A che serve l'Italia 3068 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/06/2019
Tracce di assenza. All'Hotel Hilton Molino Stucky di Venezia le opere di Mimmo Catania
19/06/2019
Ad Alberto Angela la laurea honoris causa dell’Università Suor Orsola di Napoli
19/06/2019
Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva TEMPIO DI ADRIANO ​ Piazza Di Pietra Roma 00186

Roma - gio 15 aprile 2010

A che serve l'Italia

A che serve l'Italia
TEMPIO DI ADRIANO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Di Pietra (00186)
+39 06492714200
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Umberto Croppi, assessore alle Politiche Culturali del Comune di Roma, invita a una riflessione sul tema: a che serve l'Italia.
biglietti: free admittance - fino ad esaurimento posti
vernissage: 15 aprile 2010. ore 18
curatori: Marcello Sorgi
autori: Umberto Croppi, Giuliano da Empoli, Benedetto Della Vedova, Sergio Scalpelli
genere: incontro - conferenza

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Umberto Croppi, assessore alle Politiche Culturali del Comune di Roma, invita a una riflessione sul tema:
a che serve l'Italia.
Il primo incontro avrà luogo giovedì 15 aprile, ore 18.00
Tempio di Adriano
Camera di Commercio
Piazza di Pietra - Roma
ne discuteranno
Giuliano da Empoli, Benedetto Della Vedova, Sergio Scalpelli.
Coordina Marcello Sorgi

Quando, nel ‘67, Guy Debord elaborò il suo celebre saggio
“La società dello spettacolo”
identificò nel nostro Paese il
luogo in cui si stavano realizzando le condizioni di un radicale
cambiamento della politica, in rapporto con la comunicazione
e le nuove fonti di legittimazione. La patria di Machiavelli
come laboratorio di nuove forme di rappresentanza
e controllo.
Dopo quarant’anni quell’analisi sembra aver colto alcune
delle linee evolutive che hanno accompagnato una trasfor
mazione
mai compiuta, una infinita transizione.
A volte crocevia, a volte margine l’Italia è oggi in cerca di ancoraggi
non ancora ritrovati: uno smarrimento che attraversa
tanto i territori della politica quanto quelli dell’impresa e
delle relazioni sociali.
Eppure l’Italia, nel bene e nel male, è ancora destinata a essere
quel laboratorio, forse quell’eccezione che aveva scorto
il pensatore francese.
Qualcuno dovrà però cominciare a chiedersi seriamente
dove risiedono le risorse che possono metterci in
grado di dare un significato nuovo al nostro essere
comunità nazionale.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram