Licia Galizia - Onde 3058 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
24/06/2019
Creare un'opera in galleria. A Parma il secondo appuntamento di ART in PROGRESS
24/06/2019
A Lucca torna LuBi, la Biennale internazionale della carta. Aperte le iscrizioni per partecipare all’evento
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva ASSOCIAZIONE MARA COCCIA - VIA DEL VANTAGGIO 46/A ​ Via Del Vantaggio 46/a Roma 00186

Roma - dal 19 febbraio al 10 aprile 2010

Licia Galizia - Onde
[leggi la recensione]

Licia Galizia - Onde
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
ASSOCIAZIONE MARA COCCIA - VIA DEL VANTAGGIO 46/A
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Del Vantaggio 46/a (00186)
+39 063224434 , +39 063224434 (fax)
maracoccia7@gmail.com
www.maracoccia.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra di Licia Galizia ruota intorno al concetto di onda inteso nelle sue varie accezioni, a partire dalla generica definizione fisica dell’onda come perturbazione che si propaga attraverso lo spazio trasportando energia.
orario: martedì-sabato 11.30-19.30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 19 febbraio 2010. ore 18-21
autori: Licia Galizia
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Le installazioni realizzate in ferro, in legno e in acciaio inox, hanno dimensioni variabili in quanto costituite da elementi modulari e modulabili. Tra le opere esposte Onde (acciaio inox satinato, misure variabili, 2009) presentata per la prima volta nella mostra 9 x 99, a cura di Gioia Mori, allestita nella Caserma Vincenzo Giudice a Coppito, L’Aquila (6-31 luglio 2009) e l’installazione adattiva musicale e plastica Musica in Forma ideata con il compositore Michelangelo Lupone e prodotta e realizzata in collaborazione con il Centro Ricerche Musicali di Roma.

La ricerca di Licia Galizia è caratterizzata da un continuo riferimento a problematiche estetico-concettuali che ruotano intorno alla percezione e alla comprensione dello spazio-tempo, nei limiti della sua definibilità artistica e del suo continuo divenire e mutare nelle forme e nelle relazioni. Il rigore astratto, in alcuni casi rivolto alla scoperta e alla discussione di nuove geometrie, si configura in immagini nitide e complesse all’interno delle quali il rapporto con lo spazio figurativo, prescelto o obbligato, è importante quanto il segno che lo definisce. La scelta di un’espressione in senso lato “scultorea” e/o “architettonica” piuttosto che “pittorica” non è pregiudiziale, ma riguarda piuttosto una progressiva maturazione e una diversa consapevolezza dell’affinità tra la mente che pensa l’oggetto d’arte, il braccio che esegue l’opera e i materiali usati.
L’opera di Licia Galizia vuole essere perciò un “work in progress” che, a partire dal 2005, sviluppa importanti momenti di incontro con le ricerche più avanzate della musica contemporanea.

Licia Galizia è stata allieva di Fabio Mauri (partecipa alla Gran Serata Futurista presentata al Teatro Goldoni di Venezia) e assistente di Pizzi Cannella nello studio in via degli Ausoni a Roma (1988-’91). Nel ’92 ha la prima personale a Roma nella galleria Mara Coccia che promuove la sua partecipazione alla mostra Giovani artisti IV al Palazzo delle Esposizioni di Roma e presenta i suoi lavori alla FIAC a Parigi. Nel ‘96 partecipa alla Quadriennale, nel ‘98 alla mostra Lavori in corso alla G.C.A.M.C. di Roma (MACRO); nello stesso anno, su invito della coreografa Lucia Latour, partecipa allo spettacolo di danza contemporanea e arte visiva dal titolo Du vu du non vu presentato in diversi teatri italiani e al Festival Internazionale della danza al Balleteatro auditorio di Porto (2001). Nel 2000 espone al Museo Laboratorio di Arte Contemporanea dell’Università “La Sapienza” di Roma. Nel 2002, con il compositore clarinettista Paolo Marchettini presenta Interferenze di musica e scultura al Bastione Est del Castello Cinquecentesco dell’Aquila, riproposta nel 2003 in occasione della Notte Bianca a Roma, con la partecipazione del vocalista etnico Mauro Tiberi, nella sede della Fastweb S.p.a. (Palazzo Sforza Cesarini). Nel 2005 è invitata alla X° Biennale di Architettura di Venezia Padiglione Italiano un intervento artistico su uno dei ponti di Vema, una città possibile da realizzare a partire dal 2026 tra Verona e Mantova, all’incrocio dei due corridoi europei Lisbona-Kiev e Berlino-Palermo. Dal 2005 intraprende una collaborazione artistica con il compositore Michelangelo Lupone con cui presenta al Goethe Institut, in occasione della Biennale Internazionale “Arte Scienza 2006”, l’installazione sonora dal titolo Studio 1° su volumi adattivi; la collaborazione con Lupone prosegue con le mostre presso il Museo dell’Ara Pacis (2009) e quella attualmente allestita al Museo d’Arte Egiziana del Cairo.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram