Luigi Ghirri 3180 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/07/2019
Una cooperazione Carabinieri-FBI riporta in Italia due preziosi reperti dagli USA
15/07/2019
Un nuovo libro ci fa entrare nella mente di Jean-Michel Basquiat
13/07/2019
Anche Lucio Battisti arriva su Spotify ma non tutti sono contenti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva STUDIO TRISORIO ​ Riviera Di Chiaia 215 Napoli 80121

Napoli - dal 20 marzo al 16 maggio 2009

Luigi Ghirri
[leggi la recensione]

Luigi Ghirri
[leggi la recensione]
Luigi Ghirri, Formigine, 1985 da Il profilo delle nuvole
 [Vedi la foto originale]
STUDIO TRISORIO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Riviera Di Chiaia 215 (80121)
+39 081414306 , +39 081414306 (fax)
info@studiotrisorio.com
www.studiotrisorio.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Sulla base di una selezione di vintage prints fatta presso il Fondo di Luigi Ghirri e di alcuni modern prints stampati a cura di Paola Ghirri, la mostra intende offrire un aspetto singolare dell’importante lavoro sviluppato dall’artista lungo gli anni ’80 sul tema del paesaggio.
orario: lun-ven 10.00/13.00 - 16.00/19.30; sab 10.00/13.00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 20 marzo 2009. ore 19.00
autori: Luigi Ghirri
note: a cura del Fondo di Luigi Ghirri
genere: fotografia, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Sulla base di una selezione di vintage prints fatta presso il Fondo di Luigi Ghirri e di alcuni modern prints stampati a cura di Paola Ghirri, la mostra intende offrire un aspetto singolare dell’importante lavoro sviluppato dall’artista lungo gli anni ’80 sul tema del paesaggio.

La mostra ha come soggetto il paesaggio dell’Emilia Romagna, presentando in particolare immagini di mare, ma anche di nebbia e di neve, in cui lo sguardo di Ghirri ha voluto cogliere l’atmosfera rarefatta, sospesa e carica di poesia propria di quei luoghi. Il mare, la nebbia, la neve si pongono nel lavoro di Ghirri come elementi di cancellazione, in sostanza un “grado zero” della visione attraverso cui attivare una nuova percezione basata sul valore emozionale dell’immagine.

Le opere esposte in mostra appartengono per lo più alle serie Paesaggio Italiano e Il profilo delle nuvole, nuclei di fotografie in cui Ghirri ha articolato una parte fondamentale della sua ricerca espressiva, quella che fin da subito ha reso il suo lavoro un riferimento centrale nell’elaborazione di una nuova idea di contesto, di luogo e appunto di paesaggio all’interno del pensiero contemporaneo.

“Siamo forse qui per dire: Casa, Ponte, Cancello, Albero da frutta, Finestra, al massimo: Colonna, Torre...”; in queste parole di Rainer Maria Rilke sono sintetizzati tutti gli elementi costitutivi di un luogo, di un paesaggio in maniera semplice, quasi elementare, tanto da ricordare il disegno di un bambino. Ma in queste parole è anche racchiusa una profondità poeticamente felice per descrivere, per ricordarci un luogo; tutto il resto, quello che non è evocato, sembra senza importanza, quasi una dimenticanza voluta, per farci capire che poi, alla fine, nella vita di noi tutti non c'è bisogno di tanto altro, per poter abitare un luogo.

(Luigi Ghirri, Casa, Ponte, Cancello…, 1989)

Luigi Ghirri (Scandiano, Reggio Emilia, 1943 – Roncocesi, Reggio Emilia, 1992) ha prodotto per più di vent’anni, dal 1970 al 1992. Autore fra i più importanti e influenti nello scenario della fotografia contemporanea, inizia il suo lavoro nell’ambito dell’arte concettuale e le sue ricerche presto lo conducono a essere noto internazionalmente. Nel 1975 è tra le “Discoveries” del Photography Year di Time-Life e partecipa alla mostra Art as Photography – Photography as Art di Kassel. Nel 1982 è segnalato alla Photokina di Colonia come uno degli artisti più significativi della storia della fotografia del XX secolo. Le sue opere sono conservate presso varie istituzioni nel mondo, tra cui: Stedelijk Museum (Amsterdam), Musée-Château (Annecy), Musée de la Photographie Réattu (Arles), Polaroid Collection (Cambridge, Massachusetts), Musée Nicéphore Niépce (Chalon-sur-Saône), Museum of Fine Arts (Houston), Museo di Fotografia Contemporanea (Cinisello Balsamo, Milano), Archivio dello Spazio – Amministrazione Provinciale (Milano), Galleria Civica (Modena), Canadian Centre for Architecture – Centre Canadien d’Architecture (Montréal), Museum of Modern Art (New York), Cabinets des estampes – Bibliothèque Nationale de France (Paris), Fond National d’Art Contemporain (Paris), Centro Studi e Archivio della Comunicazione (Parma), Biblioteca Panizzi – Fototeca (Reggio Emilia), Palazzo Braschi – Archivio Fotografico Comunale (Roma), Fondazione Sandretto Re Rebaudengo (Torino), Galleria d’Arte Moderna (Torino), Fotomuseum (Winterthur).

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram