Ryan Mendoza - Posseduti 3085 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MADRE - MUSEO D'ARTE DONNA REGINA ​ Via Luigi Settembrini 79 Napoli 80139

Napoli - dal 6 marzo al 28 giugno 2010

Ryan Mendoza - Posseduti
[leggi la recensione]

Ryan Mendoza - Posseduti
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
MADRE - MUSEO D'ARTE DONNA REGINA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Luigi Settembrini 79 (80139)
+39 08119313016
www.museomadre.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

In occasione della mostra al Madre, l’artista americano presenta 13 tele di grandi dimensioni, una galleria di individui, che rivela una rara capacità tecnica e compositiva.
orario: dal lunedì al venerdì ore 10.00 – 21.00 sabato e domenica ore 10.00 – 24.00 Giorno di chiusura: martedì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: Intero: euro 7.00 Ridotto: euro 3.50 Gratuito tutti i lunedì
vernissage: 6 marzo 2010. ore 19
catalogo: in mostra
editore: ELECTA
ufficio stampa: ELECTA, ELECTA NAPOLI
curatori: Vincenzo Trione
autori: Ryan Mendoza
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Il Madre presenta a partire dal 6 marzo prossimo la mostra The possessed di Ryan Mendoza a cura di Vincenzo Trione.

In occasione della mostra al Madre, l’artista americano presenta 13 tele di grandi dimensioni, una galleria di individui, che rivela una rara capacità tecnica e compositiva. Ryan Mendoza – da anni trapiantato a Napoli, dopo lunghi soggiorni a Berlino e a Parigi – recupera tecniche, soluzioni e artifici dai maestri della storia dell’arte. Definisce teatralità complesse. Modella anatomie, dosa colori, calibra luci. Attinge a un ricco archivio di memorie, per porsi, però, sempre al di là di ogni facile anacronismo. L’ “antica” sapienza pittorica, nei suoi quadri, convive con continui azzardi contemporanei. Mendoza compie stravolgimenti e alterazioni: esibisce sproporzioni prospettiche, rivela dissonanze anatomiche, manifesta distonie tra i personaggi in primo piano e gli sfondi. Siamo dinanzi a “posseduti”: figure all’apparenza normali, eppure contagiate da inquietudini, da turbamenti, da pensieri perversi. La comédie humaine si fa viaggio scandaloso, denso di richiami freudiani.

Inventore di questi racconti visivi estremi, Ryan Mendoza si pone in bilico tra il bisogno di idealizzare e il desiderio di sperimentare, è considerato pertanto una delle personalità artistiche emergenti del panorama contemporaneo, un autentico “caso” nel panorama dell’arte di questi ultimi anni. Uno scenario dominato con forza sempre maggiore dalla necessità di recuperare la disciplina della pittura in un orizzonte attuale.

La mostra sarà accompagnata da un catalogo – edito da Electa - che comprende i testi di Vincenzo Trione, Tiziano Scarpa, Milan Kundera e una conversazione tra Maurizio Braucci e Ryan Mendoza.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram