Aaron Young - Slippery when wet 3107 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
25/06/2019
Quattro residenze per il nuovo bando di CURA 2020
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MACRO - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA DI ROMA ​ Via Nizza 138 Roma 00198

Roma - dal 27 maggio al 10 ottobre 2010

Aaron Young - Slippery when wet
[leggi la recensione]

Aaron Young - Slippery when wet
[leggi la recensione]
Aaron Young, Untitled (un-mounted) 2008
 [Vedi la foto originale]
MACRO - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA DI ROMA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Nizza 138 (00198)
+39 060608
macro@comune.roma.it
www.museomacro.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

MACRO dedica una delle proprie sale all'opera del giovane artista americano Aaron Young con una mostra personale a cura di Costanza Paissan. Chiamato a realizzare un intervento appositamente per il Museo, Young dà vita nello spazio espositivo a un ambiente dal sapore urbano, in cui convivono liberamente diversi luoghi e linguaggi espressivi.
orario: da Martedì a domenica 9-19; 9-14 (la biglietteria chiude mezz'ora prima)
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: Intero € 4,50
Ridotto € 3,00
Biglietto valido 7 giorni per l'ingresso alle due sedi museali
vernissage: 27 maggio 2010. su invito
catalogo: in mostra
editore: ELECTA
ufficio stampa: ZETEMA
curatori: Costanza Paissan
autori: Aaron Young
telefono evento: +39 060608
note: Primo piano, Destra. Apertura al pubblico dall'1 giugno. La mostra di AARON YOUNG “Slippery when wet” è un evento promosso dal Comune di Roma,
Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione – Sovraintendenza ai Beni Culturali
Per il generoso supporto alla realizzazione della mostra, si ringraziano:
Bortolami Gallery, Gagosian Gallery, Galerie Almine Rech.
genere: arte contemporanea, personale
email: stampa.macro@comune.roma.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
All'interno di una delle sale del MACRO Aaron Young ricrea con le proprie opere un ambiente inedito e affascinante, in cui convivono dimensioni, linguaggi e luoghi diversi. Un viaggio attraverso video, scultura e installazione nell'universo espressivo del giovane artista statunitense. In occasione dell'apertura delle nuove mostre estive del 2010, MACRO dedica una delle proprie sale all'opera del giovane artista americano Aaron Young (San Francisco, California, 1972) con una mostra personale a cura di Costanza Paissan. Chiamato a realizzare un intervento appositamente per il Museo, Young dà vita nello spazio espositivo a un ambiente dal sapore urbano, in cui convivono liberamente diversi luoghi e linguaggi espressivi. L'installazione a stencil sul pavimento stimola non solo il senso della vista, con le eleganti scie disegnate con pneumatici e olio per motori, ma anche l'olfatto, facendo subito immergere l'osservatore all'interno di un'atmosfera familiare, quella di una grande città attraversata dal traffico dei veicoli che ne segnano come cicatrici la superficie. L'artista unisce così il mondo formale dell'Espressionismo astratto, riecheggiando il dripping tipico dell'action painting, con quello attuale, vitale e dinamico della strada. I quattro video in mostra, realizzati in diversi luoghi, dalla reggia di Versailles a un lago ghiacciato nello Stato di New York, convivono mescolando immagini e suoni e rovesciando a sorpresa le prospettive e i punti di riferimento spaziali, grazie al continuo capovolgersi dell'obiettivo della telecamera, presa a calci dall'artista fino alla completa distruzione. Uno dei video, realizzato appositamente per la mostra, presenta al pubblico una nuova visione, libera e disincantata, del volto classico della città di Roma e di un suo monumento simbolico: il Colosseo. Completano la mostra una serie di sculture che richiamano il mondo della strada (marciapiedi, transenne della polizia, graffiti) e lo slang delle metropoli della West Coast (Go back to the valley). L'apparente identità di ready-made viene negata dalla tecnica delle sculture, in realtà raffinate fusioni in bronzo, ridipinte dall'artista per tornare all'aspetto degli oggetti originali. Un gioco ironico, spontaneo e disinvolto, basato sul dialogo tra la cultura della strada e la creazione di manufatti artistici, capaci di presentarsi come forme autonome di espressione estetica, come immagini di inaspettata bellezza. In concomitanza con l'inaugurazione della mostra personale al MACRO, Young realizza nella città di Roma un'installazione monumentale in un luogo storico e centrale del tessuto urbano: il Teatro Marcello. Dialogando con le forme architettoniche e con le leggende dell'antico sito archeologico, l'artista ricrea una delle colonne dell'antistante tempio di Apollo, sovrapponendovi una scultura dorata che richiama la forma di una carrozza per turisti. Passato e presente della città di Roma si incontrano in un'opera che è insieme ironico commento alle dinamiche sociali dell'oggi e omaggio spontaneo alle forme dell'antichità. Aaron Young (San Francisco, California, 1972), vive e lavora tra New York e Los Angeles. Diplomatosi al San Francisco Art Institute nel 2001, ha ottenuto un Master of Fine Arts presso l'Università di Yale nel 2004. L'artista si esprime attraverso la scultura, il video, l'installazione e la pittura. La sua opera è stata esposta in importanti contesti come il P.S.1 Contemporary Art Center di Long Island City, New York, l'Astrup Fearnley Museet for Moderne Kunst di Oslo (2005), il Kunstwerke di Berlino (2008) e all'interno di rassegne internazionali come la Whitney Biennial (2006) e la Moscow Biennale (2007). La mostra di AARON YOUNG “Slippery when wet” è un evento promosso dal Comune di Roma, Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione – Sovraintendenza ai Beni Culturali Per il generoso supporto alla realizzazione della mostra, si ringraziano: Bortolami Gallery, Gagosian Gallery, Galerie Almine Rech. MACRO
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram