Odile Decq - Macro Micro 3079 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MACRO - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA DI ROMA ​ Via Nizza 138 Roma 00198

Roma - dal 27 settembre 2003 al 4 gennaio 2004

Odile Decq - Macro Micro

Odile Decq - Macro Micro
MACRO - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA DI ROMA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Nizza 138 (00198)
+39 060608
macro@comune.roma.it
www.museomacro.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra mette in luce il lavoro di ricerca dello studio ODBC (Odile Decq – Benoît Cornette). Un percorso basato sulla riflessione sull’« l’Hyper Tension » e sulla ricerca della sensualità dello spazio.
orario: da martedì a domenica 9.00 – 19.00; festività 9.00 - 14.00; (lunedì chiuso)
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: intero € 5,20 ridotto € 4,20. Gratuito fino ai 18 anni e oltre i 65
vernissage: 27 settembre 2003. ore 18.30
editore: ELECTA
ufficio stampa: MARIA BONMASSAR
autori: Odile Decq
note: In occasione de “La Notte Bianca” MACRO rimarrà aperto tutta la notte (ingresso gratuito)
genere: architettura, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Per la prima volta in Italia, al MACRO, un’esposizione realizzata dall’Agenzia Francese di Azione Artistica (AFAA) presenta il lavoro dell’architetto francese Odile Decq, che ha firmato con Benoît Cornette il progetto di ampliamento dello stesso museo.
La mostra mette in luce il lavoro di ricerca dello studio ODBC (Odile Decq – Benoît Cornette). Un percorso basato sulla riflessione sull’« l’Hyper Tension » e sulla ricerca della sensualità dello spazio. Un approccio basato sul segno della sperimentazione.
Il concetto di « Macro-Micro » mette in luce le specificità di un lavoro aperto tanto alle grandi questioni dei mutamenti urbani quanto alla ricerca sul design: da un museo emblematico nel cuore di Roma, ai grandi progetti di urbanistica a Gennevilliers o a Rotterdam, passando per l’organizzazione della hall dell’Unesco a Parigi. Questa è la dimensione internazionale dello studio ODBC, Leone d’oro alla Biennale Architettura di Venezia nel 1996.
« Macro-Micro » tratta inoltre quattro scale di intervento: la città, l’architettura, il paesaggio, il design. L’esposizione è concepita sull’ itineranza. Montata su un supporto leggero e facilmente trasportabile, « Macro-Micro » mette in scena i lavori più impegnativi degli architetti Decq e Cornette, studi o progetti realizzati in Francia e all’estero. Le opere ed i progetti sono presentati attraverso proiezioni a grande formato oppure attraverso una serie di modelli contenuti in scatole trasparenti.

Accanto alla mostra, con il supporto dell’Assessorato alle Politiche della Programmazione Pianificazione del Territorio, si aprirà “La finestra sul cantiere”, che offrirà al pubblico la possibilità di vedere i lavori di ristrutturazione già in corso.

Odile Decq (1955) ha studiato architettura a Parigi dove si è laureata nel 1978. Nel 1988, con Benoît Cornette, vince il concorso per la sede del Centro amministrativo e sociale della Banque Populaire de l'Ouest Armorique a Rennes, progetto che le vale numerosi premi e riconoscimenti internazionali. Sempre con Cornette, realizza architetture fortemente dinamiche di derivazione "high tech", tra le quali il porto di Osaka in Giappone e il Centro di ricerca Saint Gobain a Parigi nel 2000 e il MACRO di Roma, quest’ultimo con la collaborazione anche di Burkhard Morass.

In occasione della mostra, la casa editrice ELECTA pubblicherà una monografia nella collana Documenti di architettura; collana curata da Francesco Dal Cò.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram