Cittàzioni 3068 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
25/06/2019
Quattro residenze per il nuovo bando di CURA 2020
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva LOGGIA DEI MERCANTI ​ Piazza Dei Mercanti Milano 20123

Milano - dal 28 ottobre al 30 novembre 2003

Cittàzioni
[leggi la recensione]

Cittàzioni
[leggi la recensione]
LOGGIA DEI MERCANTI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Dei Mercanti (20123)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

un caso di Public art a Milano
biglietti: free admittance
vernissage: 28 ottobre 2003. ore 18
editore: SILVANA EDITORIALE
ufficio stampa: IRMA BIANCHI
curatori: Mimmo di Marzio
autori: Piero Addis, Chema Alvargonzales, Baer+Knell, Mario Bottinelli Montandon, Alessandra Filiberti, Madame Hirsch, Roberto Lucca Taroni, Chicco Margaroli, Annamaria Martena, Davide Motto, Carlo Steiner, Silvio Wolf
genere: arte contemporanea, collettiva
email: +39 0288464101
web: www.comune.milano/giovani

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La mostra CITTàZIONI: un caso di Public art a Milano, realizzata con il patrocinio e il contributo del Comune di Milano e il patrocinio della Commissione Europea, a cura di Mimmo di Marzio è visibile dal 29 ottobre al 30 novembre 2003 sul territorio della città di Milano.
Dodici artisti in dodici spazi urbani di Milano. E' la sfida di Cittàzioni, nuovo capitolo nella comunicazione e divulgazione dell'arte contemporanea che, sulla scia delle più interessanti esperienze internazionali, porta la poetica dei giovani artisti direttamente nella società e nei luoghi in cui essa tende a riconoscersi.
I lavori degli artisti occuperanno così i luoghi più significativi di Milano, spazi pubblici che esprimono le diverse anime della città e dei suoi abitanti, accessibili ad una larga maggioranza di persone ed aperti a molteplici modi d'uso e di senso.
Gli artisti hanno realizzato opere studiate ad hoc per la città, inserendole nel contesto storico ed etico del luogo scelto e affrontando temi che, per tradizione e morfologia, hanno attinenze con lo spazio d'azione: il lavoro e l'immigrazione, il consumismo e la moda, il dominio dell'editoria e la finanza.

Artisti e luoghi d'intervento:
Piero Addis, Stazione Nord di Cadorna - Chema Alvargonzales, Stazione Centrale - Davide Coltro, Sala Anagrafe - Alessandra Filiberti, mezzi ATM - Annamaria Martena, piazza Affari - Carlo Steiner, stazioni della metropolitana - Silvio Wolf, Loggia dei Mercanti - Roberto Lucca Taroni, Giardini Pubblici di via Palestro - Baer+Knell, Metropolitana porta Venezia - Debora Hirsch, Libreria Rizzoli nella galleria Vittorio Emanuele, Mario Bottinelli Montandon, piazzale Loreto e piazza Fontana -Chicco Margaroli, triangolo della moda.

Gli artisti ridisegnano così una mappa cittadina che va dalla Stazione Centrale - con l'installazione luminosa dell'artista spagnolo Chema Alvargonzalez sul tema del viaggio, dell'assenza e della fuga- fino ai Giardini Pubblici di via Palestro, dove i laboratori artistici del Museo del Paolo Pini eseguiranno tre interventi sul tema cruciale della pausa- fino a Piazza Affari, con l'installazione multimediale di Annamaria Martena sull'imprevedibilità del mercato, fino a Piazza dei Mercanti dove Silvio Wolf riporterà virtualmente, ovvero con luce e suono, la prestigiosa Loggia alla sua antica funzione di crocevia degli scambi di uomini e merci.
Utilizzando tutti i linguaggi espressivi (dalla fotografia al video, dall'installazione alla pittura), gli artisti sfrutteranno per i loro "monumenti provvisori" i media stessi della quotidianità metropolitana: dagli spazi pubblicitari ai mezzi pubblici, dalla grande distribuzione agli uffici della pubblica amministrazione. Così, l'artista fotografico Davide Coltro archivierà i volti e le anime degli utenti dell'anagrafe, le macchine distributrici di Carlo Steiner venderanno sogni e speranze nelle banchine della metropolitana, Mario Bottinelli Montandon "pubblicizzerà" la Bella Addormentata di Jacopo della Quercia nei due luoghi più simbolicamente legati all'idea della morte nella città di Milano: Piazza Fontana e Piazzale Loreto.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram