Stefano Tisba - Alfa 3092 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA DEI LEONI ​ Via Margutta 81 Roma 00187

Roma - dal 13 al 17 aprile 2010

Stefano Tisba - Alfa

Stefano Tisba - Alfa
Crisalide
 [Vedi la foto originale]
GALLERIA DEI LEONI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Margutta 81 (00187)
+39 0636001878
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Mostra personale
orario: ore 15.00 - 19.30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 13 aprile 2010. ore 18.00
catalogo: in galleria.
curatori: Tiziana Todi
autori: Stefano Tisba
genere: arte contemporanea, personale
email: info@galleriavittoria.com

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La quadratura del cerchio

Stefano Tisba opera con straordinaria coerenza nel solco dell’astratto-concreto ma con uno spirito fervido pronto ad abbandonare il regno della memoria, per perdersi in mondi nei quali vorrebbe vivere.
Nella teoria schaefferiana l’astratto e il concreto sono i due “isotopi del reale”, due facce della percezione, interdipendenti e complementari, che devono essere conciliati ed equilibrati contro gli eccessi del concreto e gli eccessi dell’astratto.
Si può affermare che l’artista persegue una sorta di quadratura del cerchio raggiungendo nelle sue opere equilibri complessi, con un movimento che è un ordito, una trama, un tessuto, un tappeto.
Tisba vuole liberarsi dell’opacità di una condizione che vive come peso ingombrante e insostenibile, e per questa ragione è alla ricerca di un ordine superiore che egli ritiene sia il solo in grado di rischiarare l’ombra di cui si sente prigioniero.
In realtà le sue costruzioni sono dettate dalla naturale esigenza di affrontare le domande disarmanti che a loro volta schiudono nuovi temi e pongono altre domande.


CURRICULUM VITAE

Stefano Tisba nasce a Roma il 9 febbraio 1962.
Negli anni ’80, dopo il liceo classico, lavora come disegnatore pubblicitario e segue un corso di pittura presso la scuola di arti ornamentali “San Giacomo “di Roma.
Negli anni ’90 inizia la sua collaborazione come pittore presso diversi laboratori di scenografia e partecipa anche a eventi espositivi.
Nel 2001 si trasferisce a Rocca di Papa.
A febbraio 2005 partecipa alla mostra collettiva “I Tuscolani” presso le scuderie di Villa Aldobrandini di Frascati e a maggio 2006 fa una personale dal titolo “Le parole volano” presso la sala espositiva del Museo Geofisico di Rocca di Papa (RM).
Nell’ottobre 2006 diviene socio fondatore di “ Scenitalia s.r.l.“, un laboratorio per la realizzazione di scenografie per lo spettacolo.
Nel mese di settembre 2009, presso la Casa del Cinema di Roma riceve il premio “Sampietrino d’Oro Marguttiano” come pittore di scenografia.
A ottobre 2009 apre una nuova scenotecnica, la “Ars Labor Roma s.r.l.” in via Castiglione Cosentino 15 – Roma e nel mese di novembre dello stesso anno firma la scenografia del nuovo spettacolo di Enrico Brignano dal titolo: “Sono romano ma non è colpa mia”.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram