Thorsten Kirchhoff - Insolito 3058 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
24/06/2019
A Lucca torna LuBi, la Biennale internazionale della carta. Aperte le iscrizioni per partecipare all’evento
22/06/2019
L'Adidas ha annunciato una capsule collection omaggio a Keith Haring
21/06/2019
La scuola di Twin Peaks verrà demolita a luglio
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva DE CRESCENZO & VIESTI ​ Via Ferdinando Di Savoia 2 Roma 00196

Roma - dal 25 febbraio al 24 aprile 2010

Thorsten Kirchhoff - Insolito
[leggi la recensione]

Thorsten Kirchhoff - Insolito
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
DE CRESCENZO & VIESTI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Ferdinando Di Savoia 2 (00196)
+39 0695226414 , +39 0636002415 (fax)
info@decrescenzoeviesti.com
www.decrescenzoeviesti.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Il lavoro di Thorsten Kirchhoff si articola nelle due sale della galleria. La prima, limbica, le opere a colori, vuole esporre in qualche modo l’amore, la paura, la solitudine, l’emozione. Nella seconda, in bianco e nero, vengono rappresentate la consapevolezza, la cognizione, la ricerca di informazioni per capire il mondo.
orario: Lunedì – Sabato 11 – 13 / 16 – 19.30 Lunedì mattina e Sabato pomeriggio per appuntamento
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 25 febbraio 2010. ore 18.30
autori: Thorsten Kirchhoff
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La galleria De Crescenzo & Viesti è lieta di ospitare dal 25 febbraio al 24 aprile 2010, per la prima volta presso la sua sede, la mostra personale dell’artista danese Thorsten Kirchhoff. “Quello che in molti ignorano è che il nostro cervello è fatto di due cervelli. Un cervello arcaico, limbico, localizzato nell’ippocampo, che non si è praticamente evoluto da tre milioni di anni fa ad oggi. Un cervello piccolo, ma che possiede una forza straordinaria. Controlla tutte quelle che sono le emozioni. Ha salvato l’australopiteco quando è sceso dagli alberi, permettendogli di fare fronte alla ferocia dell’ambiente e degli aggressori. L’altro cervello è quello cognitivo, molto più giovane. E’ nato con il linguaggio e in 150mila anni ha vissuto uno sviluppo straordinario, specialmente grazie alla cultura. Si trova nella neo-corteccia.” (Rita Levi Montalcini, Wired, febbraio 2009). Il lavoro di Thorsten Kirchhoff si articola nelle due sale della galleria. La prima, limbica, le opere a colori, vuole esporre in qualche modo l’amore, la paura, la solitudine, l’emozione. Nella seconda, in bianco e nero, vengono rappresentate la consapevolezza, la cognizione, la ricerca di informazioni per capire il mondo. Ma questo è solo lo spunto, l’occasione per giungere alla contraddizione, a quella sorta di gioco tra logico ed illogico che è il paradosso, a ciò che è vero e falso allo stesso tempo. Immagini incongrue come le coordinate geografiche incastrate in un angolo, o l’esploratore/viaggiatore nel tempo alla ricerca di tracce su una strada asfaltata. Immagini sproporzionate come la pistola che spara ai palloncini. Immagini sconvenienti come lo stetoscopio che ausculta la scatola di cioccolatini a forma di cuore. E poi ancora immagini fuori luogo come un camino che partorisce un ghiacciaio. E immagini inopportune come una foto che non è una foto di un uomo che non è un uomo, che mi guarda. Contraddizioni resistenti, difficile liberarcene se non con la terapia che l’artista ci propone: sculture, quadri che se pur illogici, persino assurdi non presuppongono alcuna competenza particolare dello spettatore perché essi semplicemente sono qui, ora, esistenti, puro divertimento intellettuale.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram