Álvaro Siza - Due musei 3063 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
24/06/2019
Creare un'opera in galleria. A Parma il secondo appuntamento di ART in PROGRESS
24/06/2019
A Lucca torna LuBi, la Biennale internazionale della carta. Aperte le iscrizioni per partecipare all’evento
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva ALT ARTE LAVORO TERRITORIO - SPAZIO FAUSTO RADICI ​ Via C. Acerbis 12 Alzano Lombardo 24022

Alzano Lombardo (BG) - sab 10 ottobre 2009

Álvaro Siza - Due musei

Álvaro Siza - Due musei

 [Vedi la foto originale]
ALT ARTE LAVORO TERRITORIO - SPAZIO FAUSTO RADICI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via C. Acerbis 12 (24022)
Alzano Lombardo
+39 035294303
info@altartecontemporanea.it
www.altartecontemporanea.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Il volume verrà presentato in anteprima in occasione della Giornata Mondiale dell’Architettura. ne parlano con Álvaro Siza: Francesco Dal Co, Carlos Castanheira saranno presenti gli autori. Nel corso della mattinata inaugura la mostra fotografica con 36 fotografie in originale pubblicate all’interno del volume
biglietti: free admittance - evento a numero chiuso, su prenotazione obbligatoria
vernissage: 10 ottobre 2009. ore 17
editore: ELECTA
ufficio stampa: Arch. Francesco Valesini
E: francescovalesini@tekastudio.it
autori: Alvaro Siza
genere: fotografia, presentazione, personale
email: architettibergamo@archiworld.it
web: www.architettibergamo.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Il volume nasce dall’intento di evidenziare, il processo ideativo e creativo del percorso architettonico sviluppato da Álvaro Siza, universalmente riconosciuto come uno dei più grandi maestri dell’architettura contemporanea. I lavori a confronto, attraverso un dialogo stretto e non convenzionale tra testo, fotografia e disegni autografi, sono il museo di Arte Contemporanea di Serralves a Porto, in Portogallo, e il museo di Iberê Camargo a Porto Alegre, in Brasile. Progettati in anni diversi (fra il 1991 e il 1999 il primo, fra il 1998 e il 2008 il secondo) e per aree affatto dissimili, i due musei comprendono matrici compositive e stilistiche analoghe. Seguendo uno stile unitario nel tempo, Siza si è sempre occupato di determinare una mimesi con i luoghi in cui s’inserisce o come ama dire egli stesso di “realizzare una naturalezza nel sentire lo spazio costruito”.

Il filo comune che unisce Porto a Porto Alegre è proprio l’attenzione dedicata nella progettazione all’ambiente nel quale l’opera si inserisce e la sensibilità impiegata nel rapportare ad esso gli stilemi di una progettazione colta, nel senso di culturalmente valida e fondata. L’ambivalenza è un fattore costitutivo dell’opera di Siza: leggendo attentamente i due musei è possibile capire quali passaggi abbia compiuto nella sua posizione rispetto al senso dell’architettura. La visione attraverso la fotografia della matericità attuale dei due musei può rivelare una lettura del lavoro di Siza del tutto originale, frutto della grande tradizione architettonica iberica e mediterranea.



sommario

Un’idea museografica nell’era della mondializzazione

White box e labirinto

Museo d’Arte Contemporanea Serralves a Porto



Museo d’Arte Iberê Camargo a Porto Alegre

Conversazione con Álvaro Siza

BIografie


Maddalena d’Alfonso, architetto e phd, collabora prima con l’agenzia fotografica Grazia Neri e in seguito a manifestazioni d’arte con il gruppo di ricerca artistica interdisciplinare Multiplicity. Dal 2002 al 2006 vive in Portogallo insegnando all’Istituto Universitario di Arte e Design e collaborando con musei e istituzioni. Critica, curatrice e progettista di allestimenti si è sempre interessata alla ricerca incentrata sulla rappresentazione iconografica e fotografica.

Marco Introini è laureato in architettura presso il Politecnico di Milano. Fotografo e documentarista ha al suo attivo diverse pubblicazioni, mostre fotografiche di architettura e di paesaggio e vari riconoscimenti. Dal 2002 è docente di Fotografia dell’architettura e Tecnica della rappresentazione presso la facoltà di Architettura Civile del Politecnico di Milano.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram