Paola Pivi 3072 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
Il Ninfeo degli Specchi torna alla luce, con zampilli e scherzi d'acqua
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MACRO - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA DI ROMA ​ Via Nizza 138 Roma 00198

Roma - dal 27 settembre 2003 al 4 gennaio 2004

Paola Pivi
[leggi la recensione]

MACRO - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA DI ROMA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Nizza 138 (00198)
+39 060608
macro@comune.roma.it
www.museomacro.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Una suggestiva installazione fotografica di cui sono protagoniste delle zebre ritratte fra le montagne innevate del Parco Velino-Sirente.
orario: da martedì a domenica 9.00 – 19.00; festività 9.00 - 14.00; (lunedì chiuso)
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: intero € 5,20 ridotto € 4,20. Gratuito fino ai 18 anni e oltre i 65
vernissage: 27 settembre 2003. ore 18.30
editore: ELECTA
ufficio stampa: MARIA BONMASSAR
autori: Paola Pivi
note: In occasione de “La Notte Bianca” MACRO rimarrà aperto tutta la notte (ingresso gratuito)
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Paola Pivi è nata nel 1971 a Milano, vive e lavora a Londra e ad Alicudi.
Nelle sue opere tenta di svelare l’aspetto assurdo del reale rappresentato in modo apparentemente spettacolare, ma che in realtà non tradisce l’essenzialità e l’evidenza delle cose: dalle più grandi, un aereo o un camion rovesciato, alle più piccole, come una scultura fatta di biscotti. Le operazioni attorno a cui ruotano i lavori di Paola Pivi sono sempre semplici, dirette, gesti elementari o oggetti disposti all’attenzione del pubblico attraverso un intervento minimo.

Nella sua opera si riscontra una dimensione ludica, ironica, attraverso l’uso di mezzi molto diversi: dall’oggetto più comune a quello di più fine realizzazione, fino alle più moderne tecnologie. Un altro aspetto del lavoro della Pivi, che prima di frequentare l'Accademia di Brera ha studiato ingegneria, va individuato nel suo interesse per la fisica. Il fascino delle opere dell’artista, che lavora sulla luce, sul peso, sulla gravità, la densità, le dimensioni, massime o minime, consiste nella facilità con cui trasporta complessi fenomeni fisici nella nostra dimensione quotidiana: sensazione dello spazio circostante come spazio gravitazionale, percezione della densità dell’oggetto e misurazione fisica della distanza e del peso che da esso ci separano, l’alterazione di scala di cui spesso non ci accorgiamo quando siamo immersi nel nostro quotidiano spazio visivo.

Per il MACRO realizza una suggestiva installazione fotografica di cui sono protagoniste delle zebre ritratte fra le montagne innevate del Parco Velino-Sirente.

Premiata alla Biennale di Venezia del 2001, ha partecipato a numerose esposizioni collettive, tra cui: Guarene Arte, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino, 1998; Simone Berti-Paola Pivi, Galleria S.A.L.E.S., Roma, 1999; XLVIII Biennale di Venezia, 1999; Migrazioni, Centro Nazionale per le Arti Contemporanee, Roma, 2000; Signatures of the Invisibile, Atlantis Gallery, Londra, 2001; Uniforme. Ordine e Disordine, P.S.1 Contemporary Art Center, New York, 2001; Chain of Vision: Family, Politics and Religion in the Last Generation of Italian Contemporary Art, Hara Museum of Contemporary Art, Tokyo, 2001; No Return, Palais de Tokyo, Parigi, 2002; Verso il futuro. Identità nell’arte italiana 1990-2002, Museo del Corso, Roma, 2002; L Biennale di Venezia, 2003. Tra le mostre personali: Paola Pivi, Castello di Rivoli, Torino, 2000; Galleria Massimo De Carlo, Milano 2001; Galerie Emmanuel Perrotin, Parigi, 2001.

Sarà pubblicato un catalogo illustrato, bilingue, edizioni ELECTA, con interviste all’artista del curatore Laura Cherubini, di Danilo Eccher, del fisico del CERN di Ginevra John March Russell.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram