Michele Zaza - Universo rivelato 3110 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/06/2019
Ad Alberto Angela la laurea honoris causa dell’Università Suor Orsola di Napoli
19/06/2019
Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva FONDAZIONE VOLUME! ​ Via Di San Francesco Di Sales 86 Roma 00165

Roma - dal 4 febbraio al 4 marzo 2010

Michele Zaza - Universo rivelato
[leggi la recensione]

Michele Zaza - Universo rivelato
[leggi la recensione]
Michele Zaza, autoritratto dell'artista, 2008, courtesy Fondazione Volume!.
 [Vedi la foto originale]
FONDAZIONE VOLUME!
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Di San Francesco Di Sales 86 (00165)
+39 066892431 , +39 066892431 (fax)
press@fondazionevolume.com
www.fondazionevolume.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

L'Universo rivelato di Michele Zaza si pone come percorso gnoseologico dell'essenziale e dell'esistenziale, volto alla ricerca e piena comprensione della propria identità mediante un'introspezione realizzata per immagini.
orario: da martedì a venerdì ore 17-19,30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 4 febbraio 2010. ore 19,00
autori: Michele Zaza
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Una lieve illuminazione schiude uno spazio trasognato, surreale, un territorio limite tra apparizione e realtà, all'interno del quale ci muoviamo tra processi consapevoli e inconsci e dalla quale emergono come segni tangibili e concreti alcuni frammenti di pane.

L'Universo rivelato di Michele Zaza si pone come percorso gnoseologico dell'essenziale e dell'esistenziale, volto alla ricerca e piena comprensione della propria identità mediante un'introspezione realizzata per immagini.

La proiezione di volti blu coperti da mani in movimento sono maschere, immagini che rinviano alla zona interiore ed enigmatica dell'essere, ombre rivolte alla ricerca di ciò che avviene al di là dello spazio e del tempo, nella sfera del mito.

Una dimensione onirica volta a ricercare la condizione primordiale, la reviviscenza di leggende che legano il corpo contemporaneo dell'artista all'iconografia primitiva attraverso le simbologie del cibo e del sonno, e dei relativi rituali.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram