Storia Memoria Identità. Fotografia contemporanea dell'Est Europa 3108 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva EX OSPEDALE DI SANT'AGOSTINO ​ Largo Porta Sant'agostino 228 Modena 41121

Modena - dal 12 dicembre 2009 al 14 marzo 2010

Storia Memoria Identità. Fotografia contemporanea dell'Est Europa
[leggi la recensione]

Storia Memoria Identità. Fotografia contemporanea dell'Est Europa
[leggi la recensione]
Iosif Kiraly, Reconstruction, Mogosoaia - Lenin and Grosa, 2006. Fondazione Cassa di Risparmio di Modena
 [Vedi la foto originale]
EX OSPEDALE DI SANT'AGOSTINO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Largo Porta Sant'Agostino 228 (41121)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra comprende 29 artisti provenienti da 18 diversi Paesi, tra cui Federazione Russa, Lituania, Estonia, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Romania, Serbia e Croazia, molti dei quali espongono per la prima volta nel nostro Paese, in un percorso di oltre 150 opere tra fotografie, film e video-installazioni
orario: dal martedì alla domenica 11-19
chiuso il lunedì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 12 dicembre 2009. ore 17.30
editore: SKIRA
ufficio stampa: LUCIA CRESPI
curatori: Filippo Maggia
autori: Marika Asatiani, Fikret Atay, Maja Bajevic, Banu Cennetoglu, Alexandra Croitoru, Cãlin Dan, Gintaras Didziapetris, Andreas Fogarasi, Jitka Hanzlova, Swetlana Heger, IRWIN, Josif Kiraly, Július Koller, Zbiniew Libera, Anetta Mona-Chisa & Lucia Tkacova, Ivan Moudov, Oliver Musovik, Anna Niesterowicz, Roman Ondák, Adrian Paci, Aleksander Petlura, Renata Poljak, Konrad Pustola, Karolina Raczynska, Anastasia Ryabova, Ene-Liis Sempre, Mladen Stilinoviæ, MILICA TOMIC
genere: fotografia, collettiva
email: ufficiostampa@fondazione-crmo.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Modena, 8 ottobre 2009 - La Fondazione Cassa di Risparmio di Modena è lieta di annunciare l'evento di punta del programma espositivo 2009-2010 di Fondazione Fotografia: Storia Memoria Identità: fotografia contemporanea dell'Est Europa, un'ampia e approfondita rassegna dedicata ai protagonisti della scena artistica contemporanea dell'Est Europa. Come recita il titolo, Storia, Memoria e Identità sono i temi portanti di questa grande esposizione, vere e proprie "questioni aperte" per molti Paesi dell'Est europeo che negli ultimi vent'anni hanno visto radicalmente mutare il proprio corso storico dopo la caduta del muro di Berlino il 9 novembre 1989, e che oggi ancora faticano a darsi una nuova identità che non può e non vuole dimenticare il recente passato.

La mostra comprende 29 artisti provenienti da 18 diversi Paesi, tra cui Federazione Russa, Lituania, Estonia, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Romania, Serbia e Croazia, molti dei quali espongono per la prima volta nel nostro Paese, in un percorso di oltre 150 opere tra fotografie, film e video-installazioni: da nomi già affermati a livello internazionale, come Artur Zmijewski, Adrian Paci, Milica Tomic, il gruppo IRWIN, Mladen Stilinovic, Maja Bajevic, Roman Ondak, ad artisti più giovani ma già inseriti nel circuito espositivo internazionale, come Fikret Atay, Andreas Fogarasi, Banu Cennetoglu, sino a talenti emergenti come Anetta Mona-Chisa & Lucia Tkacova, Gintaras Didziapetris, Alexandra Croitoru.

Sono molti i percorsi possibili tra le opere in collezione e molte le occasioni offerte per riflettere sulla realtà contemporanea, dell'Est come dell'Ovest: se la nuova eroina pop, protagonista della serie ROM_ di Alexandra Croitoru, riesce a ridicolizzare ad un tempo il nazionalismo rumeno e il razzismo internazionale con il suo passamontagna tricolore, la fotografia Centro di Permanenza Temporanea di Adrian Paci apre una finestra su una realtà che nel nostro Paese è ancora oggetto di aspri dibattiti.
Mentre alcuni artisti - come Maja Bajevic con il video How do you want to be governed? o Artur Zmijewski con l'esperimento di detenzione documentato nel video Reconstruction - pongono domande che riguardano ogni essere umano, altri operano a partire da specificità locali che, attraverso l'arte, assumono valore universale. É il caso della video installazione XY Ungelöst di Milica Tomic che, tramite la ricostruzione di un omicidio etnico avvenuto nel 1989, ricorda l'importanza della responsabilità collettiva, o ancora il video di Renata Poljak che trova nell'abusivismo edilizio croato lo specchio di una mentalità arrogante e violenta, sempre più diffusa nella società contemporanea.
Numerosi infine gli spunti che partendo dal passato spostano l'attenzione sulla realtà attuale: nei lavori di Mladen Stilinovic (Sales of Dictatorship ed Artist At Work), l'ironia diviene la chiave per demistificare ideologie passate e presenti, mentre le immagini del campo di concentramento costruito con i LEGO, dell'artista polacco Zbigniew Libera, si trasformano in un monito contro ogni forma di orrore umano, proponendo al contempo una riflessione sull'educazione delle generazioni future.

Storia Memoria Identità, in programma negli spazi espositivi dell'ex ospedale Sant'Agostino di Modena dal 13 dicembre 2009 al 14 marzo 2010, presenta al pubblico il secondo nucleo di acquisizioni della Collezione internazionale di fotografia contemporanea, film e video d'artista della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, curata da Filippo Maggia, e si pone in continuità con Asian Dub Photography, la mostra che ha presentato lo scorso inverno la prima sezione della Collezione, dedicata all'arte dell'Estremo Oriente - includendo tra gli altri Nobuyoshi Araki, Daido Moriyama, Hiroshi Sugimoto, Kimsooja e Rirkrit Tiravanija.

L'elenco dei 29 artisti selezionati comprende: Marika Asatiani (Georgia), Fikret Atay (Turchia), Maja Bajevic (Bosnia), Banu Cennetoglu (Turchia), Alexandra Croitoru (Romania), Calin Dan (Romania), Gintaras Didziapetris (Lituania), Andreas Fogarasi (Ungheria), Jitka Hanzlova (Repubblica Ceca), Swetlana Heger (Repubblica Ceca), IRWIN (Slovenia), Anastasia Khoroshilova (Russia), Iosif Kiraly (Romania), Julius Koller (Slovacchia), Zbigniew Libera (Polonia), Anetta Mona-Chisa & Lucia Tkacova (Romania e Slovacchia), Ivan Moudov (Bulgaria), Oliver Musovik (Macedonia), Anna Niesterowicz (Polonia), Roman Ondak (Slovacchia), Adrian Paci (Albania), Aleksander Petlura (Ucraina), Renata Poljak (Croazia), Konrad Pustola (Polonia), Karolina Raczynska (Polonia), Ene-Liis Sempre (Estonia), Mladen Stilinovic (Serbia), Milica Tomic (Serbia), Artur Zmijewski (Polonia).
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram