Mariano Fortuny - La seta e il velluto 3078 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO FORTUNY ​ Campo San Beneto (San Marco) 3958 Venezia 30124

Venezia - dal 26 marzo 2010 al 9 gennaio 2011

Mariano Fortuny - La seta e il velluto

Mariano Fortuny - La seta e il velluto

 [Vedi la foto originale]
PALAZZO FORTUNY
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Campo San Beneto (San Marco) 3958 (30124)
+39 0415209070 , +39 0415223088 (fax), +39 0415200995
fortuny@fmcvenezia.it
www.museiciviciveneziani.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

presenta una straordinaria serie di rari Delphos, i leggendari abiti plissé di Fortuny, completata da cappe, mantelli, costumi e accessori, provenienti da collezioni private americane. Sono creazioni originali del maestro, che tornano “a casa” nel laboratorio in cui furono realizzate.
orario: 10/18 (biglietteria 10/17); chiuso martedì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: Ingresso con il biglietto del museo
intero 9,00 euro
ridotto 6,00 euro
agazzi da 6 a 14 anni; studenti* dai 15 ai 25 anni; accompagnatori (max. 2) di gruppi di ragazzi o studenti; cittadini ultrasessantacinquenni; personale* del Ministero per i Beni e le Attività Culturali; titolari di Carta Rolling Venice; soci FAI Gratuito
residenti e nati nel Comune di Venezia; bambini 0/5 anni; portatori di handicap con accompagnatore; guide autorizzate; interpreti turistici* che accompagnino gruppi
vernissage: 26 marzo 2010. dalle ore 18
catalogo: in mostra
editore: SKIRA
ufficio stampa: LUCIA CRESPI
autori: Mariano Fortuny
note: Promossa dall’Associazione Culturale Villa Pisani Contemporary Art in parternariato con la Regione Veneto (che la sostiene ai sensi dell’art 45, L.R. 1/2004, Azioni Regionali per l’Arte Contemporanea)
genere: design, personale
email: press@fmcvenezia.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
PRIMAVERA A PALAZZO FORTUNY

27 marzo - 18 luglio 2010

FRANCESCO CANDELORO, CITTÀ DELLE CITTÀ

piano terra

MARIANO FORTUNY LA SETA E IL VELLUTO

primo piano

SAMURAI

secondo piano

Dopo In-Finitum, la grande mostra della scorsa estate, Palazzo Fortuny, nella sua articolata e tipica connotazione di spazio espositivo, museo, laboratorio aperto di idee e di esiti artistici, si espande e riapre. Si espande con due importanti presenze in Spagna, patria di Mariano, che gli dedica due mostre, una a Barcellona e una a Madrid, cui il museo veneziano partecipa attivamente, e riapre dal 27 marzo con nuovi allestimenti e iniziative espositive, che coinvolgono i tre piani del Museo.

I vasti spazi al pianoterra, recentemente ampliati e recuperati, ospitano

CITTÀ DELLE CITTÀ, un’installazione site specific di Francesco Candeloro (Venezia, 1974), articolata in una serie di grandi opere - lastre di plexiglas di due metri tagliate a laser e stampate a raggi UV -, in cui i temi dell’architettura, della città e dell’ambiente si legano a fotografia, scultura e segno creando un percorso/labirinto. Il pubblico potrà viaggiare tra le città protagoniste da Seul a New York per passare in Europa attraverso Lisbona, Londra, Kassel, Palermo e altre città fino a Venezia.

Promossa dall’Associazione Culturale Villa Pisani Contemporary Art in partnerariato con la Regione Veneto, la mostra - curata da Walter Guadagnino - si connette infatti a Luoghi e segni, una serie di interventi dell’artista sul territorio, che si svolgono contemporaneamente alla mostra veneziana, in cui Candeloro offre uno sguardo contemporaneo su città e architetture con una installazione allestita a Padova nel portico antistante Piazza Petrarca, e una nella palladiana Villa Pisani Bonetti a Bagnolo di Lonigo, già sede di importanti iniziative volte alla promozione del contemporaneo, che inaugura sabato 10 aprile.

L’insieme del progetto si documenta, si arricchisce e si integra con uno stupefacente libro d’artista, a tiratura limitata, con testi del curatore, di Elena Forin, Teresa Macrì, Angelica Nollert, Francesca Pola, Tommaso Trini.

al primo piano

MARIANO FORTUNY LA SETA E IL VELLUTO

presenta una straordinaria serie di rari Delphos, i leggendari abiti plissé di Fortuny, completata da cappe, mantelli, costumi e accessori, provenienti da collezioni private americane. Sono creazioni originali del maestro, che tornano “a casa” nel laboratorio in cui furono realizzate.

A cura di Daniela Ferretti, catalogo Skira

Il secondo piano ospita invece

SAMURAI

ovvero l’eccezionale nucleo di armature, elmi e accessori della collezione Koelliker di Milano. L’abbigliamento da guerra dei samurai – la potente casta militare che per sette secoli governa il Giappone - è sempre stato considerato, anche in periodo di pace, importante segno di comando e di condizione sociale, portando alla realizzazione di armature di stupefacente bellezza, impreziosite da ornamenti di pregevole fattura. Di particolare significato l’assonanza con le scelte collezionistiche di Fortuny che includevano armi antiche orientali e una particolare attenzione al gusto e all’arte giapponese.

A cura di Giuseppe Piva, la mostra è prodotta in collaborazione con la Fondazione Mazzotta e il Comune di Milano. Catalogo Mazzotta
PRIMAVERA A PALAZZO FORTUNY

27 marzo - 18 luglio 2010

FRANCESCO CANDELORO, CITTÀ DELLE CITTÀ

piano terra

MARIANO FORTUNY LA SETA E IL VELLUTO

primo piano

SAMURAI

secondo piano
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram