Domenico Bianchi 3087 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
25/06/2019
Quattro residenze per il nuovo bando di CURA 2020
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MACRO - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA DI ROMA ​ Via Nizza 138 Roma 00198

Roma - dal 27 settembre 2003 al 4 gennaio 2004

Domenico Bianchi
[leggi la recensione]

Domenico Bianchi
[leggi la recensione]
MACRO - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA DI ROMA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Nizza 138 (00198)
+39 060608
macro@comune.roma.it
www.museomacro.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Al MACRO saranno presenti 140 opere che costituiscono una sorta di mosaico che narra la sua carriera in un allestimento progettato dall’artista.
orario: da martedì a domenica 9.00 – 19.00; festività 9.00 - 14.00; (lunedì chiuso)
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: intero € 5,20 ridotto € 4,20. Gratuito fino ai 18 anni e oltre i 65
vernissage: 27 settembre 2003. ore 18.30
editore: ELECTA
ufficio stampa: MARIA BONMASSAR
autori: Domenico Bianchi
note: In occasione de “La Notte Bianca” MACRO rimarrà aperto tutta la notte (ingresso gratuito)
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Artista italiano ha cominciato la sua attività artistica nel 1977 con una prima esposizione al Fine Arts Building di New York, oggi vive e lavora a Roma.

Intorno al 1980 è vicino ad artisti come Pizzi Cannella, Dessì, Gallo, Tirelli. L’incontro con alcuni dei maggiori esponenti dell’arte povera, in particolare Mario e Marisa Merz e Jannis Kounellis, aprirà all’artista nuovi orizzonti di riflessione che lo porteranno ad approfondire lo studio dello spazio e a convincersi dell’importanza di arricchire la propria opera con la forza di valori essenziali e puri, che solo la semplicità di materiali grezzi può trasmettere. La luce diviene per l’artista elemento primario. La trasparenza della cera e della fibra di vetro insieme alle sottili foglie dei metalli in essa affogati (oro, platino, argento e rame) suggeriscono all’artista l’invenzione delle forme, la variabilità del timbro dei colori, la definizione dello spazio. Nelle opere di Bianchi l’immagine è costituita da un segno a volte quasi trasparente che mantiene l’apertura verso gli infiniti rimandi del senso. Le sue sono forme raffinate, tratti minimali, Mappe dell’anima.

Al MACRO saranno presenti 140 opere che costituiscono una sorta di mosaico che narra la sua carriera in un allestimento progettato dall’artista.

Tra le più importanti esposizioni collettive si segnalano: De Umbris Idearum, Sperone - Westwater Gallery, New York, 1984; The Spiritual in Art. Abstract painting 1890-1985, Los Angeles County Museum, Los Angeles, 1986; The Image of Abstraction, Museum of Contemporary Art, Los Angeles, 1988; III Biennale di IstanbuI,1992; Terrae Motus, Fondazione Lucio Amelio, Reggia di Caserta, Caserta, 1992; Nuevas Abstracciones, Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofia, Madrid, 1996. Ha partecipato alla Biennale di Venezia nell’84, nell’86 e nel 1993.

Tra le mostre personali: Sperone-Westwater Gallery, New York, 1986, 1987, 1989, 1991; Galleria Christian Stein, Milano, 1988, 1990, 1995, 1998; Castello di Rivoli, Torino, 1989; Galleria Comunale d’arte moderna, Bologna, 1993; Stedelijk Museum, Amsterdam, 1994; Accademia di Ungheria (con Franz West), Roma, 2000; La ricerca della luce. Appunti sull’Arte di Domenico Bianchi, Centro per le Arti Visive, Pescheria, Pesaro, 2002.

Sarà pubblicato un catalogo illustrato, bilingue, edizioni ELECTA, con saggi di Danilo Eccher, Rudy Fuchs ed un dialogo fra l’artista e Rosella Siligato.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram