Paolo Icaro 3118 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
22/07/2019
Da Noto, in partenza per la Luna, con Photology Air
22/07/2019
Addio a Ilaria Occhini, volto gentile e notissimo di cinema, teatro e tv
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PINACOTECA COMUNALE FRANCESCO PODESTI - PALAZZO BOSDARI ​ Via Ciriaco Pizzecolli 17 Ancona 60121

Ancona - dal 21 marzo al 26 aprile 2009

Paolo Icaro
[leggi la recensione]

Paolo Icaro
[leggi la recensione]
Esercizio - 1975 - Matita su carta
 [Vedi la foto originale]
PINACOTECA COMUNALE FRANCESCO PODESTI - PALAZZO BOSDARI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Ciriaco Pizzecolli 17 (60121)
+39 0712225041
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

In un corto circuito temporale in cui l’antico ed il moderno vengono delicatamente invitati a convivere i disegni inediti e la leggerezza e la tensione delle stele.
orario: da martedì a sabato ore 9.00 -19.00, domenica e lunedì festivi ore 10.00 - 13.00 e 16.00 - 19.00 - chiuso lunedì non festivi
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: gratuito alla raccolta di disegni di Paolo Icaro (sala esposizioni piano terra accesso Pinacoteca); euro 4,60 (riduzioni di legge e titolari Carta Musei Marche e Carta Sistema Museale della Provincia di Ancona) agli interventi di Paolo Icaro in dialogo con i capolavori di grandi maestri quali Lorenzo Lotto e Sebastiano del Piombo nelle sale superiori della Pinacoteca e in tutte le sale della Pinacoteca; Ingresso: gratuito a tutte le sale della Pinacoteca nei giorni: 21 marzo inaugurazione; 2
vernissage: 21 marzo 2009. ore 17.30
catalogo: cura di Gabriella Papini; con un saggio critico di Stefano Verri
ufficio stampa: ECONOMIA&CULTURA
curatori: Gabriella Papini, Stefano Verri
autori: Paolo Icaro
note: in concomitanza della giornata mondiale della poesia e con la partecipazione di Ermanno Bencivenga per la sezione “Arte tra poesia e pensiero: emozioni del creare”, con una conversazione inserita nel calendario della rassegna di filosofia "Emozioni vitali 2 - Festival del pensiero”, curata da Giancarlo Galeazzi. Previsti un incontro con Ludovico Pratesi il 2 aprile ed una serie momenti pubblici per la Settimana della Cultura dal 18 al 26 aprile.
genere: personale, disegno e grafica

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Artista fuori dagli schemi e dalle convenzioni delle diverse correnti artistiche Paolo Icaro può essere considerato uno dei protagonisti più interessanti della recente contemporaneità.

Difficilmente inscrivibile all’interno di uno dei numerosi -ismi che costellano la Storia dell’Arte del secondo Novecento, Icaro costruisce una ricerca propria e personale caratterizzata da un profondo rigore teorico e formale, che si manifesta nel disegno, nella performance e soprattutto nella scultura e nelle installazioni.

Misura e trasformazione sembrano essere i cardini attorno a cui ruota una poetica che sviluppa alcuni temi cari al grande pensiero filosofico del secolo appena concluso. Una poetica che rimette l’uomo e la sua attitudine di faber, di trasformatore, al centro dell’universo.

Il gesso, le pietre, il metallo, elementi naturali e primordiali, vengono trasformati dall’operare dell’artista e nel prendere forme nuove mutano il proprio valore semantico. Ma la ricerca di Icaro va oltre, coinvolgendo attraverso le sue presenze, l’assenza dello spazio circostante. I materiali si fondono e diventano oggetti che nell’installazione complessiva mutano il valore ed il senso del luogo che li ospita, che soggiace alle regole imposte dall’opera, al pensiero forte e dominante dell’artista.
In questa occasione Paolo Icaro propone due interventi al piano nobile della Pinacoteca Francesco Podesti di Ancona, nella Sala del Cinquecento veneziano che ospita alcuni capolavori di grandi Maestri dell’arte italiana. Un cortocircuito temporale in cui l’antico ed il moderno vegono delicatamente invitati a convivere.

In Ombra 90° stele in gesso del 1996, l’elemento lineare dell’angolo retto viene accentuato da un lato scurito dalla grafite, un’ombra insita nell’oggetto che avvia un dialogo silenzioso e poetico con l’ombra proiettata dall’uomo sul libro nel Ritratto di Francesco Arsilli dipinto da Sebastiano del Piombo. Lo spazio dipinto si dilata fino a pervadere la Stele creando un luogo sospeso in cui le due opere sembrano convivere integrandosi l’una all’altra.

Le Stele di Icaro sono leggerezza e tensione, poesia e rigore, purezza e commistione. Lassù: per un blu K. cresce rapida verso l’alto, innalzando al cielo una spugna sintetica intrisa di un particolarissimo pigmento blu, un movimento ascensionale, come quello creato da Lorenzo Lotto nell’opera Madonna col Bambino nota come Pala dell’Alabarda, dove ogni linea sembra spingere la Madonna, vestita del suo splendido manto blu, verso la gloria dell’incoronazione. Anche qui, lo spazio dipinto sublima i contorni della tela quasi ad entrare, nella suggestione delle cromie, in un tempo ed uno spazio diversi. Una frattura della linearità in cui l’intervento contemporaneo non rappresenta più una semplice associazione o confronto, ma diventa soggetto ed oggetto di un’interazione vera e profonda sul piano estetico e formale. Così due stele, due presenze, due inattesi visitatori si relazionano con le suggestioni di due antichi Maestri. Un dialogo fatto di suggestioni estetiche, di luci, di ombre e di colori.

Il piano terra della Pinacoteca ospiterà invece una raccolta di disegni, alcuni dei quali proposti per la prima volta in Italia, altri assolutamente inediti. Una selezione operata privilegiando un percorso


Comunicato stampa: Paolo Icaro, pag. 2


estetico in cui vengono alla luce le caratteristiche salienti che nel corso degli anni hanno caratterizzato la poetica di questo Maestro dell’Arte Italiana. Un percorso che dalle meditazioni sul segno ci porta al rigore concettuale delle Mappe del 1978 o degli Scomposti del 1986, ed ai disegni graffiti (Pulp Drawing, 1964) dove disegno e scultura sembrano quasi fondersi. Un’esperienza che ci porta fuori dalla bidimensionalità classica della grafica introducendoci in un luogo dove il disegno invade la terza dimensione, quella della scultura per arrivare alla quarta: il tempo.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram