Arman - Le Plein de l’art 3070 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/05/2019
Ai Weiwei mette a dura prova la Kunstsammlung di Dusseldorf
17/05/2019
Artists Development Programme 2019. Tra i vincitori del concorso anche Pamela Diamante
17/05/2019
Sull'isola greca di Delo sbarcano le opere di Antony Gormley
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA FONTE D'ABISSO ​ Via Del Carmine 7 Milano 20121

Milano - dal 23 ottobre al 20 dicembre 2003

Arman - Le Plein de l’art

Arman - Le Plein de l’art

 [Vedi la foto originale]
GALLERIA FONTE D'ABISSO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Del Carmine 7 (20121)
+39 0286464407 , +39 02860313 (fax)
info@fdabisso.com
www.fdabisso.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Attraverso ventotto selezionate opere – a partire dal 1957 sino al 1984, e con un forte nucleo dedicato ai decenni più creativi dell’artista, gli anni Sessanta e Settanta – la mostra ripercorre l’attività di uno dei più fecondi e innovatori artisti europei.
orario: 10.30 – 13.00 / 15.30 – 19.00
Chiusura: lunedì e festivi
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 23 ottobre 2003. ore 18.30
editore: MAZZOTTA
autori: Arman Arman
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Il titolo stesso della rassegna – Le Plein de l’art – intende alludere sia a una sua famosa mostra – Le Plein – realizzata alla Galleria parigina di Iris Clert nel 1961 in contrapposizione ideale a quella dell’amico Yves Klein (Le Vide, il vuoto), sia alla sua riconosciuta prolifica creatività, che ha fatto delle sue “Accumulazioni” una delle icone dell’arte europea del dopoguerra.
In mostra saranno esposte opere che hanno segnato il suo percorso e sono diventate emblematiche dei suoi “cicli” di lavori: di fatto, le “impronte” (Cachets), le “accumulazioni”, le “immondizie” (Poubelles), i “tagli” (Coupes) e le “collere” (Coléres), le sculture realizzate con elementi d’automobile o le accumulazioni in bronzo di strumenti musicali – di cui saranno presenti autentici e precoci capolavori – scandiscono non solo il suo percorso artistico, ma tutta una stagione dell’arte mondiale, legata all’oggetto, al vissuto, all’icona del moderno, a tutti i temi ideali del Nouveau Réalisme, che Arman ha saputo magistralmente interpretare.
La mostra – corredata da un catalogo con un saggio di Marco Meneguzzo, e dalla riproduzione a colori di tutte le opere, nonché di una serie di apparati scientifici – intende anche essere un omaggio alla figura di Pierre Restany, che questa mostra aveva voluto, dopo la realizzazione negli stessi spazi della galleria, nel 1997, della collettiva “Nouveax Réalistes anni ’60. La memoria viva di Milano”.

Arman (Nizza, 1928), amico di Yves Klein dal 1948, realizza la sua prima personale nel 1956. Nel 1959 espone a Milano, alla galleria Apollinaire, presso la quale tutti i futuri Nouveaux Rèalistes esponevano. Nel 1960 aderisce al movimento del Nouveau Rèalisme, ideato da Pierre Restany. Da allora è un susseguirsi di azioni che hanno come tema gli oggetti della quotidianità; nel 1967, grazie a una collaborazione con la Renault, realizza grandi sculture utilizzando pezzi di carrozzeria.
Si moltiplicano i riconoscimenti e le partecipazioni alle grandi manifestazioni internazionali (Biennale di Venezia, più volte, e Documenta a Kassel, 1968, rappresenta la Francia all’Expo del 1969 a Montreal) e la realizzazioni di “accumulazioni” sempre più imponenti, su scala monumentale e urbana. Arman vive attualmente a New York e a Nizza.
 
immagini
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram