Marilù Eustachio - L'angelo del visibile 3068 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva LA NUOVA PESA CENTRO PER L'ARTE CONTEMPORANEA ​ Via Del Corso 530 Roma 00186

Roma - dal 3 marzo al 16 aprile 2010

Marilù Eustachio - L'angelo del visibile
[leggi la recensione]

Marilù Eustachio - L'angelo del visibile
[leggi la recensione]
Testa su fondo violaceo, 2007, olio e grafite su carta.
 [Vedi la foto originale]
LA NUOVA PESA CENTRO PER L'ARTE CONTEMPORANEA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Del Corso 530 (00186)
+39 063610892 , +39 063222873 (fax)
nuovapesa@farm.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Nella mostra vengono esposti una cinquantina di olii su tela e su carta, e una serie di disegni recenti, tutte opere incentrate sui temi che l’Eustachio indaga da anni: la testa, la montagna, gli alberi, i fiori, gli angeli, la casa.
orario: dal lunedì al venerdì ore 10 - 13 e 15.30 - 19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 3 marzo 2010. ore 19
catalogo: in galleria. con un testo di Elisabetta Rasy e una poesia di Valerio Magrelli dedicata all'artista.
autori: Marilù Eustachio
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa


Nella mostra vengono esposti una cinquantina di olii su tela e su carta, e una serie di disegni recenti, tutte opere incentrate sui temi che l’Eustachio indaga da anni: la testa, la montagna, gli alberi, i fiori, gli angeli, la casa.

Le opere in mostra vogliono sottolineare una dimensione essenziale del lavoro della Eustachio: la capacità di cogliere l’aura del visibile e la natura luminosa e spirituale dell’universo che ci circonda mediante un lavoro che si avvale di molteplici stesure e un segno che semplifica l’immagine naturale in un suo doppio allusivo e archetipico. L’Eustachio, infatti, è sempre stata interessata a cogliere un’immagine al limite della percezione, al punto in cui sta per scomparire o per affermarsi. La mostra, inoltre, vuole essere l’occasione per rivedere con attenzione il lavoro di
un’artista tra le più importanti della sua generazione, come testimoniano i molti autori che hanno scritto su di lei (Susan Sontang, Erri De Luca, Goffredo Parise, Fabrizio D’Amico, Amelia Rosselli, Paolo Milano, Rudolf Arnhein, Peter Weiermair, Achille Bonito Oliva, Marisa Volpi, Gabriella Caramore).

Tra le mostre recenti della Eustachio ricordiamo la personale alla Galleria d’Arte Moderna di Bologna, la partecipazione a “Autoritratto/Autobiografia” al Museo Hendrik C. Andersen di Roma, a “Donne di Roma” all’Auditorium Parco della Musica di Roma, a “Roma luogo della memoria, luogo della visione” al Museo di Roma in Trastevere, e a “Mitografie” al Museo Bilotti di Roma.

Nel catalogo per l’occasione vi saranno un testo di Elisabetta Rasy e una poesia di Valerio Magrelli dedicata all’artista.


 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram