Storie d'arte e di misfatti 3091 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/06/2019
Tracce di assenza. All'Hotel Hilton Molino Stucky di Venezia le opere di Mimmo Catania
19/06/2019
Ad Alberto Angela la laurea honoris causa dell’Università Suor Orsola di Napoli
19/06/2019
Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva ISTITUTO NAZIONALE PER LA GRAFICA - CALCOGRAFIA ​ Via Della Stamperia 6 Roma 00187

Roma - dal 21 aprile al 16 maggio 2010

Storie d'arte e di misfatti

Storie d'arte e di misfatti

 [Vedi la foto originale]
ISTITUTO NAZIONALE PER LA GRAFICA - CALCOGRAFIA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Della Stamperia 6 (00187)
+39 0669980230 , +39 0669921454 (fax)
www.grafica.arti.beniculturali.it/home.htm
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Sei indagini sull'archeomafia raccontate a fumetti
orario: dal martedì alla domenica: 10-19 chiusura tutti i lunedì 1 maggio aperto
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 21 aprile 2010. ore 17
editore: CONIGLIO
ufficio stampa: Marcella Ghio 06 69980238 - mghio@beniculturali.it
curatori: Paolo Barcucci
autori: Giancarlo Alessandrini, Sara Colaone, Marco Corona, Giuseppe Palumbo, Maurizio Ribichini, Fabio Visintin
patrocini: sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica
note: Dalla collaborazione tra Legambiente, Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale,

l'Istituto Nazionale per la Grafica
genere: collettiva, disegno e grafica

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Sei preziosi reperti recuperati, sei indagini condotte dal Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, sei storie a fumetti realizzate da prestigiosi autori italiani.

Sarà un evento speciale quello dell’inedita mostra che il 21 aprile sarà inaugurata a Roma, all’Istituto Nazionale per la Grafica, nelle sale della Calcografia che vedrà per la prima volta il fumetto nel tempio della grafica italiana.

Da un’idea di Legambiente, che da anni si occupa di monitorare, con il contributo delle Forze dell’Ordine, il traffico illecito di opere d’arte, nasce questo progetto mirato alla sensibilizzazione e informazione sul fenomeno delle Archeomafie, attraverso la promozione della Nona Arte, ovvero il Fumetto.


Prendendo spunto da sei Storie d’arte e di misfatti, ovvero sei indagini, relative a recuperi d’opere d’arte, compiute dai Carabinieri del Comando Tutela Patrimonio Culturale, sono stati realizzati altrettanti racconti a fumetti, sceneggiati da Silvano Mezzavilla e disegnati da Giancarlo Alessandrini, Sara Colaone, Marco Corona, Giuseppe Palumbo, Maurizio Ribichini, Fabio Visintin.

Nella Mostra, a cura di Paolo Barcucci con allestimenti di Cinzia Leone, l’arte del fumetto verrà affiancata alle arti tradizionali, rappresentate dalle sei opere recuperate dai Carabinieri, ovvero un reperto votivo d’era precristiana, un mosaico catacombale, un volume bodoniano, dipinti autentici e falsi d’autore.

I racconti che compongono Storie d’arte e di misfatti sono: L’Offerta (disegni di Sara Colaone), in cui un piccolo vaso, creato da un bimbo migliaia di anni fa, viene salvato dalla distruzione; Fiori finti (disegni di Maurizio Ribichini) ambientato a Porta Portese, tra oggetti di vero antiquariato e falsi dipinti di Giacomo Balla; Ex libris (disegni di Fabio Visintin), con protagonista un bibliofilo che alimenta il vizio del gioco rubando libri antichi; Reperti (disegni di Giancarlo Alessandrini) in cui è descritto il recupero di un mosaico romano del IV – III secolo; Colori nel buio (disegni di Marco Corona) che narra di un infermiere di un nosocomio romano, abile nel realizzare falsi di Mario Schifano; Una Sacra Famiglia (disegni di Giuseppe Palumbo) dove dipinti di anonimi pittori vengono attribuiti a grandi Maestri del passato, da critici d’arte collusi con la malavita, in modo di aumentarne immensamente il valore.

Archeomafia è la parola coniata da Legambiente all’inizio degli anni ’90 per definire l’attività illegale della criminalità organizzata nell’ambito dei beni culturali. Nel solo 2009 i furti d’arte in Italia sono stati 882 per 13.224 oggetti trafugati. 1.264 sono state le persone indagate di cui 44 quelle arrestate. Grazie all’attività del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, sono stati recuperati 55.584 reperti archeologici, provenienti da scavi clandestini, e 19.043 oggetti d’arte rubati.

Il libro pubblicato per l’occasione per i tipi di Francesco Coniglio Editore è a cura di Paolo Barcucci con testi di Silvano Mezzavilla, Paolo Barcucci e Alessandro Ruggieri.







 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram