After fluxus #2 3069 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva AUDITORIUM - PARCO DELLA MUSICA ​ Viale Pietro De Coubertin 34 Roma 00196

Roma - sab 17 aprile 2010

After fluxus #2

After fluxus #2
AUDITORIUM - PARCO DELLA MUSICA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Viale Pietro De Coubertin 34 (00196)
+39 0680241436
info@musicaperroma.it
www.auditorium.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

In occasione della mostra di George Brecht in Auditorium Arte dal 7 aprile al 14 maggio il secondo appuntamento con la performance, dopo la serata dedicata a Ben Patterson, è il 17 aprile con il ciclo di performance di artisti contemporanei “After Fluxus” nel Teatro Studio dell’Auditorium.
biglietti: free admittance
vernissage: 17 aprile 2010. ore 21
autori: Karl Holmqvist, Stefan Tcherepnin, ZimmerFrei ZimmerFrei
genere: arte contemporanea, performance - happening, serata - evento
email: fluxus@musicaperroma.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
In occasione della mostra di George Brecht in Auditorium Arte dal 7 aprile al 14 maggio il secondo appuntamento con la performance, dopo la serata dedicata a Ben Patterson, è il 17 aprile con il ciclo di performance di artisti contemporanei “After Fluxus” nel Teatro Studio dell’Auditorium.

Alle ore 21, gli ZimmerFrei eseguiranno Zimmerfrei plays Walter Marchetti. Song for John Cage.

Walter Marchetti è stato uno dei protagonisti della scena della Neoavanguardia musicale, sin dagli anni '50, fondatore assieme a Juan Hidalgo del gruppo Zaj, costola europea di Fluxus.

In Song For John Cage ogni parola è legata all'altra dal senso, ma separata dal tempo; nella versione di ZimmerFrei, il tempo che intercorre fra una particella e l'altra si trasforma in sostanza discreta: sola luce, puro suono, gravità, brevi immagini e accadimenti singolari. Ognuno di questi elementi potrebbe essere un incipit, l’occasione per una partenza, ma la scansione della frase conserva una forza che li fa convergere in uno scenario di omogenea densità: una visione del caos al lavoro.

Il gruppo di artisti (Massimo Carozzi, Anna de Manincor, Anna Rispoli) fondato nel 2000 con sede a Bologna e Bruxelles, presenterà una sua versione di Song For John Cage, una poesia sonora di Walter Marchetti, registrata nel 1984 e pubblicata nel disco "Per La Sete Dell'Orecchio" dalla Cramps Records.

A seguire, il poeta-artista visivo svedese Karl Holmqvist e il musicista Stefan Tcherepnin presenteranno in prima assoluta Big Head, un nuovo progetto per parola parlata e registrazioni sonore: “immaginiamo un mix diretto di campioni sonori, registrazioni e parlato - spiegano gli artisti -, diverse voci che ciascuno può sentire nella propria testa, evocare nella memoria o nel sogno mescolate ai rumori del traffico e al ritmo, forse il richiamo di un uccello. Il suono ha la qualità straordinaria di mantenere viva la tua attenzione nel momento, mentre le frasi ripetute e i frammenti che provengono da qualche altra parte creano una discrepanza tra allora e ora. Qui e là. Dentro e fuori. Ciò che si crea alla fine è forse un’opportunità per il pubblico e gli interpreti e lo spazio che occupano di funzionare come un’unica grande mente, registrando il momento che condividono”.

Stefan Tcherepnin lavora autonomamente come compositore e interprete. Fa parte del progetto Grand Openings, che ha avuto origine a New York, città in cui vive e lavora.

Karl Holmqvist è un artista che lavora spesso con la parola detta e le sperimentazioni linguistiche. Il suo libro What's My Name? è stato pubblicato nel 2009 da Bookworks, Londra.


 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram