Gérard Castello – Lopes - Vedere, il sogno di una vita. Fotografie 1956-2002 3102 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
A Bologna via alla raccolta fondi e alla mostra per aiutare Esmeralda
27/06/2019
Wes Anderson e Juman Malouf portano il sarcofago di Spitzmaus alla Fondazione Prada
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO DUCALE ​ Via Roma 12b Castelnovo Ne' Monti 42035

Castelnovo Ne' Monti (RE) - dall'undici aprile al 17 maggio 2009

Gérard Castello – Lopes - Vedere, il sogno di una vita. Fotografie 1956-2002

Gérard Castello – Lopes - Vedere, il sogno di una vita. Fotografie 1956-2002

 [Vedi la foto originale]
PALAZZO DUCALE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Roma 12b (42035)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Un percorso di 58 immagini in bianco e nero che attraversano un arco di oltre 45 anni della vita di Castello–Lopes, nato a Vichy, vissuto a lungo in Portogallo e poi stabilitosi definitivamente in a Parigi, dove attualmente vive.
orario: tutti i giorni, ore 15 - 18, Pasqua: chiuso.
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 11 aprile 2009. ore 17.30
catalogo: a cura di Sandro Parmiggiani
editore: SKIRA
ufficio stampa: CLP
curatori: Sandro Parmiggiani
autori: Gérard Castello – Lopes
telefono evento: +39 0522610111
genere: fotografia, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Dall’11 aprile al 17 maggio, nel Palazzo Ducale di Castelnovo ne’ Monti (RE) si terrà la mostra del fotografo franco-portoghese Gérard Castello – Lopes, del quale viene presentata una significativa selezione di opere del suo lungo itinerario di ricerca.

Dopo gli ultimi importanti eventi del 2008 - le esposizioni di Vittore Fossati, di Franco Fontana, di Nino Migliori e di Michael Kenna – prosegue così la collaborazione con Palazzo Magnani e con il Comune di Reggio Emilia, che ha inserito questo evento nel circuito territoriale dell’edizione 2009 di Fotografia europea.

L’iniziativa, curata da Sandro Parmiggiani, presenta un percorso di 58 immagini in bianco e nero che attraversano un arco di oltre 45 anni della vita di Castello–Lopes, nato a Vichy, vissuto a lungo in Portogallo e poi stabilitosi definitivamente in a Parigi, dove attualmente vive.

Una prima parte delle opere documenta alcuni momenti della vita del Portogallo negli anni ’50, durante la dittatura di Salazar, con immagini “rubate” che risentono dell’influenza di Henry Cartier Bresson, che Castello-Lopes riconosce esplicitamente come proprio maestro. Sono scene di vita e di lavoro – agricoltura, pesca, piccoli commerci - intensi ritratti, gruppi di persone, uomini e donne, giovani e anziani che trascorrono in compagnia, conversando, lunghi momenti di pausa, momenti di gioco colti al volo secondo la filosofia del “momento decisivo”: e tutto racconta di un mondo ormai lontano nel tempo, povero ma all’apparenza sereno nonostante la vita trascorra all’ombra di un regime dittatoriale, remoto ma nello stesso tempo presente alla memoria, familiare come certi ricordi dell’infanzia. E a tratti quel mondo pare rivelare i ritmi di una vita meno frenetica e ansiosa, quasi una ritrovata innocenza.

Anche nelle fotografie dei decenni successivi, che pure evolvono verso una particolare cura e attenzione verso i caratteri formali dell’immagine e la composizione dell’inquadratura, si avverte una visione etica della fotografia, un’ironia, un’attenzione, una partecipazione umana, una visione poetica comuni alla sensibilità della generazione dei grandi fotografi “umanisti”, in particolare Robet Doisneau e Eugene Smith. “Ciò che cerco di fare oggi tende a un’innocenza ritrovata…”, dichiara Castello-Lopes nel corso di una conversazione con Sandro Parmiggiani pubblicata nel catalogo edito da Skira – “…Per me fotografare è un atto profondamente legato a un’idea morale che si ha nei confronti delle persone, nei confronti del mondo, nei confronti di se stessi”. E ancora, in un brevissimo repertorio di dichiarazioni dell’autore: “Rappresentare il mondo è, in un qualche modo, infrangere ciò che Dio ha creato. Per me, il fatto di rappresentare è un’assunzione di responsabilità…”; ”…Ciò che cerco attraverso il mio lavoro è di identificarmi con il mondo e di condividere con altri questo stupore…”.

La mostra, che fa parte del programma della rassegna “Pasqua ne’ Monti”, allestita per offrire un ampio e vario calendario di manifestazioni ai cittadini e ai turisti in visita nell’Appennino reggiano nella primavera, si inaugura a Castelnovo ne’ Monti, nella sala di Palazzo ducale, sabato 11 aprile alle ore 17,30, con l’accompagnamento musicale di Andrea Zanetti (fisarmonica) e di Enrico Albertini (clarinetto), allievi dell’Istituto superiore di studi musicali “C. Merulo”, e prosegue fino a domenica 17 maggio. Resterà aperta tutti i giorni dalle 15 alle 18, con la sola eccezione del giorno di Pasqua. L’ingresso è gratuito. Il catalogo Skira è a cura di Sandro Parmiggiani.

Durante il periodo di apertura sono previste alcune iniziative collaterali che si terranno nella stessa sede della mostra: - martedì 21 aprile alle ore 21 verrà organizzato un incontro con Sandro Parmiggiani, curatore delle attività espositive di Palazzo Magnani, che racconterà l’itinerario di ricerca fotografica di Castello-Lopes; - martedì 28 aprile, sempre alle ore 21, si terrà un incontro con Emanuele Ferrari, scrittore, dal titolo: “Conversazioni con una pietra – Il dialogo mancato tra Fernando Pessoa e Wislawa Szymborska”. La biblioteca comunale “A. Campanini”, nel mese di maggio, offrirà invece agli utenti iscritti un’ampia selezione di volumi dedicati alla fotografia scelti tra i titoli più significativi del proprio patrimonio.

Gérard Castello – Lopes è nato a Vichy in Francia nel 1925. Si trasferisce in Portogallo e trascorre l’infanzia e la giovinezza a Lisbona, dove frequenta anche le scuole e l’università. Si dedica alla fotografia a partire dal 1956, con una formazione da autodidatta. Stabilitosi a Parigi, nella seconda metà degli anni Settanta e nei primi Ottanta lavora nella Missione permanente del Governo portoghese al Consiglio d’Europa a Strasburgo. Vive a Parigi.


Castelnovo ne’ Monti (RE), aprile 2009
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram