Davide D'Elia - Ieri distrattamente mi volsi a considerar altrui memorie 3093 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva EX ELETTROFONICA ​ Vicolo Di Sant'onofrio 10-11 Roma 00165

Roma - dal 5 marzo al 20 aprile 2010

Davide D'Elia - Ieri distrattamente mi volsi a considerar altrui memorie
[leggi la recensione]

Davide D'Elia - Ieri distrattamente mi volsi a considerar altrui memorie
[leggi la recensione]
Muffa su tela, cornice antica.
 [Vedi la foto originale]
EX ELETTROFONICA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Vicolo Di Sant'Onofrio 10-11 (00165)
+39 0664760163 , +39 0664760163 (fax)
info@exelettrofonica.com
www.exelettrofonica.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Curata dall’artista Andrea Aquilanti Ieri mi volsi a considerar altrui memorie (dalle quali mi trovai rinvigorito) F.P. è una mostra che riflette sulla memoria e sul tempo, facendo il verso nel titolo ai poemetti filosofici della nostra tradizione letteraria.
orario: da martedì a sabato 16-20
chiuso domenica e lunedì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 5 marzo 2010. ore 18.30
catalogo: in galleria. a cura di OTTOTIPO
curatori: Andrea Aquilanti
autori: Davide D’elia
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Il 5 marzo 2010 Ex Elettrofonica presenta nei suoi spazi una installazione site specific di Davide D’Elia. Curata dall’artista Andrea Aquilanti Ieri mi volsi a considerar altrui memorie (dalle quali mi trovai rinvigorito) F.P. è una mostra che riflette sulla memoria e sul tempo, facendo il verso nel titolo ai poemetti filosofici della nostra tradizione letteraria.

Davide D’Elia definisce le sue opere degli “affreschi rabdomantici” e non a caso sceglie come immagine per la sua mostra un’antica rappresentazione del rabdomante, del cercatore d’acqua, personaggio a metà strada tra lo scienziato, il mago e il santone. Perché i suoi lavori cercheranno davvero l’acqua sulle pareti della galleria: perché le sue opere sono fatte di muffa.

L’artista ha ricalcato le sagome degli oculi che si aprono sul soffitto della galleria e le ha riportate sulle pareti. All’interno di queste sagome ha attivato una coltivazione guidata di muffe; operando con agenti chimici e con un controllo scientifico della temperatura dell’ambiente, Davide D’Elia ha atteso per giorni che comparissero tracce di quella proliferazione fungina.
La galleria si presenta dunque marchiata dal passaggio dell’artista o meglio dalla riproduzione del passaggio del tempo: l’opera si avvicina allo scorrere del tempo narrandocelo in prima persona.

Davide D’Elia lavora sul residuo di “ciò che rimane”e sull’estetica della continua trasformazione che ci obbliga a considerare il passare.
L’artista lavora non solo sull’evolversi della vita, ma anche sulle tracce della vita ormai finita, catturandole ed estetizzandole. Le sue opere diventano un luogo di verità, di assenza di sotterfugi, di bellezza dell’infinitamente piccolo e dell’infinitamente vivo.
La sua maniera di lavorare non solo rifiuta ogni forma di protezione contro il tempo, ma desidera questo tempo, lo cerca, ne attende le evoluzioni.
I lavori di Davide D’Elia sono lavori fatti di tele ammuffite, di sottolineature tramite lampade o cornici di luoghi già ammuffiti, fatti di ombre, tracce.
Opere che tendono a svelare, e a gratificare la bellezza della nostra caducità e del nostro tempo che passa o meglio, che sta passando.

La mostra viene curata da un altro artista Andrea Aquilanti con il linguaggio che gli è proprio: un’opera d’arte. Aquilanti che da anni lavora sul concetto di sdoppiamento della visione producendo opere di grande poesia e leggerezza, che alla pittura e al disegno uniscono la proiezione video, proietterà su una parete della galleria il suo commento all’opera di D’Elia.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram