53. Biennale - Padiglione Natura e Sogni 3083 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/12/2018
A Milano, le case dei libri. Vendita, scambio e mostra, sul filo dell’arte
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci si aggiudica l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva UNIVERSITA' CA' FOSCARI - FACOLTA' DI ECONOMIA ​ Fondamenta Di San Giobbe 873 Venezia 30121

Venezia - dal 5 giugno al 22 novembre 2009

53. Biennale - Padiglione Natura e Sogni

53. Biennale - Padiglione Natura e Sogni
UNIVERSITA' CA' FOSCARI - FACOLTA' DI ECONOMIA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Fondamenta Di San Giobbe 873 (30121)
macellosangiobbe@unive.it
www.unive.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La natura in pericolo e i sogni che devono interagire con la realtà sono le motivazioni culturali su cui gli artisti partecipanti hanno realizzato le loro opere, legandosi ad una nazione come la Costa Rica che è esempio della protezione di uno dei più complessi ecosistemi del pianeta.
biglietti: free admittance
vernissage: 5 giugno 2009. ore 16.30
curatori: Francesco Elisei, Gregorio Rossi
autori: Giuseppe Carta, Francisco Córdoba, Raffaele De Rosa
genere: arte contemporanea, collettiva
email: francescoelisei@libero.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Per questa edizione della Biennale di Venezia l’Istituto Italo-Latino Americano avrà la sua sede presso l’Arsenale, nel quale, come ormai consuetudine, parteciperanno più nazioni del continente sudamericano. La Direzione della Biennale ha annunciato in maniera precisa un cambiamento epocale nello svolgimento della manifestazione: la sede dovrà essere la città tutta e la laguna. La Repubblica Costa Rica, agendo in sinergia con Il Museo di Arte Contemporanea Italiana in America con sede a San Josè presso l’Ambasciata d’Italia, ha sposato immediatamente questa proposta e, insieme all’Istituto Italo-Latino Americano, presenterà un secondo progetto con sede espositiva presso l’Università di Venezia Ca’ Foscari alla Facoltà di Economia che sorge in San Giobbe, proprio per meglio definire il nuovo concetto di Venezia e laguna sede della Biennale. Infatti San Giobbe è in un luogo particolare della città ed in più si affaccia sulla laguna aperta. Inoltre l’Università è la massima espressione della cultura e il più importante evento artistico internazionale deve riacquistare la sua valenza simbolica. L’Istituto Italo-Latino Americano e la Repubblica di Costa Rica, tramite il forte impegno della sua Ambasciata in Italia, anche in collaborazione con la Fondazione Cesar e la Fondazione Logudoru Meilogu, sono lieti di presentare il padiglione “ Natura e Sogni “ partecipante alla 53 BIENNALE DI VENEZIA. Lì, per la prima volta, l’IILA presenta, insieme all’artista costaricense Francisco Cordoba, gli artisti italiani Giuseppe Carta, , Raffaele De Rosa perché il messaggio di fondo del padiglione si basa sul concetto che l’arte è apolide, senza frontiere ed è foriera di pace e prosperità. Attraverso lo scambio culturale e la proposta artistica si possono comprendere le diverse culture che caratterizzano i luoghi che abitiamo. La natura in pericolo e i sogni che devono interagire con la realtà sono le motivazioni culturali su cui gli artisti partecipanti hanno realizzato le loro opere, legandosi ad una nazione come la Costa Rica che è esempio della protezione di uno dei più complessi ecosistemi del pianeta. Francisco Cordoba espone, tramite un’installazione straordinaria, un percorso dove i suoni della natura, maestosi e armoniosi, si uniscono all’uomo attraverso la poesia e l’arte, il tutto in perfetto equilibrio dinamico, dove la natura è rispettata e non vilipesa. Raffaele De Rosa con delle tele di grandissime dimensioni, volutamente esposte all’aperto perché l’arte divenga contesto architettonico della città, la sua pittura racconta di mondi fantastici ed architetture impossibili, è una creazione di scenari immaginari. Giuseppe Carta presenta delle installazioni iper realiste fuse in alluminio, una selva di frutti rigogliosi nati dalla germogliazione dello scambio culturale e dell’arte che và al di là dello spazio tempo che ognuno di noi occupa.

Il Padiglione “Natura e Sogni” inaugura il 5 giugno alle ore 16.30. Il Padiglione è curato da Francesco Elisei e da Gregorio Rossi, con Commissario Patricia de Rivadeneira Ruiz-Tagle.

Francesco Elisei, Gregorio Rossi
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram