Luca Trevisani: Lo spazio è un giardino da coltivare 3085 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MACRO - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA DI ROMA ​ Via Nizza 138 Roma 00198

Roma - dal 27 maggio al 17 ottobre 2010

Luca Trevisani: Lo spazio è un giardino da coltivare
[leggi la recensione]

Luca Trevisani: Lo spazio è un giardino da coltivare
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
MACRO - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA DI ROMA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Nizza 138 (00198)
+39 060608
macro@comune.roma.it
www.museomacro.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Con Luca Trevisani procede la metamorfosi delle pareti degli ingressi alle ali espositive del Museo: tali aree divengono così non solo uno spazio di passaggio, ma luoghi di nuove esperienze estetiche.
orario: da Martedì a domenica 9-19; 9-14 (la biglietteria chiude mezz'ora prima)
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: Intero € 4,50
Ridotto € 3,00
Biglietto valido 7 giorni per l'ingresso alle due sedi museali
vernissage: 27 maggio 2010. su invito
catalogo: in mostra
editore: ELECTA
ufficio stampa: ZETEMA
curatori: Francesco Stocchi
autori: Luca Trevisani
telefono evento: +39 060608
note: Piano terra. Apertura al pubblico dall'1 giugno. Il progetto speciale di LUCA TREVISANI “Lo spazio è un giardino da coltivare” è un evento promosso dal Comune di Roma, Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione – Sovraintendenza ai Beni Culturali
genere: arte contemporanea, personale
email: stampa.macro@comune.roma.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Lo spazio è un giardino da coltivare.

L’identità è un nuvola, una nebulosa, una variabile.

Le maree sono l'effetto più tangibile dell'influenza esercitata dal Sole e dalla Luna sul nostro pianeta, dei cambiamenti e dei flussi che ne derivano.

La gravitazione universale vede due corpi attrarsi in maniera reciproca, modificarsi, quella in cui siamo immersi è una coreografia celeste.

La Luna esercita una forza di attrazione sulla Terra che si ripercuote sulla massa liquida, che è più soggetta alle deformazioni.

L’acqua ci mostra la natura delle cose.

Lo spazio è un giardino da coltivare.

Luca Trevisani

Il ciclo MACRO PROGETTI SPECIALI, iniziato nell’estate del 2009, dà la possibilità a giovani artisti della scena artistica italiana e internazionale di invadere spazi alternativi del MACRO, per interagire con l’architettura del Museo e le sue potenzialità. Artisti come Francesco Simeti e il duo Cuoghi Corsello si sono appropriati delle pareti degli ascensori e delle pareti curve degli atri, conferendo agli ambienti nuova vita e nuovi significati.

Con Luca Trevisani procede la metamorfosi delle pareti degli ingressi alle ali espositive del Museo: tali aree divengono così non solo uno spazio di passaggio, ma luoghi di nuove esperienze estetiche.

Evoluzione di Gibbosa e Sfuggente, l’opera di Trevisani – Lo spazio è un giardino da coltivare – rappresenta nelle sue forme insieme organiche e artificiali, le fasi lunari nello spazio cosmico. Le immagini rievocano i ritmi delle maree, i movimenti astrali e le geometrie celesti, forze ed entità che governano la vita umana, determinandone i tempi e le stagioni. Interessato all’influenza esercitata dall’immensamente grande sui singoli individui, l’artista rappresenta, sulle superfici industriali in pvc che ricoprono le pareti speculari degli ingressi, forme che rievocano le forze gravitazionali dei corpi. In un gioco di attrazione-repulsione, due immagini complementari si fronteggiano e dialogano, generando una coreografia celeste basata sulla complementarietà, sulla reciprocità e sulla moltiplicazione dei punti di vista.

Luca Trevisani è nato nel 1979 a Verona, vive a Berlino. Il suo lavoro si articola tra scultura, video, fotografia e installazioni. Ha partecipato a numerose mostre personali e collettive sia in Italia che all’estero, tra cui si segnalano Manifesta 7 e T2 (Seconda Triennale di Torino) nel 2008; Clinamen, Pinksummer, Genova 2006; William Paxton’s cluster, Palestra, GAMeC, Bergamo 2005; Il vento dal Settecento all’arte contemporanea, Fondazione Torino Tremusei, Castagneto Po, 2006. L’ultima mostra personale dell’artista si è tenuta quest’anno presso il NIMK / Montevideo di Amsterdam. Vincitore nel 2007 del premio Furla e nel 2009 del Premio New York, ha recentemente terminato la residenza ISCP a New York.

Il progetto speciale di LUCA TREVISANI “Lo spazio è un giardino da coltivare” è un evento promosso dal Comune di Roma, Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione – Sovraintendenza ai Beni Culturali
















 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram