Giulio Paolini - L'Ora X Né prima né dopo 3094 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MANN - MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE ​ Piazza Museo Nazionale 19 Napoli 80135

Napoli - dal 28 novembre 2009 al 18 gennaio 2010

Giulio Paolini - L'Ora X Né prima né dopo
[leggi la recensione]

Giulio Paolini - L'Ora X Né prima né dopo
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
MANN - MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Museo Nazionale 19 (80135)
+39 0814422149
www.museoarcheologiconapoli.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La maestosa Sala della Meridiana del Museo Archeologico Nazionale di Napoli ospiterà una installazione del grande maestro Giulio Paolini. L'esposizione è a cura di Anna Mattirolo. Con questa importante esposizione la Soprintendenza intende riprendere quel ricco dialogo con l'arte contemporanea inaugurato con le mostre su Damien Hirst, Jeff Koons... e ospitate nelle sale del piano terra del Museo.
orario: Dalle 9 alle 19.30. Chiuso martedì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 28 novembre 2009.
catalogo: in mostra
editore: ELECTA
ufficio stampa: ELECTA NAPOLI, ELECTA
curatori: Anna Mattirolo
autori: Giulio Paolini
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La maestosa Sala della Meridiana del Museo Archeologico Nazionale di Napoli ospita una installazione del grande maestro Giulio Paolini “L’Ora X. Né prima né dopo”. L’esposizione è a cura di Anna Mattirolo.

La presenza della Meridiana ha indotto l’artista a porre in risalto il tema del tempo, un vero e proprio leitmotiv della ricerca paoliniana: il Tempo immutabile della storia dell’arte, in cui opere e autori si sovrappongono in una stessa identità e dove la fine coincide con l’inizio; il Tempo deflagrato da cui memorie e miti riemergono come frammenti archeologici; il Tempo senza data né luogo dell’opera nel suo annunciarsi; il Tempo interminabile dell’attesa di un’opera senza fine; il Tempo del “conto alla rovescia”, in cui il dopo si confonde con il prima…

La mostra è accompagnata da un volume Electa della collana “Pesci rossi” con testi di Giulio Paolini, Rossana S. Pecorara, Anna Mattirolo e Chiara Bertola, corredati da una documentazione fotografica della mostra a cura di Luciano Romano.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram