L'atelier degli Oscar. I costumi della sartoria Tirelli per il grande cinema 3091 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
27/06/2019
Wes Anderson e Juman Malouf portano il sarcofago di Spitzmaus alla Fondazione Prada
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO ATTEMS-PETZENSTEIN ​ Piazza Edmondo De Amicis 2 Gorizia 34170

Gorizia - dal 28 aprile al 20 settembre 2009

L'atelier degli Oscar. I costumi della sartoria Tirelli per il grande cinema
[leggi la recensione]

L'atelier degli Oscar. I costumi della sartoria Tirelli per il grande cinema
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
PALAZZO ATTEMS-PETZENSTEIN
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Edmondo De Amicis 2 (34170)
+39 0481 547499
musei.erpac@regione.fvg.it
www.musei.regione.fvg.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Per la grande mostra goriziana, dagli armadi-archivio dell'atelier Tirelli uscirà un numero impressionante di abiti che hanno vestito le più belle attrici del mondo, come Claudia Cardinale, indimenticabile nel suo abito da ballo bianco nel Gattopardo, Silvana Mangano in Morte a Venezia, Winona Ryder e Michelle Pfeiffer in L'età dell'innocenza, Nicole Kidman in Ritorno a Cold Mountain o Monica Bellucci in N - Io e Napoleone e I fratelli Grimm e l'incantevole strega.
orario: tutti i giorni dalle 9 alle 19. Lunedì chiuso.
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: 6 euro; ridotto 4.
vernissage: 28 aprile 2009. ore 17
catalogo: edito dai Musei Provinciali di Gorizia, a cura di Raffaella Sgubin
ufficio stampa: STUDIO ESSECI
curatori: Raffaella Sgubin
patrocini: Mostra promossa dalla Provincia di Gorizia - Musei Provinciali in collaborazione con Tirelli Costumi. Con il contributo di
Fondazione ca.ri.go.
Banca di Cividale
Con la collaborazione di
Università degli studi di udine - dams
Centro di cultura cinematografica
Sergio Aamidei
Transmedia spa
Mediateca provinciale di Gorizia
Associazione goriziana amici dei musei
Con la collaborazione di
Azienda provinciale trasporti di gorizia
Bonaveri artistic mannequins
Consorzio turistico Gorizia e
genere: design, altro

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Chiudete gli occhi e cercate di rivivere la scena di un grande film in costume. C'è da scommettere che almeno uno dei personaggi che vi verrà in mente veste Tirelli.
L'esercizio è del resto facile visto che il grande atelier romano fondato negli anni Sessanta da Umberto Tirelli, geniale "realizzatore di costumi e archeologo della moda" secondo la definizione di Guido Vergani, ha "vestito" i protagonisti di almeno una trentina di film che, non certo a caso, hanno ricevuto l'Oscar per i migliori costumi, se non l'Oscar il BAFTA Award, o il Nastro d'Argento oppure ancora il David di Donatello. Oltre a molte altre decine di film che, anche senza vincere alcunché hanno avuto successi di pubblico assolutamente notevoli e sono entrati a buon diritto nella memoria collettiva.

Dal 29 aprile al 6 settembre, una affascinante e scenografica selezione di quegli abiti sarà in mostra a Gorizia, a Palazzo Attems Petzenstein, sede niente affatto inconsueta visto che i Musei Provinciali goriziani hanno, nella loro ampia articolazione, anche un importante Museo della Moda e hanno ospitato in tempi recenti mostre di grande impatto come quella dedicata a Roberto Capucci oppure Abitare il Settecento. La mostra è promossa ed organizzata dalla Provincia di Gorizia - Musei Provinciali con Tirelli Costumi e con il determinante contributo della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia e della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia.

Per la grande mostra goriziana, dagli armadi-archivio dell'atelier Tirelli uscirà un numero impressionante di abiti che hanno vestito le più belle attrici del mondo, come Claudia Cardinale, indimenticabile nel suo abito da ballo bianco nel Gattopardo, Silvana Mangano in Morte a Venezia, Winona Ryder e Michelle Pfeiffer in L'età dell'innocenza, Nicole Kidman in Ritorno a Cold Mountain o Monica Bellucci in N - Io e Napoleone e I fratelli Grimm e l'incantevole strega. Non mancheranno neppure quelli che hanno indossato grandi interpreti maschili come Donald Sutherland nel famoso e premiato Casanova di Fellini o Helmut Berger nel viscontiano Ludwig.
L'esposizione che avrà luogo nelle scenografiche sale espositive di Palazzo Attems Petzenstein si configura come una tra le più intriganti e coinvolgenti dedicate al mondo del cinema negli ultimi anni in regione e permetterà di ricostruire in parte l'atmosfera di film dei più conosciuti registi della intera storia del cinema. Alla perizia dell'atelier Tirelli si sono infatti affidati alcuni tra i registi più importanti, le cui opere sono celebrate nell'esposizione goriziana, come Luchino Visconti, Pier Paolo Pasolini, Federico Fellini, Mauro Bolognini, Ermanno Olmi, Franco Zeffirelli, Giuseppe Tornatore, Elio Petri, Sergio Leone, Alessandro Baricco, Giorgio Treves, Emanuele Crialese, Paolo Virzì, François Girard, Jean Jacques Annaud, Milos Forman, Martin Scorsese, Anthony Minghella, Bernard Rose, Terry Gilliam, Oliver Parker, Sofia Coppola, Mel Gibson e molti altri.

Tutti conoscono queste prestigiose firme registiche; pochi invece, al di fuori dell'ambiente, riconoscono invece loro, i grandi costumisti, i veri artefici di innumerevoli premi e, cosa più importante, tassello non secondario di quanto dei film permane nella nostra memoria. Sono figure straordinarie come Piero Tosi, Gabriella Pescucci, Milena Canonero, Danilo Donati, Maurizio Millenotti, Theodor Pistek, Sylvie de Segonzag, Ann Roth, Alessandro Lai, Nicoletta Ercole, Francesca Sartori, Mariano Tufano, Carlo Poggioli, Massimo Cantini Parrini. È loro la creatività, mentre è delle maestranze Tirelli, sotto la guida del presidente Dino Trappetti, la capacità di dare corpo alle idee e renderle assolutamente perfette, naturali quasi per i corpi materiali degli attori e per quelli immateriali dei personaggi.

A Gorizia, sala dopo sala, grazie al percorso espositivo ideato dalla costumista e scenografa Flora Brancatella, si potrà rivivere dunque la magia di film famosissimi come Medea, Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto, Morte a Venezia, Ludwig, Casanova, L'innocente, La vera storia della signora delle camelie, C'era una volta in America, L'età dell'innocenza, Storia di una capinera, Amata immortale, Beaumarchais, Il paziente inglese, Anna Karenina, Tre, La leggenda del pianista sull'oceano, Il tempo ritrovato, Sogno di una notte di mezza estate, Il mestiere delle armi, L'importanza di chiamarsi Ernesto, Ritorno a Cold Mountain, I fratelli Grimm e l'incantevole strega, Marie Antoinette, N - Io e Napoleone, Nuovomondo, per citarne solo alcuni. Sarà non solo come rivivere l'emozione di film che hanno segnato il nostro ricordo ma come entrare dentro, da un particolare, meraviglioso punto di vista, in quella fabbrica di magie che è il cinema quando sa essere veramente grande.

La mostra sarà affiancata da un ciclo di proiezioni cinematografiche a cura della Mediateca Provinciale di Gorizia e del Centro di cultura cinematografica "Sergio Amidei".
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram