MACROradici del Contemporaneo - Cesare Zavattini 3084 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/06/2019
Sull’isola di Than Hussein Clark con Catherine David. Talk da KURA
20/06/2019
Le proiezioni sui monumenti di Londra per promuovere il nuovo album di Thom Yorke
20/06/2019
La pistola con cui si uccise Vincent van Gogh è stata venduta all'asta
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MACRO - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA DI ROMA ​ Via Nizza 138 Roma 00198

Roma - dal 12 ottobre 2009 al 10 gennaio 2010

MACROradici del Contemporaneo - Cesare Zavattini
[leggi la recensione]

MACROradici del Contemporaneo - Cesare Zavattini
[leggi la recensione]
Cesare Zavattini - Senza Titolo - 1941
 [Vedi la foto originale]
MACRO - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA DI ROMA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Nizza 138 (00198)
+39 060608
macro@comune.roma.it
www.museomacro.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

MACROradici del Contemporaneo, progetto pensato soprattutto per le nuovissime generazioni, racconterà personaggi trasversali come presenza viva e attiva nell’immaginario dell’oggi; le opere e le storie degli artisti verranno presentate anche attraverso touchscreen e cassettiere. MACROradici, curato da Francesca Pola, inaugura con un omaggio unico e di sorprendente attualità al grande scrittore, sceneggiatore e narratore per immagini: duecento opere inedite di Cesare Zavattini.
orario: Martedì – Domenica, 9:00 – 19:00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: MACROTICKET: MACRO + MACROFUTURE:
ingresso unico – 4.50 € intero, 3.00 € ridotto
vernissage: 12 ottobre 2009. ore 19
editore: ELECTA
ufficio stampa: ZETEMA, ELECTA
curatori: Giorgio Mastinu, Francesca Pola
autori: Cesare Zavattini
note: realizzata in collaborazione
con l’Archivio Cesare Zavattini, l’Archivio delle Edizioni e della Galleria del Cavallino, il Festival
Internazionale del Film di Roma, l’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico e la
Regione Veneto.
genere: arte contemporanea, personale
email: massimiliano.moschetta@gmail.com

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Un omaggio unico e di sorprendente attualità al grande scrittore, sceneggiatore, narratore per immagini: con duecento opere inedite di Cesare Zavattini, inizia il nuovo grande progetto “MACROradici del Contemporaneo”. Alla sfaccettata e multiforme attività del MACRO, in linea con la nuova linea curatoriale del direttore Luca Massimo Barbero, si aggiunge un nuovo tassello all’offerta culturale della stagione autunnale. Con la mostra Cesare Zavattini inedito, duecento opere che si rivelano per la prima volta al pubblico di Roma, prende avvio il progetto “MACROradici del Contemporaneo”, curato per il MACRO da Francesca Pola, e promosso dal Comune di Roma, Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione – Sovraintendenza ai Beni Culturali. “MACROradici del contemporaneo” intende rivelare alcuni protagonisti storici della realtà artistica di Roma tramite nuclei inediti di opere, biografie meno note, oggetti e feticci: personaggi trasversali presentati soprattutto per il pubblico giovane come presenza viva nell’immaginario dell’oggi. L’idea del disvelamento di queste realtà verrà riproposta anche negli innovativi allestimenti di queste mostre: touchscreen e cassettiere che racchiudono opere, fotografie, documenti, con i quali i visitatori sono chiamati a interagire, e poi ancora filmati e proiezioni video. Questo nucleo di duecento opere inedite, esposto per la prima volta nella sua completezza a Roma, è costituito da dipinti su carta di piccole dimensioni realizzati negli anni Quaranta, ritrovati dopo decenni presso l’Archivio del Cavallino, che testimoniano la poliedricità della figura zavattiniana. Personaggio trasversale per vocazione e indole, che spazia tra cinema, letteratura, giornalismo, pittura, Zavattini è innanzi tutto un narratore: anche questo insolito “Zavattini a colori”, meno noto di quello in bianco e nero dei suoi film, ma altrettanto ricco di immaginazione, racconta storie e personaggi. Il visitatore si troverà di fronte non tanto una mostra storica e retrospettiva, quanto a un tentativo di rintracciare nella sua pittura le radici fuori dal tempo di tutto un immaginario visivo e artistico romano, che dal barocco alla Scuola Romana arriva sino alle radicalità postmoderne della Transavanguardia e di certa bad painting: una pittura che narra e sorprende per un progetto MACRO che si focalizza anche sulle diversità del contemporaneo. Cesare Zavattini (Luzzara 1902 - Roma 1989) dal 1939 ha vissuto a Roma nella sua casa di via Sant'Angela Merici. È stato scrittore, giornalista, soggettista e sceneggiatore che ha lavorato con i più grandi registi del suo tempo, come Vittorio De Sica, conseguendo per la sua attività Oscar, Nastri d’Argento e altri numerosi riconoscimenti internazionali, tra cui nel 1977 il “Writers Guild of America Medallion” e nel 1982 il premio David “Luchino Visconti” alla carriera e lo speciale Leone d’Oro del cinquantenario della Biennale di Venezia, che gli assegna nel 1988 anche il premio Rossellini. Zavattini è stato anche pittore, fotografo, autore di teatro, regista e attore. A lui si devono libri (come Parliamo tanto di me, I poveri sono matti, Io sono il diavolo, Straparole) e film memorabili (come Sciuscià, Ladri di biciclette, Miracolo a Milano, Umberto D, Bellissima). Fondamentale è stata la sua attiva partecipazione al cambiamento del cinema e del mondo attraverso idee, progetti e iniziative di risonanza internazionale, come ad esempio il Cinegiornale della Pace del 1962. In occasione della mostra, sarà pubblicato da Electa per il MACRO il catalogo Cesare Zavattini inedito, edizione bilingue italiano/inglese. Il volume raccoglie per la prima volta le immagini inedite delle opere in mostra e un’ampia documentazione iconografica a corredo dei saggi di Francesca Pola, Giorgio Mastinu e Mimmo Calopresti.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram