Pio Pullini - E Roma. Venticinque anni di storia illustrata (1920-1945) 3101 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO DI ROMA - PALAZZO BRASCHI ​ PIAZZA San Pantaleo 10 Roma 00186

Roma - dal 21 aprile al 5 settembre 2010

Pio Pullini - E Roma. Venticinque anni di storia illustrata (1920-1945)
[leggi la recensione]

Pio Pullini - E Roma. Venticinque anni di storia illustrata (1920-1945)
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
MUSEO DI ROMA - PALAZZO BRASCHI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza San Pantaleo 10 (00186)
+39 060608
museodiroma@comune.roma.it
www.museodiroma.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

in mostra al Museo di Roma il realismo ironico di Pio Pullini. Circa 90 opere appartenenti alle sue collezioni con prestiti dalla Galleria Comunale d’Arte Moderna e dagli eredi dell’artista
orario: Ore 9.00 -19.00. L’ingresso è consentito fino alle 18.00. Chiuso lunedì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: € 8 intero € 6 ridotto. Gratuito per le categorie previste dalla tariffazione vigente. La biglietteria chiude un’ora prima
vernissage: 21 aprile 2010. ore 18
catalogo: in mostra
editore: GANGEMI
ufficio stampa: ZETEMA
curatori: Angela Maria D’Amelioc, Maria Elisa Tittoni, Simonetta Tozzi
autori: Pio Pullini
telefono evento: +39 060608
note: Organizzazione: Zetema. Sponsor: Banche Tesoriere del Comune di Roma: BNL – Gruppo BNP Paribas, Unicredit - Banca di Roma, Monte dei Paschi di Siena; Gioco del Lotto; Atac; Vodafone Contributo tecnico La Repubblica
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Ufficialità e umorismo. Due facce della creazione di un artista, Pio Pullini, che si destreggiò con maestria tra ritratti e pitture ufficiali da un lato e illustrazioni e acquarelli umoristici dall’altro. Tutti gli aspetti della sua opera - con particolare attenzione al suo rapporto con la città di Roma - saranno messi in luce nella mostra “Pio Pullini e Roma. Venticinque anni di storia illustrata (1920-1945) ” al Museo di Roma - Palazzo Braschi dal 22 aprile al 5 settembre 2010.

L’esposizione è promossa dal Comune di Roma, Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione – Sovraintendenza ai Beni Culturali e curata da Maria Elisa Tittoni, Simonetta Tozzi e Angela Maria D’Amelio.

In mostra circa 90 opere appartenenti alle collezioni del Museo di Roma, alla Galleria Comunale d’Arte Moderna, alla Collezione Pia Petrucci e alla Collezione Pietro Pullini: illustrazioni, acquerelli e dipinti divisi in tre sezioni che ricalcano i periodi in cui Pullini visse a Roma: dal 1906 allo scoppio della Grande Guerra; dal 1920 al 1922 e dal 1934 alla sua morte.

Nella prima sezione si trovano alcune illustrazioni realizzate dall’artista per importanti riviste e quotidiani tra cui “La Tribuna illustrata” e “L’Urbe”. Pullini affresca insieme ad altri pittori il Palazzo del Viminale(1920), ritrae in modo insolito e intimo Gabriele D’Annunzio, dipinge il ritratto ufficiale del nuovo Papa Pio XI e una singolare caricatura del poeta Trilussa, suo amico di lunga data. Nel ’22 lascia Roma per insegnare disegno nelle scuole di Cagliari, Rovigo e Faenza ma mantiene i contatti con la città attraverso la partecipazione a mostre collettive (nel ’21 partecipa alla I Biennale Romana, nel ’26 alla mostra di caricature nell’ex ristorante Biffi e dal ’27 al ‘30 alle mostre annuali degli Amatori e Cultori d’arte al Palazzo delle Esposizioni). Inoltre la sua notorietà cresce con l’illustrazione del libro unico di letture per la prima e la seconda elementare.

La seconda sezione racconta gli anni della Seconda Guerra Mondiale e del Dopoguerra con acquerelli caratterizzati da un realismo ironico e dolente. L’occhio vigile e partecipe di Pullini si sofferma su preti e sovrani, nobili e borghesi, politici e popolani, reduci ed eroi, gerarchi fascisti e nuovi arrivati americani. Tutti sono ritratti a figura intera su sfondi sfumati riducendo al minimo i tratti caricaturali, scelta che rende queste opere un fedele documento di quei tempi.

La terza ed ultima sezione raccoglie un gruppo di dipinti che, a partire dal1912, ne documentano l’attività di ritrattista. Dai nudi di donna, testimonianza della sua formazione presso l’Istituto di Belle Arti di Roma e l’atelier di Giulio Aristide Sartorio, alle opere più tarde dove affiora una vena più familiare e intimista.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram