George Tatge - Terni 3082 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/07/2019
Una cooperazione Carabinieri-FBI riporta in Italia due preziosi reperti dagli USA
15/07/2019
Un nuovo libro ci fa entrare nella mente di Jean-Michel Basquiat
13/07/2019
Anche Lucio Battisti arriva su Spotify ma non tutti sono contenti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO PRIMAVERA ​ Via Giordano Bruno 3 Terni 05100

Terni - dal 17 dicembre 2009 al 31 gennaio 2010

George Tatge - Terni

George Tatge - Terni

 [Vedi la foto originale]
PALAZZO PRIMAVERA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Giordano Bruno 3 (05100)
+39 0744402199
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra, nata grazie ad un volume fotografico creato appositamente per la città di Terni, uscito nel 2006 con il sostegno della Fondazione Carit e della Carit s.p.a., è un insieme di immagini che si presenta come un viaggio nel cuore della città di Terni, nelle sue forme, nella sua poliedricità e trasversalità.
orario: Tutti i giorni dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 19.00. Lunedì chiusura settimanale.
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 17 dicembre 2009.
ufficio stampa: CIVITA GROUP
autori: George Tatge
note: curata da Indisciplinarte e Civita, in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura del Comune di Terni
genere: fotografia, personale
email: stampa@indisciplinarte.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La mostra fotografica George Tatge.Terni di George Tatge curata da Indisciplinarte e Civita, in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura del Comune di Terni, apre Palazzo di Primavera al linguaggio della fotografia con uno dei suoi più rinomati rappresentanti, da sempre originale interprete del tema paesaggio/architettura.

La mostra, nata grazie ad un volume fotografico creato appositamente per la città di Terni, uscito nel 2006 con il sostegno della Fondazione Carit e della Carit s.p.a., è un insieme di immagini che si presenta come un viaggio nel cuore della città di Terni, nelle sue forme, nella sua poliedricità e trasversalità.

Immagini che ci mostrano che la convivenza del nuovo con l’antico, delle architetture razionaliste con quelle contemporanee, del costruito con la natura circostante, ha prodotto un luogo dinamico e divertente.

Le fotografie che Tatge presenta, a volte ironiche, a volte drammatiche, sono sempre e comunque caratterizzate da una straordinaria capacità di lettura e interpretazione del soggetto e da una attenzione alla tecnica della ripresa e della stampa, che si evidenzia nelle sfumature e tonalità del suo bianco e nero, memore delle grandi stagioni della fotografia classica, da Edward Weston a Minor White.

“Nella mia fotografia di architettura,” dichiara George Tatge, “ho sempre prediletto la luce. In fondo, è il sole ad aver guidato i primi architetti nel loro orientamento est-ovest ed è il sole che sottolinea quelle geometrie sacre e profonde che decorano le nostre città. Il sole, quindi, è il vero protagonista in una città piena di scorci metafisici come Terni. Ho lavorato solo marginalmente con la mia macchina fotografica preferita, una Deardorff 13x18cm. Era già scoppiata la rivoluzione digitale, e quindi, come tutti i professionisti, mi sono adattato. Questi rappresentano, di fatti, i primi scatti con la nuova tecnologia in campo fotografico. Mi fa piacere in più sottolineare che in mostra ci sono molte immagini inedite che non hanno trovato posto nel volume.”

Per l’occasione l’autore ha scelto di presentare un nucleo di 50 lavori dedicati alla città di Terni.

Biografia dell'artista

George Tatge nasce a Istanbul nel 1951 da madre italiana e padre americano e inizia a fotografare negli Stati Uniti d'America nel 1966. Laureatosi in letteratura inglese nel Wisconsin, giunge in Italia nel 1973 e già nello stesso anno tiene una personale alla Galleria Il Diaframma di Milano. Da questo momento prende parte alle più importanti mostre che segnano l'avvento di una tradizione della fotografia di paesaggio italiano, caratterizzata dalla particolare attenzione dedicata ai mutamenti avvenuti sul territorio nazionale tra anni Settanta e Ottanta. Nel 1986 inizia la sua attività di dirigente tecnico-fotografico presso gli Archivi Alinari, attività che proseguirà fino al 2003. Sue opere fanno parte di collezioni tra cui quella del Metropolitan Museum di New York, del Houston Museum of Fine Arts, della George Eastman House di Rochester e della Maison Européenne de la Photographie a Parigi.

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram