Michele De Luca - Analisi fredda 3087 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
Il Ninfeo degli Specchi torna alla luce, con zampilli e scherzi d'acqua
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva INSIGHT SPACE GALLERY ​ Via Marco Aurelio 43 Roma 00184

Roma - dal 24 aprile al 10 ottobre 2010

Michele De Luca - Analisi fredda

Michele De Luca - Analisi fredda
INSIGHT SPACE GALLERY
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Marco Aurelio 43 (00184)
+39 3409010325
studio418@libero.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Lo spazio di una casa romana al rione Celio, con la sala dannunziana arredata con quadri, libri e sculture antiche per suscitare nel paziente quiete e riflessione durante le sedute psicoanalitiche, si trasforma in un ambiente pervaso dalle lame di luce delle intense opere astratte di Michele De Luca.
orario: sabato e domenica ore 17-20 o su appuntamento agosto chiuso
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 24 aprile 2010. ore 18.30
autori: Michele De Luca
note: In collaborazione con il Centro Studi Lucio Colletti onlus
genere: arte contemporanea, personale
web: www.luciocolletti.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Lo spazio di una casa romana al rione Celio, con la sala dannunziana arredata con quadri, libri e sculture antiche per suscitare nel paziente quiete e riflessione durante le sedute psicoanalitiche, si trasforma in un ambiente pervaso dalle lame di luce delle intense opere astratte di Michele De Luca. Bagliori sorgivi evocano uno strano stato di calma enigmatica attraverso passaggi e vibrazioni spaziali dalle fredde gamme cromatiche. Scialbature di colore e luminescenze metalliche duellano in contrappunto fra le singole opere sparse, dislocate nella casa-galleria. Come librate, le pitture di De Luca (venti lavori, alcuni inediti), legni, tele e metalli, forme rettangolari o oblunghe, tonde ed oggettuali, sembrano espandersi dai loro supporti e sono percorse da ombre ed improvvise apparizioni di luce che aprono lo sguardo alla dimensione del divenire cosmico. La virtualità ma anche la materialità della sua pittura agiscono quasi ipnoticamente sull’osservatore, attraverso un gioco sottile di riflessi e trasparenze, e questa analisi fredda offre un andamento leggero dello sguardo che pare amplificarsi nel silenzio dello spazio. Sono presenze originarie, forme-segnali di un fuoco interiore che passa da un lavoro all’altro, come un migrare lento e inesorabile. L’energia sprigionata dall’immagine, che sembra in continua dissolvenza, fornisce uno stato di calma e di raggelata riflessione su una spazialità dolce e che è come un viaggio nell’infinito. Michele De Luca (Pitelli, La Spezia 1954), artista e poeta, lavora da tempo su una distintiva e meditata linea di ricerca astratta che vede nella luce, componente anche fisica che interagisce con la pittura, un dato di costante riferimento. La sua parallela ricerca visiva e letteraria (esplicitata nella sua raccolta di poesie “Altre realtà” edita recentemente da Quasar) tende all’analisi delle forze primarie. Vive e lavora in Liguria e a Roma, dove insegna all’Accademia di Belle Arti. Ha partecipato a: Nuove emergenze degli anni Ottanta e Novanta, Premio Marche 1999, Mole Vanvitelliana, Ancona, 1999; BNL: una Banca per l’arte oltre il mecenatismo, Chiostro del Bramante, Roma, 2000; Sensi contemporanei, Museo Vittoria Colonna, Pescara, Le collezioni del CAMeC, Centro Arte Moderna e Contemporanea, La Spezia; La luce oltre la forma, Galleria Comunale, Portogruaro, Galleria Peccolo, Livorno, Galleria Folini, Chiasso, Svizzera, Museo Casabianca, Malo, 2004; Collezione Fabbrica Borroni, Bollate, I labirinti della bellezza, 59° Premio Michetti, Museo Michetti, Francavilla al mare, 2008; Kansainvalinen taidenayttely, ViaArte gallery, Viitasaari, Finland, Moti urbani–StazionImpossibili, Palazzo Nicotera, Lamezia Terme, 2009. Ha esposto a rassegne a Tokyo, Parigi, Londra, Melbourne, Seoul e in Finlandia, Germania, Irlanda, Svizzera, Emirati Arabi Uniti. Fra le personali: Università di Genova, 1996; Accademia d’Ungheria in Roma, 1997; Museattivo Claudio Costa, Genova, 1998; Immaginaria, Firenze, Galleria Giulia, Roma, 2001; Studio Ghiglione, Genova, 2002; Studio Watts, San Gemini, Galleria Peccolo, Livorno, 2003; SICAF, Seoul International Contemporary Art Fair, Seoul, Sud Corea, 2004; Palazzo Chigi, Galleria Miralli, Viterbo, Tralevolte, Roma, 2005; Tuma’s, Roma, 2007; CAMeC, La Spezia, 2008; Quasar, Roma, 2009. www.tralevolte.org www.fabbricaborroni.it www.retididedalus.it
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram