Gianni Colombo 3053 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
24/06/2019
Creare un'opera in galleria. A Parma il secondo appuntamento di ART in PROGRESS
24/06/2019
A Lucca torna LuBi, la Biennale internazionale della carta. Aperte le iscrizioni per partecipare all’evento
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CASTELLO DI RIVOLI - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA ​ Piazza Mafalda Di Savoia Rivoli 10098

Rivoli (TO) - dal 15 settembre 2009 al 5 aprile 2010

Gianni Colombo
[leggi la recensione]

Gianni Colombo
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
CASTELLO DI RIVOLI - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Mafalda Di Savoia (10098)
+39 0119565222 , +39 0119565230 (fax)
info@castellodirivoli.org
www.castellodirivoli.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Il Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea organizza la più importante mostra retrospettiva dedicata all’artista italiano Gianni Colombo (Milano, 1937 - Melzo, 1993) protagonista dell’arte cinetica internazionale che, emerso negli anni Cinquanta e Sessanta, anticipa l’arte interattiva e relazionale. La rassegna include circa cento opere, tra cui una vasta selezione di strutture mobili, opere di luce e numerosi ambienti tra cui il noto Spazio elastico (1967-68). In occasione della mostra entrano a far parte della collezione permanente del Museo, grazie alla Fondazione CRT – Progetto Arte Moderna e Contemporanea, l’opera Roto-optic (1964) e l’ambiente percorribile Bariestesia (1974-1975).
orario: da martedì a giovedì ore 10-17; da venerdì a domenica ore 10-21
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: intero € 6,50; ridotto € 4,50
vernissage: 15 settembre 2009. ore 19
catalogo: curato da Marcella Beccaria
editore: SKIRA
ufficio stampa: Tel. 011 9565209-211
fax 011 9565231
press@castellodirivoli.org
s.bertalo@castellodirivoli.org
curatori: Carolyn Christov Bakargiev, Marco Scotini
autori: Gianni Colombo
patrocini: Fondazione CRT
note: Anteprima per la stampa lunedì 14 settembre, ore 11.30. 15 settembre 2009. ore 17.00, conversazione su Gianni Colombo e l’arte cinetica con Carolyn Christov-Bakargiev, Marco Scotini, Guy Brett e Francesco Poli
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Il Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea organizza la più importante mostra retrospettiva dedicata all’opera dell’artista italiano Gianni Colombo (Milano, 1937 - Melzo, 1993) protagonista dell’arte cinetica internazionale. La rassegna include circa cento opere per le quali l’artista è diventato noto negli anni Sessanta e Settanta, tra cui una vasta selezione di quadri e sculture mobili, strutture di luce e diversi tra i suoi ambienti più rappresentativi. In occasione della mostra entrano a far parte della collezione permanente del Museo, grazie alla Fondazione CRT – Progetto Arte Moderna e Contemporanea, l’opera cinetica Roto-optic (1964) e l’ambiente Bariestesia (1974-1975).

Nel mondo dell’arte cinetica sviluppatasi negli anni Cinquanta e Sessanta, Colombo propone una nuova definizione dell’opera d’arte come spazio animato dalla partecipazione attiva dello spettatore. L’artista è in questo precursore di temi che sono oggi al centro del dibattito artistico internazionale. Attraverso l’uso di luce e movimento nello spazio Colombo sperimenta nuove dinamiche percettive ed inediti campi di iterazione visiva e sensoriale per lo spettatore, allora fortemente presenti in Europa e in America Latina, portate avanti da esponenti quali Jesús-Rafael Soto e François Morellet.

Colombo fa il suo ingresso nella Milano artistica della fine degli anni Cinquanta, quando l’Italia inizia ad avvertire i primi movimenti di quella rinascita economica che portano da lì a poco all’esplodere del cosiddetto “miracolo italiano”. Lo slancio di ricostruzione del secondo dopoguerra ha un riflesso immediato e forte nell’ambito culturale. Ne sono testimoni le opere di artisti quali Lucio Fontana, Enrico Castellani, Francesco Lo Savio e Piero Manzoni. Nascono o si sviluppano in questi anni nuove correnti artistiche, quali lo Spazialismo, la Pittura Nucleare, il Movimento Arte Concreta e Azimuth. Colombo, che inizia a esporre le proprie pitture, sculture e ceramiche giovanissimo, già nel 1956, è nel 1959 tra i fondatori del Gruppo T con Giovanni Anceschi, Davide Boriani, Giovanni De Vecchi e, successivamente, Grazia Varisco. La loro prima mostra, Miriorama, si tiene alla Galleria Azimut nel gennaio del 1960 e segna il desiderio di superare l’autonomia soggettiva, verso la collaborazione e la pratica di gruppo come identità artistica. Nel 1968 Colombo vince il Primo Premio alla XXXIV Biennale di Venezia con quella che diventerà negli anni la sua opera più famosa, lo Spazio Elastico, del 1967.



La mostra al Castello di Rivoli riunisce le opere chiave dell’artista scomparso nel 1993. Insieme ad una selezione di pitture e ceramiche - che rivelano le sue fonti in Paul Klee, Max Ernst e il Surrealismo - fanno parte della rassegna feltri (1958-59), Rilievi intermutabili (1959), le Superfici in variazione, le strutture elettromeccaniche di Strutturazioni pulsanti create a partire dal 1959, le Strutturazioni fluide realizzate dal 1960, nonché sei ambienti che vanno dalla Strutturazione cinevisuale abitabile del 1964 alla Topoestesia del 1977, fino allo Spazio curvo del 1992. E’ presente in mostra anche l’opera Opus incertum, ultimo lavoro dell’artista. “Se Lucio Fontana è l’artista che ha definito lo spazio dell’opera come opera – afferma Carolyn Christov-Bakargiev – per Colombo l’arte è lo spazio partecipato, anticipando pertanto tutte le problematiche relazioni dell’arte d’oggi”.

In occasione della rassegna verrà pubblicato il catalogo Gianni Colombo curato da Marcella Beccaria e pubblicato per i tipi di Skira, Milano.

Il volume, primo catalogo monografico in italiano e inglese sull’artista, contiene saggi inediti di Marcella Beccaria, Guy Brett, Carolyn Christov-Bakargiev e Marco Scotini, interviste inedite con Olafur Eliasson, François Morellet, Giovanni Anceschi e Grazia Varisco, una importante antologia di testi storici chiave sull’opera di Colombo, tra cui scritti di Giulio Carlo Argan, Achille Bonito Oliva, Gillo Dorfles e Umberto Eco. Il catalogo è completato da una cronologia e una bio-bibliografia complete dell’opera dell’artista.

Eventi collaterali

Gianni Colombo. Tavola rotonda

Sala Polivalente, martedì 15 settembre 2009, ore 17.00

Carolyn Christov-Bakargiev, Marco Scotini, Marcella Beccaria, Guy Brett e Francesco Poli

Spazio Filmico, alcuni tra i film preferiti da Gianni Colombo

Rassegna a cura di Massimiliano e Gianluca De Serio

15 settembre 2009 – 9 gennaio 2010

Teatro del Castello, info www.castellodirivoli.org

Spazio Musica, dalle musiche preferite di Gianni Colombo

Dj set Sergio Ricciardone (Xplosiva)

Spazio Caffetteria, martedì 15 settembre 2009, ore 19.00


Save the date!

Colombo by night

Sabato 26 settembre 2009 a mezzanotte

Visita guidata notturna alla mostra in compagnia di Achille Bonito Oliva
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram