Alighiero Boetti - Catalogo generale 3074 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/06/2019
Tracce di assenza. All'Hotel Hilton Molino Stucky di Venezia le opere di Mimmo Catania
19/06/2019
Ad Alberto Angela la laurea honoris causa dell’Università Suor Orsola di Napoli
19/06/2019
Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MAXXI - MUSEO DELLE ARTI DEL XXI SECOLO ​ Via Guido Reni 4a Roma 00196

Roma - mer 24 febbraio 2010

Alighiero Boetti - Catalogo generale

Alighiero Boetti - Catalogo generale

 [Vedi la foto originale]
MAXXI - MUSEO DELLE ARTI DEL XXI SECOLO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Guido Reni 4a (00196)
+39 0639967350 , +39 0632101829 (fax)
info@fondazionemaxxi.it
www.fondazionemaxxi.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Nella preziosa collana dei cataloghi generali e ragionati dei grandi artisti, Electa pubblica il primo dei quattro volumi dell’opera completa di Alighiero Boetti, dedicato alla produzione compresa tra il 1962 e il 1971.
biglietti: free admittance
vernissage: 24 febbraio 2010. dalle ore 18 alle ore 20.
editore: ELECTA
ufficio stampa: ELECTA
autori: Alighiero Boetti
genere: presentazione

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Nella preziosa collana dei cataloghi generali e ragionati dei grandi artisti, Electa pubblica il primo dei quattro volumi dell’opera completa di Alighiero Boetti, dedicato alla produzione compresa tra il 1962 e il 1971.

Artista di grande inventiva e di raffinata ironia, Alighiero Boetti ha praticato per tutta la vita in una complessa e variegata ricerca.

Il primo volume cataloga le opere di un periodo cruciale e di profonda sperimentazione per l’artista torinese. Dopo un esordio legato all’arte povera, caratterizzato dall’uso di materiali comuni “ma di straordinaria limpidezza estetica”, segue, a partire dalla fine degli anni Sessanta, una ricerca di tipo concettuale i cui principi generativi sono il tempo, l’ordine e il disordine, il caso e la necessità, l’uguale e il diverso, il concetto di entropia. Boetti ha scardinato le regole dell’arte, equiparando l’artista all’artefice: occupandosi della sola ideazione dell’opera, ne delega l’effettiva realizzazione a manodopera esperta, come nel caso degli Arazzi realizzati da ricamatrici afghane. L’elemento culturale-antropologico è sempre stato al centro dei suoi interessi.

Questa pubblicazione è importante non solo perché costituisce un punto di riferimento fondamentale per la studio delle opere dell’artista ma anche perché sancisce la collaborazione tra l’Archivio Alighiero Boetti e la Fondazione Alighiero e Boetti, il primo dedicato appunto alla catalogazione, la seconda alla promozione delle opere e della figura dell’artista.

Il catalogo, curato dall’Archivio sotto la direzione scientifica di Jean-Christophe Ammann e il supporto del comitato scientifico composto da Achille Bonito Oliva, Laura Cherubini, Carolyn Christov-Bakargiev e Giorgio Verzotti, è solo l’inizio di un lavoro volto a certificare l’intera e vasta produzione di Boetti.

Questo primo volume è uno strumento di riferimento indispensabile, un codice per decifrare i meccanismi concettuali del percorso artistico di Boetti, grazie ad un’accurata cronologia generale a cura di Annemarie Sauzeau (“Le opere e i giorni”) ricca di immagini (100 inedite) della vita dell’artista e consultabile attraverso i rimandi presenti nelle schede delle singole opere, appartenenti non solo al primo volume, ma anche ai successivi, così come una bibliografia aggiornata e la storia di tutte le mostre. I volumi seguenti conterranno soltanto gli aggiornamenti bibliografici rispetto alla prima pubblicazione che farà da perno quindi per la lettura degli altri tre. Il secondo volume, previsto per il 2010, sarà dedicato alle opere degli anni 1972-1978, il terzo e il quarto tomo saranno relativi agli anni 1979-1985 e 1986-1994.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram