MACROradici del contemporaneo: a Roma la nostra era avanguardia 3127 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
25/06/2019
Quattro residenze per il nuovo bando di CURA 2020
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MACRO - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA DI ROMA ​ Via Nizza 138 Roma 00198

Roma - dal 27 maggio al 10 ottobre 2010

MACROradici del contemporaneo: a Roma la nostra era avanguardia

MACROradici del contemporaneo: a Roma la nostra era avanguardia
Il manifesto di / The poster for "Vitalità del negativo nell’arte italiana 1960/1970"
 [Vedi la foto originale]
MACRO - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA DI ROMA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Nizza 138 (00198)
+39 060608
macro@comune.roma.it
www.museomacro.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Con un omaggio unico e sorprendente a "Vitalità del negativo nell’arte italiana 1960/70" e "Contemporanea", la mostra accompagna il pubblico alla scoperta di una Roma d’avanguardia, tra laboratorio critico e underground: un racconto per immagini dedicato all’attività di Graziella Lonardi Buontempo, per scoprire come una grande passione per l’arte contemporanea ha dato vita a una nuova visione della cultura.
orario: da Martedì a domenica 9-19; 9-14 (la biglietteria chiude mezz'ora prima)
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: Intero € 4,50
Ridotto € 3,00
Biglietto valido 7 giorni per l'ingresso alle due sedi museali
vernissage: 27 maggio 2010. su invito
catalogo: in mostra
editore: ELECTA
curatori: Luca Massimo Babero, Francesca Pola
telefono evento: 060608
note: Apertura al pubblico dall'1 giugno. La mostra è promossa dal Comune di Roma, Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione – Sovraintendenza ai Beni Culturali, realizzata in collaborazione con gli Incontri Internazionali d’Arte
genere: arte contemporanea
email: info@incontriinternazionalidarte.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Alla scoperta di una Roma d’avanguardia, tra laboratorio critico e underground: un racconto per immagini dedicato all’attività di Graziella Lonardi Buontempo, per scoprire come una grande passione per l’arte contemporanea ha dato vita a una nuova visione della cultura. Dopo lo straordinario consenso di visitatori rimarrà visibile per tutta l’estate A Roma, la nostra era avanguardia, una mostra radicata e radicale che ha attraversato e conquistato tutte le generazioni, dialogando con ogni tipo di pubblico. MACRO sceglie di prorogare questa mostra, in un’estate densa di avvenimenti culturali, perché racconta l’avanguardia di Roma con immediatezza e attualità, assumendo un’importanza autentica per il territorio in chiave internazionale. È dedicato a Graziella Lonardi Buontempo il secondo allestimento del progetto MACROradici del contemporaneo, costruito attorno a figure cruciali per le vicende artistiche della città di Roma che hanno avuto esiti nella contemporaneità internazionale, nell’intenzione di mostrarne la straordinaria attualità come sorgenti del presente. Fervente animatrice culturale della scena artistica romana dai primi anni Settanta, Graziella Lonardi Buontempo è da sempre promotrice instancabile delle ricerche artistiche più avanzate, attraverso l’organizzazione di grandi mostre in spazi pubblici e la promozione di un nuovo modo di fare cultura, nell’incontro diretto con gli artisti e le opere nel momento stesso della loro creazione ed elaborazione. Questa mostra è la prima completamente dedicata alla rilettura di due momenti centrali nella storia dell’arte contemporanea, legati alla città di Roma, che si devono all’entusiasmo della sua catalizzante figura: le due mostre Vitalità del negativo nell’arte italiana 1960/70 - che trasformò nel 1970 il Palazzo delle Esposizioni in un gigantesco contenitore multimediale - e Contemporanea - la rassegna interdisciplinare internazionale che, con una scelta tra l’incredibile e il meraviglioso, inaugurò nel 1973 il grande parcheggio sotterraneo di Villa Borghese. Entrambe curate da Achille Bonito Oliva, hanno costituito per l’epoca due rivoluzionari modelli espostivi, nell’idea di una modalità nuova di fruizione dell’arte: attraverso un laboratorio critico aperto e la vitale mescolanza di generazioni e ricerche, restituita nella mostra al MACRO dalla straordinaria galleria continua di oltre cento grandi foto originali di Ugo Mulas a Vitalità del negativo nell’arte italiana 1960/1970. Nei due grandi monoliti delle cassettiere centrali, così come nel touchscreen interattivo, sarà possibile aprire gli spazi del tempo e trovare fotografie, tra cui quelle di Massimo Piersanti a Contemporanea, opere, documenti, lettere e testimonianze, attraverso i quali la mostra intende restituire ai visitatori la straordinaria attualità di questo modo di intendere e promuovere l’arte, secondo nuove modalità di relazione con il MACRO Via Reggio Emilia 54 Roma Sala Panorama, primo piano 1 giugno – 22 agosto 2010 A cura di Luca Massimo Barbero e Francesca Pola In collaborazione con Incontri Internazionali d’Arte Catalogo Electa, italiano/inglese Cassettiere MACRO: OTTART Prodotti per l’Arte Apertura al pubblico: 1 giugno 2010 Immagine: Manifesto di Vitalità del negativo nell’arte italiana 1960/1970 pubblico e nuove strategie culturali. Negli spazi del MACRO, sarà così possibile rivivere questi due momenti fortemente significativi per la storia artistica del XX secolo in relazione al presente, facendo esperienza in prima persona della loro attualità, in una sorta di viaggio tra le immagini: guidati dagli artisti, dalle loro opere, dalle loro parole, senza alcuna celebrazione retorica, ma ritrovando il senso di quest’avventura in progress, che arriva sino ad oggi. La mostra, a cura di Luca Massimo Barbero e Francesca Pola, è realizzata in collaborazione con gli Incontri Internazionali d’Arte. Sarà accompagnata da un catalogo bilingue che intende costituire una sorta di biografia immaginifica, articolata tra parole e visioni, tra contributi di studio e testimonianze originali, attraverso cui mettere in luce gli aspetti così fortemente attuali delle scelte di Graziella Lonardi Buontempo. Il rapporto diretto tra Graziella Lonardi Buontempo e gli artisti è stato un elemento centrale nella elaborazione di nuove modalità creative e performative nell’arte dei primi anni Settanta. Nella sua idea di promuovere e documentare l’arte del presente in un’ottica attiva, contestualmente alla realizzazione di Vitalità nel negativo nell’arte italiana 1960/1970, Graziella Lonardi Buontempo fonda infatti a Roma gli Incontri Internazionali d’Arte: luogo di sperimentazioni, in cui artisti e critici potessero interagire con il pubblico in performances, dibattiti e discussioni, nel farsi stesso del loro lavoro creativo, secondo un nuovo modo di fare arte che ancora oggi continua ad animare la scena artistica romana. Tra le numerose presenze internazionali che hanno condiviso con lei la sua straordinaria avventura vi sono stati Joseph Beuys, Alighiero Boetti, Daniel Buren, Christo, Enzo Cucchi, Mario Merz, Giulio Paolini, Michelangelo Pistoletto, Robert Rauschenberg, Gerhard Richter, Andy Warhol. La mostra “A Roma, la nostra era avanguardia” è un evento promosso dal Comune di Roma, Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione – Sovraintendenza ai Beni Culturali
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram