dall'alienazione della quotidiana vita urbana.

Architetti come Marcella Campa e Stefano Avesani ripensano l'identità della città rimettendo insieme i segmenti di una realtà complessa in trasformazione con un progetto aperto e multiforme che esplora gli aspetti spaziali e sociali dei quartieri tradizionali (gli hutong) di Pechino. La ricerca è pianificata e strutturata come un'esperienza a più livelli con diverse installazioni, materiali e riflessioni sempre nuovi (www.instanthutong.com).

Anche la questione sociale è centrale grazie all'opera provocatoria dell'artista di Hong Kong Pak Sheung Chuen (Tozer Pak) intitolata ‘A Present to Central Government’ così come nel ‘Chinese Villager Documentary’ progetto fotografico di Wu Wenguang, autore di video e documentari.

Con installazioni, sculture, video, fotografie, dipinti e disegni gli artisti e gli architetti coinvolti nel progetto Map Games hanno investigato il tema utilizzando diversi media e materiali. Alcuni quadri mettono in relazione icone architettoniche e l’io individuale: quello dell’immaginazione soggettiva dell’artista (Tang Hui) oppure quello della comunita’ globale del web (Chen Shaoxiong).

Nello spazio espositivo, tutti i frammenti della vasta metropoli che sono emersi dalle menti dei giocatori di questo gioco, si riuniscono in un unicum dinamico.

Non vedremo solo continuità e rottura, riflessione sui temi culturali, sulla storia e sul presente, ma getteremo anche uno sguardo verso un futuro immaginabile.

Con questa prima esposizione il CAOS avvia la propria attività con le caratteristiche di un centro di esposizione e produzione artistica nella migliore tradizione europea e si impone come Polo della contemporaneità nella regione Umbria.

PER INFORMAZIONI

tel. +39 0744.461619 www.comune.terni.it

sulla mostra: www.officinaltd.com, info@officinaltd.com, +86 10 59789462 (offiCina)


Ufficio stampa:

Luca Dentini stampa@indisciplinarte.it tel. +39 0744.461619

Barbara Izzo izzo@civita.it tel. +39 06.692050220

Arianna Diana diana@civita.it tel. +39 06.692050258


Conferenza stampa italiana e preview del museo e dell’esposizione (di cui saranno presenti artisti e i curatori Feng Boyi, Monica Piccioni, Rosario Scarpato): sabato 28 Marzo 2009, ore 10.30 (ingresso su invito)


Dal 28 Marzo al 10 Maggio 2009

CAOS: Viale Campofregoso 98

Apertura al pubblico: sabato 28 Marzo 2009, dalle ore 17.00

Lunedì chiuso

Martedì, mercoledì e giovedì dalle 10.00 alle 19.00

Venerdì e sabato dalle 10.00 alle 24.00

Domenica dalle 10.00 alle 20.00

Ingresso gratuito

Prezzi della collezione permanente del museo dal 31 marzo

intero 5€ / ridotto 3.50€

ingresso gratuito per i residenti nel Comune di Terni

NOTE ALLA MOSTRA:

Map games nasce da una collaborazione creativa e curatoriale tra il curatore indipendente Feng Boyi, Monica Piccioni e Rosario Scarpato (cofondatori dello spazio artistico offiCina Beijing) e l'artista Varvara Shavrova. offiCina è un progetto italiano di pratica curatoriale che si focalizza sull'arte contemporanea cinese e internazionale ed anche uno spazio espositivo con sede all'interno della Factory 798 di Pechino.

Questa esposizione è stata inaugurata al Today Art Museum di Pechino nel Giugno 2008 e di seguito al Birmingham Museum and Art Gallery, UK (Ottobre 2008 – Gennaio 2009).

‘Map Games’ beneficia del patrocinio di sei Ambasciate internazionali in Cina (tedesca, irlandese, italiana, russa, olandese e inglese) e ha ricevuto sostegno dai seguenti enti e soggetti; l’Istituto Italiano di Cultura di Pechino, il Goethe Institute, il British Council e l'Emperor Hotel.

Gli artisti che partecipano al progetto: Ai Weiwei [China], Sarah Beddington [Uk], Anna Boggon [UK], Chen Shaoxiong [China], David Cotterrell [UK], Andrea Gotti [Italy], Guan Shi [China], Li Juchuan [China], Lin Yilin [China], Michael Najjar [Germany], Pak Sheung Chuen (Bai Shuangquan) [Hk], Perino & Vele [Italy], Varvara Shavrova [Russia/Ireland], Tang Hui [China], Hugo Tillman [UK], Wang Jianwei [China], Wu Wenguang [China], Yin Xiuzhen [China] and Yuan Shun [China].

Gli architetti che partecipano al progetto: Marcella Campa, Stefano Avesani [Italy], Ma Qingyun / Mada S.p.a.m. [China], Ma Yansong / Mad [China], Wang Hui / Urbanus [China], Winy Maas / MVRDV [Netherlands].
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram