Mila Schön - Mila e la Notte. Abiti da sera 1966-1993 3091 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SALONE DEGLI INCANTI - EX PESCHERIA CENTRALE ​ Riva Nazario Sauro 1 Trieste 34123

Trieste - dal 19 dicembre 2009 al 18 aprile 2010

Mila Schön - Mila e la Notte. Abiti da sera 1966-1993

Mila Schön - Mila e la Notte. Abiti da sera 1966-1993
Modello Mobiles di Alexander Calder, robe - manteau in tela di lana double avorio con applicazioni in tela di lana, 1990 - 1992, proprietà Giorgio Schön, Colle Manora (Alessandria)
 [Vedi la foto originale]
SALONE DEGLI INCANTI - EX PESCHERIA CENTRALE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Riva Nazario Sauro 1 (34123)
info_expescheria@comune.trieste.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Al Salone degli Incanti - ex pescheria di Trieste, fino al 18 aprile, una mostra presenta 63 abiti da sera disegnati tra il 1966 e il 1993, dalla stilista dalmata, scomparsa un anno fa.
orario: tutti i giorni, 10-20
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: 3 euro
vernissage: 19 dicembre 2009. ore 19
catalogo: a cura di | Michela Messina, Lorenza Resciniti
editore: ELECTA
ufficio stampa: CLP
curatori: Michela Messina, Lorenza Resciniti
autori: Mila Schön
telefono evento: +39 0403226862
note: Mostra promossa da | Comune di Trieste, Assessorato alla Cultura
Ideata e realizzata da | Direzione Area Cultura, Civici Musei di Storia ed Arte
In collaborazione con | Brand Extension S.r.l., Mila Schön
Direzione | Adriano Dugulin Art direction mostra e catalogo | Nucleo_Piergiorgio Robino
Progetto allestimento | Nucleo_Piergiorgio Robino + Nicola Bartoccelli
Progetto grafico mostra e catalogo | Nucleo_Stefania Fersini + Alice C. Occleppo
Fotografie catalogo | Carlo Furgeri Gilbert
Sound design | Enrico Ascoli
Strutture espositive | Noè di Alessandro Bassani
Manichini | Almax S.p.A.
Prestatori degli abiti in mostra | Brand Extension S.r.l., Archivio Mila Schön, Mila Schön, Giorgio Schön
Coordinamento amministrativo | Francesca Locci, Comune di Trieste, Direzione Area Cultura
Con il contributo di | Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Fondazione CRTrieste, Fondazione Benefica Kathleen Foreman Casali, Trieste, Silos s.p.a., Trieste, TriesteTrasporti s.p.a., Acegas-Aps s.p.a., Friuladria-Crédit Agricole, Banca di Credito Cooperativo di Staranzano e Villesse Soc. Coop. a r.l.
genere: design, personale
email: anna@nucleo.to
web: www.triestecultura.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La città di Trieste rende omaggio a Mila Schön, una delle più importanti e apprezzate stiliste del panorama della moda internazionale, scomparsa un anno fa.

Al Salone degli Incanti - ex pescheria di Trieste, fino al 18 aprile, si tiene MILA E LA NOTTE, una mostra che presenta 63 abiti da sera disegnati tra il 1966 e il 1993 dalla creatrice di moda, triestina d’adozione, che ha trascorso la propria infanzia e giovinezza nel capoluogo giuliano.

L’iniziativa è promossa dal Comune di Trieste-Assessorato alla Cultura, assessore Massimo Greco, ideata e realizzata dalla Direzione Area Cultura e dai Civici Musei di Storia ed Arte con la direzione di Adriano Dugulin, e curata da Michela Messina e Lorenza Resciniti, in collaborazione con Brand Extension S.r.l.-Archivio Mila Schön.

Gli abiti, tutti pezzi unici, che si distinguono per la preziosità conferita dai fitti ricami in perline, paillettes e strass a coprirne l’intera superficie e che, dalla metà degli anni ’60 in poi, fecero impazzire le più importanti e affascinanti donne del mondo, provengono dalla Brand Extension S.r.l.-Archivio Mila Schön e dalla collezione di Giorgio Schön, figlio di Mila.

La mostra si apre con i caffettani ricamati degli esordi alla metà degli anni ’60 – come quelli indossati da Lee Radziwill e Marella Caracciolo Agnelli per il Black and White Ball organizzato da Truman Capote all’Hotel Plaza di New York nel 1966, grazie ai quali vennero elette prima e terza nella Best Dressed List stilata dalla rivista “Women’s Wear Daily” – per giungere alle volumetrie degli abiti dei primi anni Novanta, omaggio a Balenciaga.

Il percorso si snoda poi tra i costumi-gioiello per il bagno di mezzanotte presentati a Capri nel 1968 e gli abiti scelti dalle dive dell’epoca, come Milva, Sylva Koscina, Virna Lisi, affiancati dalle creazioni ispirate agli artisti contemporanei, come Lucio Fontana, Kenneth Noland e Alexander Calder.

Non mancano nel repertorio della Schön le suggestioni catturate dall’Oriente, con gli abiti della collezione “Persepolis” – ideata in occasione delle celebrazioni per il 2500° anniversario della fondazione dell’impero persiano, che si svolsero a Teheran (l’antica Persepoli) nel 1971 – e quelli dedicati all’Asia presentati alla sfilata inaugurale dei Mondiali di calcio Italia ’90.

Un omaggio a New York sono le collezioni “Manhattan” del 1983, caratterizzata dall’inconfondibile skyline nero di grattacieli, e “Tiffany” del 1990-1991, i cui ricami luccicanti ripropongono lo stile dei tipici vetri multicolori dell’artista newyorchese Louis Comfort Tiffany.

Accompagna la mostra un catalogo, pubblicato da Electa, con diversi contributi volti a inquadrare l’attività della stilista nel suo tempo – in particolare l’Italia tra gli anni ’60 e gli anni ’80 del ’900 – e un ricordo di Milva che, all’esordio della propria carriera, fu tra le poche a indossare i suoi abiti da sera.

Perché la moda è lo specchio di un’epoca, della sua cultura e della sua arte nella loro declinazione migliore e in tal senso, come scrive Arianna Boria nel suo saggio in catalogo, “quello di Mila è minimalismo senza privazioni, lusso senza sovrabbondanza, citazioni artistiche da intuire, suggerite piuttosto che proclamate. Mila Schön era qualità dei materiali, tecnica di lavorazione, senso del taglio ‘architettonico’ dell’abito”.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram